A2 maschile, la Modula Casalgrande sfida un’avversaria in piena corsa per i play off: sabato a Chieti il duello contro Teramo. Barbieri: “E’ vero che la nostra salvezza è praticamente in tasca, ma dobbiamo ancora ottenere l’indispensabile suggello della matematica. Senza la certezza aritmetica, non esistono sicurezze assolute: quindi sono convinto che da qui in avanti eviteremo di adagiarci sugli allori, anche perchè il nostro organico dispone dei mezzi che servono per provare a rimanere tra le prime sei del girone”. Sugli abruzzesi: “Prevedo una gara alla pari come all’andata, sperando ovviamente che stavolta il punteggio sia favorevole a noi. Il Lions punta molto sull’esperienza, e quando va in difficoltà riesce sempre a rallentare il gioco”

Avversaria di alta classifica per la Modula Casalgrande: questa volta i pallamanisti guidati da Fabrizio Fiumicelli affronteranno il Lions Teramo, formazione in piena corsa per centrare l’obiettivo di guadagnare un posto nei play off. Il duello con gli abruzzesi è previsto per dopodomani, sabato 27 febbraio: la sfida sarà valevole per la 17esima giornata di serie A2 maschile, e avrà inizio alle ore 17. Attenzione al luogo di svolgimento: in questi giorni il Pala San Nicolò di Teramo viene utilizzato come centro per la somministrazione dei vaccini anticovid, e di conseguenza l’impianto non può ospitare partite. Il confronto con il Lions si giocherà quindi al Centro Tecnico Federale di Chieti: ancora una volta niente pubblico in tribuna, ma in compenso ci sarà la diretta integrale sulla pagina Facebook del Lions Handball Teramo.

Come è noto, sabato scorso la Modula ha sancito il proprio ritorno alla vittoria: dopo due sconfitte consecutive contro Carpi e Sassari, i nostri beniamini si sono imposti al Pala Keope sui toscani dell’Ambra Poggio a Caiano. Un’affermazione di grande valore, ma anche piuttosto sofferta: “Purtroppo, non siamo riusciti a esprimere appieno tutto ciò che avevamo studiato nei giorni precedenti – commenta l’ala/pivot casalgrandese Alberto Barbieri – L’errore principale è stato quello di ridurci a schemi di gioco basilari, rinunciando ad applicare le tante buone idee emerse durante gli allenamenti: nel parlare di “gioco approssimativo” da parte nostra, credo che Fiumicelli si riferisse proprio a questo tipo di problema. Al tempo stesso, va detto che i 2 punti conquistati 5 giorni fa non derivano affatto dalla fortuna o dal puro caso: pur essendo stati meno brillanti rispetto a tante altre occasioni, nei momenti decisivi dell’incontro noi abbiamo avuto l’abilità di commettere meno errori rispetto all’Ambra”.

Ora che la salvezza è praticamente cosa fatta, la domanda giunge pressochè immediata: come è possibile mantenere un consistente slancio motivazionale? Visto che ora non ci sono più obiettivi sostanziali da raggiungere, da qui a fine campionato non c’è il rischio di adagiarsi un po’ troppo sugli allori perdendo smalto in termini di risultati?

“In effetti, a livello teorico la permanenza nella categoria è praticamente in tasca: lo dice il ruolino di marcia che ci caratterizza, e lo dice pure la situazione generale del girone B. Tuttavia adesso il nostro traguardo sta nel centrare il traguardo in modo definitivo, ottenendo pure il supporto della matematica: finchè manca il conforto dell’aritmetica, non bisogna mai commettere l’errore di dormire sugli allori considerando certezze quelle che certezze in realtà non sono ancora”.

Più in generale, qual è il massimo piazzamento a cui la Modula possa puntare? Restare nella parte sinistra della classifica sarà molto difficile, oppure c’è speranza di poter mirare a un 5° se non addirittura a un 4° posto?

“Un tema che si ricollega strettamente a quanto dicevo prima. Le aspirazioni verso l’alto fanno bene, perchè aiutano a mantenere alta la concentrazione: senza dubbio, ciò rappresenta un buon aiuto per arrivare a ottenere rapidamente i pochi punti che ci dividono dalla salvezza matematica. Detto questo, ritengo che il nostro organico abbia i titoli per ambire a rimanere stabilmente tra le prime 6 del raggruppamento: un compito certamente difficile, ma non così impossibile. Nella fase di ritorno siamo attesi dai confronti casalinghi contro due tra le grandi potenze del girone, e si tratta di partite che avranno un’importanza basilare nel delineare le nostre prospettive in questo campionato: mi riferisco al duello del 6 marzo con Camerano e, più avanti, alla contesa con la Starfish Follonica prevista per l’8 maggio”.

Intanto, come sarà la Modula Casalgrande che affronterà il Lions Teramo a Chieti? Si profila qualche assenza?

“Al netto di sgradevoli sorprese dell’ultimo minuto, ci presenteremo senza infortuni: nessun intoppo relativo all’infermeria”.

Sabato scorso, Teramo ha pagato dazio sul campo del Verdeazzurro Sassari col punteggio di 36-32: ironia della sorte, è lo stesso risultato con cui la Modula ha prevalso sull’Ambra. Ad ogni modo, quali sono le maggiori insidie che Ti aspetti di incontrare in Abruzzo? Chi o che cosa bisogna temere di più nelle file avversarie?

“Il Lions allenato da Marcello Fonti ha un elevato tasso di esperienza, dote che i teramani riescono sempre a sfruttare al meglio: per esempio nei momenti di difficoltà loro sono molto abili nel rallentare il gioco, evitando così di soccombere sul piano della corsa. All’andata abbiamo perso 22-25, ma giocando alla pari per tutti i 60 minuti: credo proprio che l’andamento della gara di sabato sarà molto simile, sperando ovviamente che stavolta l’epilogo sia favorevole a noi”.

LA SITUAZIONE IN A2. Il 17° turno si giocherà interamente sabato: oltre a Lions Teramo-Modula Casalgrande, le altre partite saranno Chiaravalle-Hac Nuoro, Ambra Poggio a Caiano-Camerano, Carpi-Vikings Rubiera e Bologna United-Parma. Questa settimana, riposeranno Verdeazzurro Sassari e Starfish Follonica.

Classifica del girone B dopo 14 confronti disputati: Carpi 26 punti; Vikings Rubiera* 24; Camerano 21; Lions Teramo 20; Starfish Follonica 17; Modula Casalgrande 14; Verdeazzurro Sassari* 12; Chiaravalle* 10; Parma* 8; Ambra Poggio a Caiano 6; Hac Nuoro* 4; Bologna United* 0. Le squadre con l’asterisco hanno disputato una gara in meno.

ALDINI, MAGLIA AZZURRA NEL CASSETTO. Dal 30 aprile al 2 maggio prossimi, il pivot casalgrandese Enrico Aldini era atteso da un appuntamento di primo piano a livello internazionale: in quel periodo la Nazionale italiana Under 18 avrebbe dovuto disputare in Austria le qualificazioni ai Mondiali U19, affrontando un girone che comprendeva anche Russia, Israele e i padroni di casa. Ora, però, la Federazione internazionale di pallamano (Ihf) ha decretato la cancellazione dei Mondiali: una decisione determinata ancora una volta dalla pandemia, che purtroppo sta continuando a causare restrizioni di spostamento in tutto il Globo.

Di conseguenza, saltano anche le sfide previste in Austria: un vero peccato per il nostro portacolori, ma tutto lascia pensare che Enrico Aldini avrà comunque molte altre occasioni per mettersi in luce fuori dall’Italia. Uno spiraglio in tal senso arriva dalla Federazione europea, che ha annunciato di avere allo studio alcune soluzioni che riguardano le competizioni Under 18.

Nelle foto, dall’alto verso il basso della pagina:

  • Alberto Barbieri, ala/pivot della Modula Casalgrande
  • Un’altra immagine di Alberto Barbieri
  • Da sinistra (in maglie gialle) il pivot casalgrandese Alessandro Lenzotti e il terzino Emanuele Seghizzi
  • Salim Scalabrini, ala della Modula
  • Adolfo Martucci, team manager della Modula Casalgrande
  • Il terzino biancorosso Mattia Lamberti
  • Enrico Aldini, pivot della Modula e della Nazionale Under 18.
Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *