A1 femminile, il nuovo terzino biancorosso Nahomi Marquez Jabique si presenta: “Sento fin da adesso che sarà una grande stagione, sia a livello individuale sia soprattutto per i risultati che la Casalgrande Padana saprà cogliere”

“La Casalgrande Padana è una realtà che seguo da tempo, e in più ho avuto occasione di affrontarla varie volte nel recente passato: si tratta di una squadra che anche quest’anno ha saputo esprimere un gioco convincente, e di grande efficacia. Di conseguenza, sono davvero felicissima di essere approdata in biancorosso: colgo l’occasione fin da sùbito per ringraziare tantissimo la società… e tutti coloro che leggeranno questa mia intervista!” Facile capire a chi appartenga questo travolgente entusiasmo: si tratta ovviamente di Nahomi Marquez Jabique, volto nuovo della formazione ceramica per il prossimo campionato di serie A1 femminile. Nata a Cuba, e più precisamente all’Avana, la forte pallamanista classe 2000 si appresta ad affrontare la sua terza esperienza nell’ambito della massima divisione italiana: nel 2019/20 lei ha infatti vestito la casacca dell’Ariosto Ferrara, poi durante lo scorso campionato è stata protagonista nelle file dell’Alì-Best Espresso Mestrino disputando pure le semifinali scudetto. Sono inoltre da evidenziare le sue rilevanti esperienze nell’ambito della Nazionale cubana: ai Giochi panamericani del 2018, così come ai Mondiali giapponesi che si sono svolti 3 anni fa.

Il terzino cubano Nahomi Marquez Jabique, nuova arrivata alla Casalgrande Padana

E dunque, Nahomi, oltre a quelle che hai già menzionato, quali sono le altre ragioni che ti hanno spinta ad accettare l’offerta casalgrandese?

“Per descriverle faccio sùbito un passo indietro, parlando del mio percorso con la maglia del Mestrino. Senza nulla togliere alle rilevanti esperienze che ho portato avanti con altre squadre, quella in terra padovana è stata particolarmente significativa: devo molto all’ambiente gialloverde, perchè lì ho effettuato tappe che ritengo di basilare importanza nella mia formazione sportiva. Alla fine della scorsa stagione, non c’è stata la possibilità di rinnovare l’accordo con Mestrino: diciamo che si è chiuso un ciclo, come sempre può capitare nel mondo dello sport e non solo. A quel punto ho valutato con grande attenzione la proposta della Casalgrande Padana, trovando parecchi motivi per dire sì: la qualità della squadra sul piano tecnico, ma pure la prospettiva di vivere un percorso inedito e gratificante. L’opportunità biancorossa mi dà la possibilità di crescere ancora, sia dal punto di vista sportivo sia come persona. Quando si presentano occasioni simili, lasciarsele sfuggire sarebbe un grave errore: e poi, io ho una spiccata predisposizione per affrontare con grande slancio ogni nuova sfida. Quanto alle mie future compagne di squadra, ancora non le conosco personalmente: in compenso tutti me ne stanno parlando davvero bene, e ciò rappresenta senza dubbio un altro valido motivo per mettermi alla prova nei ranghi di Casalgrande”.

Al centro, Nahomi Marquez Jabique in azione

Il tuo ruolo è quello di terzino: più nel dettaglio, in campo quali sono i maggiori punti di forza su cui fai affidamento? In buona sostanza, dove risiedono i tuoi pregi principali?

“Di certo, so stabilire un buon affiatamento con il resto dell’organico. Quando gioco in una realtà che per me è nuova, mi basta sempre poco tempo per entrare con buona efficacia nei meccanismi di squadra: inoltre ripongo sempre il massimo sforzo per aiutare tutte le compagne di casacca, anche e soprattutto nei momenti di maggiore difficoltà delle varie partite. Per il resto ripongo grande fiducia sulla mia forza fisica, sulla forza del mio braccio in fase di tiro… e sulla mia vita! L’obiettivo fisso che mi prefiggo sta infatti nel riuscire a perfezionarmi in maniera costante, contando pure sull’aiuto indiretto di mia madre Maria Regla Jabique. Lei vive a Cuba, ma in tutte le partite immagino che sia sempre lì a incitarmi sugli spalti: questo pensiero mi aiuta ad avere ulteriore slancio ed efficienza in ogni fase dell’incontro. Ne ricavo notevole energia sia a livello realizzativo, sia in fase di costruzione del gioco”.

La Casalgrande Padana che ha affrontato la serie A1 nella stagione 2021/22: durante la prossima annata, l’organico biancorosso avrà una composizione molto simile

Parlando a livello più generale, qual è la tua impressione sulla Casalgrande Padana versione 2022/23? Secondo te, ci possono essere buone possibilità per confermare o addirittura migliorare il 6° posto dello scorso anno?

“Dalle notizie che stanno arrivando in questi giorni, si profila una serie A1 di livello ancora più elevato rispetto alla passata stagione: uno scenario che non mi dispiace affatto, e quindi spero proprio che sia veramente così. Per tracciare pronostici approfonditi, di certo è più saggio aspettare le prime giornate di campionato: ad ogni modo, così sulla carta, penso proprio che noi potremo benissimo recitare un ruolo brillante e di primo piano. Una cosa è certa fin da ora: anche se devo ancora iniziare ad allenarmi con il resto del gruppo, mi sento già immersa nell’universo biancorosso. Non vedo l’ora di cominciare il lavoro in vista della prossima annata agonistica, mettendo a piena disposizione del gruppo tutto ciò che ho imparato fin qui. Sarà un grande e proficuo cammino, me lo sento: sia a livello individuale, sia dal punto di vista dei risultati che riusciremo a ottenere come squadra”.

Il tecnico biancorosso Marco Agazzani

Intanto, tu a Casalgrande hai già molti estimatori: tra questi l’allenatore Marco Agazzani, che non fa mistero di aspettarsi molto da te. Hai già avuto modo di conversare con lui?

“Al momento no, ma di certo avremo modo di parlare nel corso delle prossime settimane: adesso io mi trovo in Abruzzo per lavoro, ma da fine luglio/inizio agosto sarò al pala Keope pronta ad allenarmi. Intanto sto continuando a tenermi in forma, senza abbassare la guardia: la prima giornata di campionato si giocherà il 10 settembre, e io punto a essere al 100% della condizione fisica già per quella data”.

A destra, Nahomi Marquez Jabique di nuovo in azione

Nell’attesa, un tuo saluto al pubblico di fede biancorossa che si appresta a seguirti e incitarti?

“Innanzitutto ancora un sincero grazie, per la fiducia e la stima che mi state già attribuendo: confido davvero di non deludere le attese. E naturalmente… ci vediamo presto al pala Keope, vi aspetto!”

Nell’immagine in alto, un momento di esultanza di Nahomi Marquez Jabique con la maglia del Mestrino. La foto di Agazzani e della Casalgrande Padana 2021/22 sono state realizzate da Monica Mandrioli, mentre le altre sono opera di Leandro Zampieri

Please follow and like us:
fb-share-icon

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.