Tutti gli articoli di nicolò rinaldi

A2 maschile, Modula a mani vuote nella trasferta di Sassari. Corradini: ”Abbiamo comunque fatto il possibile”

VERDEAZZURRO SASSARI – MODULA CASALGRANDE 32 – 26
VERDEAZZURRO SASSARI: Munda (P), Arteaga Suarez 2, Zidarich 3, Melidoro 2, Venerdini 3, Cherosu 1, Vassia 8, Delogu 1, Maddanu, Bianco 7, Corrias M., Sgarella 5, Corrias A., Bellu, Decherchi (P), Casu (P). All. Patrizia Canu – Patrizia Cossu.
MODULA CASALGRANDE: Cocchi (P), Id-Ammou 3, Ferrari 2, Lamberti 10, Lanzi (P), Seghizzi 5, Ricciardo (P), Toro K. 2, Prodi 1, Bacchi 1, Canelli 2. All. Matteo Corradini.
ARBITRI: Limido e Donnini.
NOTE: primo tempo 19-13. Rigori: Verdeazzurro Sassari 1 su 1, Modula Casalgrande 4 su 4. Esclusioni per due minuti: Verdeazzurro Sassari 2, Modula Casalgrande 3.


La Modula Casalgrande ha inaugurato il 2022 agonistico senza raccogliere punti: tuttavia i pallamanisti biancorossi non hanno sfigurato sul campo isolano del Verdeazzurro, squadra che senza dubbio rappresenta una tra le realtà meglio attrezzate del girone B. Ieri pomeriggio, sabato 22 gennaio, al pala Santoru di Sassari si è giocato per la 14esima giornata: si tratta del turno che ha dato inizio alla fase di ritorno. Con questa ulteriore vittoria, l’organico sardo ha bissato l’affermazione ottenuta nel confronto di andata: l’11 settembre scorso, al Keope, i sassaresi si erano infatti imposti con il punteggio di 32-26.
Anche stavolta, il successo del Verdeazzurro rispecchia ciò che si è visto in campo. La sfida di ieri è iniziata seguendo binari di sostanziale equilibrio, tant’è vero che al 13’ la situazione era di perfetta parità sul 7-7: tuttavia da lì avanti i padroni di casa hanno messo la freccia, rimanendo stabilmente al comando nel punteggio fino al 32-26 conclusivo. La Modula ha comunque lottato generosamente, pur potendo contare su uno schieramento ridotto all’osso: per ragioni logistiche legate all’organizzazione del viaggio in Sardegna, gli ospiti si sono infatti presentati con appena 11 giocatori tra cui 3 portieri e solo 8 elemei di movimento. A livello individuale, nelle file casalgrandesi si è distinto un Mattia Lamberti di nuovo in doppia cifra: bene inoltre i guardiani e anche Younes Id-Ammou, schierato nell’inedito ruolo di pivot. Per quanto riguarda gli isolani, nella felice giornata dei beniamini locali si sono distinti in particolar modo Luciano Vassia e Luigi Bianco.


‘’Le probabilità di ottenere un risultato utile qui a Sassari non erano certo così elevate – commenta Matteo Corradini, trainer della Modula Casalgrande – Il Verdeazzurro ha infatti una struttura di squadra che autorizza a nutrire ambizioni ben superiori rispetto alle nostre: Sassari ha infatti elevatissime potenzialità tecnico-agonistiche, che la collocano a pieno titolo tra le 5 maggiori potenze del girone. Ad ogni modo, in buona sostanza noi abbiamo fatto quasi tutto ciò che ci era possibile: considerando le tante assenze che ci hanno riguardato e l’oggettiva forza degli avversari, questa battuta d’arresto non deve suscitare eccessive preoccupazioni. Se nel primo tempo non fossimo incappati in alcuni errori di troppo a livello realizzativo, avremmo potuto chiudere la mezz’ora iniziale con un passivo più limitato: d’altro canto, credo che alla fine il Verdeazzurro avrebbe comunque vinto. Salvo variazioni, sabato prossimo ospiteremo al pala Keope il Bologna United – rimarca Corradini – In quell’occasione saremo a ranghi molto più completi, e dunque saremo aiutati dal fatto di poter applicare una quantità ben maggiore di rotazioni”.


‘’Non credo affatto che questo successo fosse scontato – commenta quindi Patrizia Canu, allenatrice del Verdeazzurro Sassari – La vittoria che abbiamo ottenuto puo’ dirsi meritata, e l’andamento dell’incontro lo testimonia: d’altronde, nonostante le assenze, la Modula ha messo in mostra quella buona volontà e quella solida intelaiatura di gioco che mi aspettavo. A livello di singoli Mattia Lamberti ha ricoperto ancora una volta il ruolo di trascinatore, mantenendo fede alla propria fama: inoltre, credo che pure i portieri della Modula meritino una menzione particolare. Per noi si tratta quindi di una vittoria che riveste assoluto prestigio e valore – sottolinea Patrizia Canu – Due punti che ci danno prezioso slancio in vista degli impegni futuri: in questa fase di ritorno il nostro chiaro obiettivo sta nel riguadagnare terreno, cogliendo anche quei punti che nell’andata ci sono sfuggiti spesso per un soffio”.

LA SITUAZIONE IN SERIE A2 MASCHILE. Per la 14esima giornata sabato 22 si è giocata anche Romagna-Prato 43-16, mentre Ogan Pescara-Starfish Follonica e Chiaravalle-Camerano sono i posticipi di oggi domenica 23 gennaio. Rinviate Ambra Poggio a Caiano-Tecnocem San Lazzaro di Savena, Santarelli Cingoli-Lions Teramo e Bologna United-Campus Italia.
Classifica del girone B: Romagna* 26 punti; Santarelli Cingoli 25; Lions Teramo 20; Verdeazzurro Sassari* 17; Campus Italia e Chiaravalle 14; Starfish Follonica e Camerano 13; Modula Casalgrande* 11; Tecnocem San Lazzaro di Savena, Ambra Poggio a Caiano e Ogan Pescara 10; Bologna United e Prato* 0. Le squadre con l’asterisco hanno disputato 14 partite: le altre solo 13.

Nelle immagini, dall’alto verso il basso della pagina:

  • – Il capitano biancorosso Mattia Lamberti in azione
  • – Kevin Ricciardo, portiere della Modula ( foto Monica Mandrioli)
  • – Il tecnico casalgrandese Matteo Corradini ( foto Monica Mandrioli)

Casalgrande Padana, un altro sabato senza il palcoscenico dell’A1 femminile. Agazzani: ”Uno stop che non ci aiuta, ma la semifinale di Coppa resta un traguardo fattibile”

All’orizzonte della Casalgrande Padana c’è un altro fine settimana privo di impegni agonistici: il riferimento è in particolare alla formazione di serie A1 femminile, che non giocherà neppure stavolta. Il programma di sabato 22 gennaio prevedeva la trasferta al pala Boschetto di Ferrara, per il sempre atteso derby regionale contro l’Ariosto: tuttavia, i recenti contagi Covid nell’organico biancoazzurro hanno reso necessario il rinvio della sfida.

Lo stesso scenario si era verificato anche lo scorso sabato 15 gennaio: in quell’occasione il programma biancorosso aveva in serbo il confronto interno con Cassano Magnago, ma 4 positività nelle file lombarde hanno determinato lo spostamento della gara a data tuttora da destinarsi.
‘’Sul piano sportivo, si tratta di una sosta imprevista che non ci è di grande aiuto – sottolinea Marco Agazzani, trainer della Casalgrande Padana – Come è noto, ai primi di febbraio saremo a Salsomaggiore in occasione della Coppa Italia: prima di tale appuntamento, avrei preferito che le ragazze disputassero almeno un paio di gare di campionato. Come se non bastasse, le difficoltà generali dell’attuale momento impediscono lo svolgimento di amichevoli: in compenso la squadra sta continuando a lavorare in palestra con costante regolarità senza infortuni, e per di più abbiamo aggregato anche ragazze provenienti dalla Under 17 e dalla Under 15. Se non arriveranno altre modifiche di calendario, sabato 29 ospiteremo la Jomi Salerno per la 14esima giornata di A1: un duello molto utile per collaudare nuove soluzioni di gioco, soluzioni che auspico utili sia per impensierire le campionesse d’Italia in carica, sia per affinare la preparazione in vista della Coppa”.


E proprio a proposito della Coppa Italia, stiamo parlando di una competizione dove la Padana non ha mai raccolto molte gratificazioni: se le biancorosse riuscissero a staccare il biglietto per la semifinale, sarebbe già un traguardo storico per la pallamano casalgrandese. ‘’Per arrivarci dovremo prevalere su Pontinia venerdì 4 febbraio, nei quarti – rammenta Agazzani – Sabato scorso loro hanno giocato, peraltro riportando una netta e convincente affermazione casalinga su un’avversaria di talento come il Cellini Padova: di conseguenza, è facile prevedere che le laziali saranno più rodate rispetto a noi. A novembre, in campionato, Pontinia ha sbancato il pala Keope di stretta misura: tuttavia da allora la Cassa Rurale ha effettuato numerosi passi avanti, consolidandosi in maniera visibile per quanto riguarda il gioco di squadra. Tante le individualità che promettono di riservarci insidie: tra queste figura a pieno titolo la nuova arrivata Annagiulia Francesconi’’.

Nonostante tutto ciò, io continuo a credere che il nostro organico abbia buone possibilità di piazzare il colpaccio – rimarca il tecnico della formazione ceramica – Nel duello di campionato, noi abbiamo commesso l’errore di regalare un tempo a Pontinia: spero proprio che tale lezione ci sia stata utile, per evitare di ripetere tale sbaglio. Credo che adesso questa Padana sia in grado di esprimersi meglio sul piano della continuità: se le mie impressioni verranno confermate, per Pontinia non sarà certo una passeggiata’’.


LA SITUAZIONE IN SERIE A1 FEMMINILE. Le gare di sabato 22 gennaio sono Guerriere Malo-Mezzocorona, Cassano Magnago-Ali’ Best Espresso Mestrino e Cellini Padova-Ac Life Style Erice. La 13esima giornata si completerà con i confronti rinviati: Jomi Salerno-Cassa Rurale Pontinia, Leno-Bressanone Suedtirol e ovviamente Ariosto Ferrara-Casalgrande Padana.
Classifica: Bressanone Suedtirol* 21 punti; Jomi Salerno* 20; Alì Best Espresso Mestrino 18; Cassa Rurale Pontinia 16; Casalgrande Padana* e Cassano Magnago* 12; Cellini Padova 11; Ac Life Style Erice 10; Ariosto Ferrara* 7; Leno 5; Mezzocorona* 4; Guerriere Malo 2. Le squadre con l’asterisco hanno una partita in meno.

Nelle foto realizzate da Monica Mandrioli, dall’alto verso il basso della pagina:

  • – L’allenatore Marco Agazzani durante un time-out
  • – Da sinistra la pivot biancorossa Alessia Artoni, la pivot Francesca Franco e l’ala/centrale Simona Artoni
  • – Quimey Ailin Sausa Mueller, centrale della Casalgrande Padana.

A2 maschile, il 2022 della Modula parte a Sassari. Barbieri: ”Una pausa natalizia difficile, ma ora tutti i problemi sono risolti”

smartcapture

La Modula Casalgrande viaggia verso il primo impegno ufficiale del 2022: la gara in agenda per sabato prossimo, 22 gennaio, dara’ inizio al cammino biancorosso nella fase di ritorno. Di certo, stavolta il compito non si prospetta affatto tra i piu’ accomodanti: la formazione allenata da Matteo Corradini sara’ infatti di scena al pala Santoru di Sassari, per affrontare i battaglieri padroni di casa targati Verdeazzurro.

Il confronto, valevole per la 14esima giornata della serie A2 maschile, avra’ inizio alle ore 16: il duello, arbitrato da Alessandro Limido e Nicola Donnini, verra’ trasmesso in diretta sulla pagina Facebook del club di casa.
“Durante la sosta natalizia, gli allenamenti si sono svolti a singhiozzo – spiega il dirigente biancorosso Alberto Barbieri, che si occupa in particolare della Modula – Purtroppo, abbiamo dovuto fare i conti con qualche positivita’ al Covid e con svariate quarantene: di conseguenza, alcune sedute si sono svolte con meno di 10 giocatori presenti in palestra. In compenso, tutti questi problemi possono dirsi superati: dalla settimana scorsa tutti i ragazzi sono rientrati nei ranghi, riprendendo a lavorare regolarmente con il resto del gruppo”.


La Modula Casalgrande staziona soltanto un punto al di sopra della zona retrocessione: quindi, come va sul piano del morale? Prevale una certa paura, oppure la volonta’ di risollevarsi rapidamente pur sapendo di essere attesi da un periodo molto complesso?
“Siamo immersi in un campionato che si presenta piu’ equilibrato e aperto che mai, e le vicende che ci riguardano ne rappresentano una lampante testimonianza: a dicembre eravamo a un passo dal quinto posto, ma poi una serie di eventi sfavorevoli ci ha portati a un passo dai bassifondi della classifica. In buona sostanza, all’interno di questo girone B gli stravolgimenti sono sempre all’ordine del giorno: ovviamente non bisogna mai peccare di supponenza, ma al momento non vedo motivi per temere in modo eccessivo la zona retrocessione”.


Nello scorso fine settimana, la Casalgrande Padana Under 20 avrebbe dovuto disputare il secondo concentramento stagionale a Camerano: tuttavia, i numerosi contagi all’interno dell’organico hanno portato il club a decidere di ritirare la squadra. Come e’ noto, la formazione Under 20 comprende molti giocatori che indossano anche la maglia della Modula di A2: il fatto di non aver giocato in terra marchigiana potra’ rappresentare un ostacolo in vista della trasferta di Sassari?
“Io credo di no. Di certo, il fatto di avere dovuto abbandonare la Youth League dispiace a tutto il nostro ambiente: d’altro canto, credo che tale rinuncia non influira’ sul rendimento che forniremo nelle prossime partite di seconda serie. Se non altro ci siamo tenuti alla larga dal rischio di incappare in acciacchi fisici, inghippi che invece si erano verificati dopo il concentramento Under 20 svolto in autunno a Carpi”.

Per ragioni legate all’impegnativa organizzazione logistica del viaggio, quella che vedremo sabato non sara’ una Modula al completo: comunque sia, su quali aspetti bisognera’ fare affidamento per cercare il blitz al pala Santoru? E viceversa, chi o che cosa bisogna temere maggiormente nelle file del Verdeazzurro? Peraltro gli isolani provengono dal roboante successo piazzato sul campo del Teramo, 24-25 nel recupero del 12 gennaio…
“Le valutazioni da effettuare prendono le mosse dal confronto di andata: lo scorso 11 settembre, la squadra guidata da Patrizia Canu e Patrizia Cossu ha espugnato il Keope imponendosi per 32-36. Ad attenderci c’e’ un’avversaria contraddistinta da un gioco molto veloce, e che peraltro puo’ pure contare su una spiccata fibra caratteriale. Poi questa volta loro avranno il vantaggio del fattore-campo, e nel confronto con una formazione sarda si tratta di un aspetto che di certo ha il proprio peso. Noi avremo il preciso compito di non farci condizionare dalle oggettive difficolta’ che questa trasferta ha in serbo: il mantenimento della massima concentrazione dovra’ costituire la via maestra per provare a imporre il nostro gioco, evitando di subire le sempre frizzanti iniziative del Verdeazzurro”.


Se non subentreranno ulteriori variazioni, sabato 29 la Modula tornera’ al pala Keope per il derby regionale con il Bologna United: un vero e proprio scontro diretto in chiave salvezza. In questo inizio di 2022, il calendario e’ stato particolarmente severo con Casalgrande?
“Non esistono sfide piu’ o meno semplici: quando ci si trova nella lotta per non retrocedere, ogni occasione agonistica richiede forti sforzi sia fisici sia mentali. Per quanto riguarda Bologna, all’andata siamo riusciti a conquistare 2 punti parecchio preziosi: d’altro canto, cio’ non deve affatto indurci alla pericolosa attivita’ di dormire sugli allori. Ciascuna gara fa davvero storia a se’, specialmente nel raggruppamento B che stiamo disputando. La permanenza in A2 e’ il nostro irrinunciabile obiettivo comune: la strada per arrivarci resta piu’ che mai praticabile, pur presentandosi ancora lunga e densa di insidie”.

LA SITUAZIONE IN SERIE A2 MASCHILE. Sabato 22 gennaio si giochera’ anche Romagna-Prato. La 14esima giornata prevede inoltre due posticipi che si disputeranno domenica 23: Ogan Pescara-Starfish Follonica e Chiaravalle-Camerano. I confronti Ambra Poggio a Caiano-Tecnocem San Lazzaro di Savena, Santareli Cingoli-Lions Teramo e Bologna United-Campus Italia sono stati invece rinviati a data da destinarsi.

Classifica del girone B: Santarelli Cingoli 25 punti; Romagna 24; Lions Teramo 20; Verdeazzurro Sassari 15; Campus Italia e Chiaravalle 14; Starfish Follonica e Camerano 13; Modula Casalgrande 11; Tecnocem San Lazzaro di Savena, Ambra Poggio a Caiano e Ogan Pescara 10; Bologna United e Prato 0.

Nelle foto, dall’alto verso il basso della pagina (immagini realizzate da Monica Mandrioli):

  • – La Modula Casalgrande di A2 maschile, stagione 2021/22
  • – Il dirigente biancorosso Alberto Barbieri
  • – Mattia Lamberti, terzino e capitano della Modula
  • – Il portiere casalgrandese Kevin Ricciardo

A1 femminile, la prima partita del 2022 deve slittare: rinviato il confronto del pala Keope tra Casalgrande Padana e Cassano

Un sabato senza pallamano al pala Keope: la Casalgrande Padana era pronta per disputare la prima partita del 2022, ma l’appuntamento deve giocoforza slittare. L’agenda del 15 gennaio prevedeva il confronto casalingo con Cassano Magnago, valido per la prima giornata di ritorno di A1 femminile: tutto lasciava pensare che la sfida potesse giocarsi regolarmente, ma nella serata di giovedì 13 il club varesino ha comunicato di avere 4 giocatrici positive al Covid. Di conseguenza, come da regolamento Figh, il duello dovrà essere riprogrammato in altra data.

A questo punto, le ragazze allenate da Marco Agazzani sono attese da una sosta agonistica piuttosto lunga. A saltare sarà anche il duello sul campo dell’Ariosto Ferrara, previsto in origine sabato 22 gennaio: anche in questo caso il motivo è da ricercarsi nel Coronavirus, e più specificamente nei contagi all’interno della formazione ferrarese. Se non subentreranno ulteriori cambiamenti, il prossimo impegno delle biancorosse e’ quindi fissato per il 29 gennaio, quando al Keope arriveranno le campionesse d’Italia in carica della Jomi Salerno. A tutte le pallamaniste coinvolte dai contagi va ovviamente il miglior augurio di pronta guarigione da parte dell’intera Pallamano Spallanzani Casalgrande.

“Ci eravamo preparate con notevole attenzione e con il consueto slancio motivazionale, svolgendo un lavoro di pregevole qualita’ – sottolinea Nadia Ayelen Bordon, portiere della Casalgrande Padana – D’altro canto, osservando la situazione generale che tutti conosciamo, queste modifiche al calendario sono sempre dietro l’angolo: di conseguenza, affrontare questa serie A1 2021/22 significa anche essere pronte a fronteggiare dei repentini cambiamenti di calendario. Per quanto riguarda Cassano Magnago, all’andata ci siamo imposte cogliendo due punti di consistente importanza: in quell’occasione abbiamo siglato 18 gol che obiettivamente non sono tanti, ma in compenso siamo riuscite ad abbassare la saracinesca difensiva subendo solo 14 reti. Quando sfideremo di nuovo le amaranto lombarde, la necessita’ di costruire un solido fortino intorno alla nostra porta sara’ ancora piu’ basilare rispetto al solito: conoscendo la struttura e la tipologia di gioco che caratterizzano Cassano, di certo noi dovremo essere attentissime nel serrare le fila in difesa per poi ritagliarci ampie possibilita’ di contropiede. Tra le individualita’ varesine che ci creeranno i maggiori grattacapi, figurano senz’altro Michela Cobianchi e la mia collega di ruolo Nila Bertolino”.

Intanto, sempre salvo variazioni, la Casalgrande Padana viaggia verso la Coppa Italia: l’edizione 2021/22 si giochera’ a Salsomaggiore Terme nel primo fine settimana di febbraio, e venerdi’ 4 la formazione ceramica sfidera’ la Cassa Rurale Pontinia nei quarti di finale. “So bene che il raggiungimento della semifinale sarebbe gia’ di per se’ un traguardo storico per Casalgrande – evidenzia Nadia Ayelen Bordon – All’interno del nostro ambiente, si sta respirando il clima giusto per provare a centrare tale traguardo: l’intera squadra sta operando con notevole accuratezza per centrare questa agognata semifinale, e se possibile per arrivare pure oltre. Come sapete, conosco bene la Cassa Rurale Pontinia: in campionato loro hanno espugnato il Keope, ma noi abbiamo comunque messe in forti difficolta’ sfiorando un pareggio e addirittura la vittoria. Il confronto di Coppa va visto come una grandiosa occasione per compiere ulteriori miglioramenti, compiendo quei passi avanti che fin qui ci sono mancati per superare un organico di elevatissimo spessore come quello laziale”.

LA SITUAZIONE IN A1. Oltre a Casalgrande Padana-Cassano Magnago, e’ stata rinviata anche Mezzocorona-Jomi Salerno: inoltre, il duello Bressanone Suedtirol-Ariosto Ferrara e’ stato posticipato al 26 gennaio. Il programma di sabato 15 gennaio comprende quindi i restanti confronti Ac Life Style Erice-Guerriere Malo, Cassa Rurale Pontinia-Cellini Padova e Ali’ Best Espresso Mestrino-Leno, tutti valevoli per la dodicesima giornata (prima di ritorno).

Classifica: Bressanone Suedtirol 21 punti; Jomi Salerno 20; Ali’ Best Espresso Mestrino 16; Cassa Rurale Pontinia 14; Casalgrande Padana e Cassano Magnago 12; Cellini Padova 11; Ac Life Style Erice 8; Ariosto Ferrara 7; Leno 5; Mezzocorona 4; Guerriere Malo 2.

Nelle foto, dall’alto verso il basso della pagina (immagini realizzate da Monica Mandrioli):

  • – Nadia Ayelen Bordon, portiere argentino della Casalgrande Padana
  • – La centrale casalgrandese Gaia Lusetti
  • – Da sinistra, il portiere Nadia Ayelen Bordon e la pivot casalgrandese Francesca Franco.

Under 20 maschile, la Casalgrande Padana si ritira dal campionato. Aldini: “I contagi ci hanno portati a una decisione sofferta ma irrinunciabile”

Nelle giornate di sabato 15 e domenica 16 gennaio, il campionato nazionale di pallamano maschile Under 20 giungera’ alla disputa del secondo concentramento stagionale: tuttavia, la Casalgrande Padana non vi prendera’ parte. “Purtroppo abbiamo preso la sofferta ma irrinunciabile decisione di ritirare la squadra – spiega Alberto Aldini, direttore generale della Pallamano Spallanzani Casalgrande – Di conseguenza, per quest’anno il nostro percorso nella Youth League Under 20 si conclude qui. Nell’imminente fine settimana avremmo dovuto recarci al pala Principi di Camerano, per giocare le gare previste in terra marchigiana: ne saremmo stati molto lieti, ma i contagi Covid all’interno dell’organico ci impediscono di partecipare. All’interno del girone siamo gli unici ad avere questo problema, e dunque la Federazione ci ha comunicato di non poter rinviare il concentramento: questioni logistiche e organizzative impongono che le gare vengano disputate proprio nelle date previste. A questo punto, l’unica soluzione era quella di abbandonare il tabellone del torneo, ed e’ una scelta che abbiamo comunicato alla Figh nella giornata di oggi. L’amarezza e il rammarico ci sono, inutile negarlo – rimarca Aldini – In compenso, sono certo che i nostri ragazzi avranno tante altre occasioni per emergere anche nell’immediato futuro. La prima in ordine cronologico e’ prevista per sabato 22 gennaio, quando riprendera’ il campionato di A2 maschile: nell’occasione la Modula Casalgrande fara’ visita al Verdeazzurro Sassari. Come e’ noto buona parte degli Under 20 giocano anche nella compagine di seconda serie, ed etrambe le compagini sono allenate da Matteo Corradini. Tengo comunque a precisare che i giocatori coinvolti dal virus sono tutti in buone condizioni, con sintomi di limitata entita’ “.

Inoltre, il dg biancorosso rassicura sull’impegno che sabato 15 vedra’ protagonista la serie A1 femminile: “Il quadro e’ in continua evoluzione – evienzia Alberto Aldini – Del resto, con una situazione generale cosi’ problematica, i cambiamenti di programma anche repentini possono sempre essere dietro l’angolo. Ad ogni modo, almeno per il momento la sfida in programma sabato e’ pienamente confermata: a partire dalle ore 18.30 la Casalgrande Padana ospitera’ al pala Keope le varesine del Cassano Magnago, per la prima giornata di ritorno”.

Nella foto a inizio pagina Matteo Corradini, allenatore della Casalgrande Padana Under 20 maschile.

Giovanili, novità di calendario: le formazioni Under 17 e Under 15 della Casalgrande Padana vivranno un mese di gennaio senza partite

Per le formazioni Under 17 e Under 15 della Casalgrande Padana, il mese che dà inizio al 2022 sarà privo di occasioni agonistiche: l’andamento della pandemia ha indotto la Figh emiliano-romagnola a sospendere tutta l’attività regionale, fino a lunedì 30 gennaio compreso. Nell’ambito dell’agenda biancorossa, i primi appuntamenti a essere rinviati sono quelli che in origine erano previsti per domenica 9 gennaio: l’Under 17 maschile diretta da Marco Agazzani avrebbe dovuto recarsi al pala Bursi per il derby con il Secchia Rubiera, mentre le Under 15 femminili allenate da Stefania Guiducci avevano in programma la trasferta di Nonantola contro la Spm Modena. Lo stop vale pure per la Coppa Tosco-Emiliana femminile: in tutti questi casi se ne riparlerà solo da febbraio in avanti, e prossimamente sarà reso noto anche il calendario delle partite da recuperare.

Intanto, questo il panorama completo delle classifiche che riguardano le compagini casalgrandesi (tra parentesi il numero di gare disputate).

Under 17 maschile – girone A: Carpi 14 punti (8); Casalgrande Padana 13 (8); Parma 13 (9); Secchia Rubiera 10 (9); Ravarino A 8 (9); Spm Modena 2 (9); Valsamoggia 0 (8).

Under 17 femminile: Tushe Prato e Casalgrande Padana 6 punti (3); Tavarnelle 6 (5); Romagna, Ariosto Ferrara e Mugello 2 (3); Green Parma 0 (4).

Under 15 maschile – girone A: Secchia Rubiera 10 punti (5); Felino 8 (5); Parma 4 (4); Rapid Nonantola 2 (4); Casalgrande Padana e Carpine 2 (5).

Under 15 femminile: Ariosto Ferrara 6 punti (3); Spm Modena 4 (2); Casalgrande Padana 2 (2); Tushe Prato 0 (2); Green Parma 0 (3).

Quanto all’Under 20 maschile, la Youth League di categoria si svolge sotto l’egida della Figh nazionale: di conseguenza, almeno per il momento i prossimi impegni della Casalgrande Padana sono confermati. Se non interverranno variazioni dell’ultima ora, nel prossimo fine settimana i biancorossi allenati da Matteo Corradini saranno di scena al pala Principi di Camerano: in terra marchigiana si disputerà il secondo concentramento valevole per la fase iniziale del campionato. Sabato 15 gennaio, dalle ore 15, la Padana sfiderà i padroni di casa anconetani: domenica 16, a partire dalle 11, Casalgrande affronterà invece i campani della Eymeco Atellana. Questa l’attuale classifica: Carpi 6 punti; Camerano ed Eymeco Atellana 4; Tavarnelle e Romagna 2; Casalgrande Padana 0.

Nelle foto, dall’alto verso il basso della pagina:

  • La Casalgrande Padana Under 17 femminile, allenata da Ilenia Furlanetto
  • Gli Under 17 della Padana a colloquio con il tecnico Marco Agazzani, durante un time-out (foto Monica Mandrioli)
  • Stefania Guiducci, allenatrice delle Under 15 biancorosse.

Fabrizio Fiumicelli: “Lo stage dedicato alle Under 17 e alle Under 15? Un’idea davvero brillante. In A2 maschile la lotta salvezza sarà faticosa, ma la Modula ha ciò che serve per farcela”

Lo stage di allenamento dedicato alle ragazze Under 17 e Under 15 è giunto al termine: il lavoro si è svolto al pala Keope, nelle giornate di lunedì 4 e martedì 5 gennaio. Il ricco programma è stato caratterizzato dalla partecipazione di giovani giocatrici provenienti da due sodalizi: oltre alla Casalgrande Padana, erano presenti anche i gruppi della Pallamano Romagna. Per il club ospitante, l’evento ha anche dato l’occasione di festeggiare un temporaneo ma significativo ritorno: è quello di Fabrizio Fiumicelli, componente dello staff tecnico che ha guidato le varie attività. “Il mio rientro in zona è avvenuto in occasione delle vacanze natalizie, insieme a mia moglie Giorgia Di Fazzio e alla nostra famiglia – spiega Fiumicelli – Sono davvero felicissimo per l’invito che la Pallamano Spallanzani Casalgrande ha voluto rivolgermi: a quanto pare i miei anni in biancorosso hanno lasciato un’impronta che il club reputa ancora utile, e ciò rappresenta senza dubbio una rilevante e importantissima gratificazione. L’amicizia e la stima che mi accomunano alla società sono quanto mai solide: non a caso, io continuo a fare un tifo sfegatato per tutte le squadre casalgrandesi”.

Parliamo innanzitutto dello stage che si è svolto in questi giorni: quali impressioni che ne hai ricavato?

“Nell’allestire l’iniziativa, l’allenatrice biancorossa Stefania Guiducci e il tecnico romagnolo Simone Ferraresi hanno avuto un’idea davvero brillante: queste sedute di allenamento hanno riunito le ragazze provenienti da due realtà di grande prestigio, che da tempo sono attivissime anche a livello giovanile. Di certo l’appuntamento del pala Keope è stato molto utile per tutte le pallamaniste partecipanti, sia della Padana sia del Romagna: infatti il programma di lavoro ha avuto luogo senza alcun intoppo, e tutte le giocatrici hanno evidenziato una consistente volontà di mettersi alla prova e migliorarsi. Intravedo un futuro denso di soddisfazioni agonistiche per ciascuna di loro: il talento non manca, e inoltre entrambe le società sono fermamente intenzionate a investire sulle nuove leve”.

Visto che tu hai guidato la Modula Casalgrande fino alla scorsa primavera, è irrinunciabile chiederti un parere sull’attuale rendimento dei biancorossi nel campionato di A2 maschile. Come stanno andando le cose?

“Pur allenando la Darwin Tech Mascalucia, mi tengo costantemente informato sul girone B e in particolare sulle gesta della Modula: inoltre il trainer Matteo Corradini è un amico di vecchia data, e non a caso dialogo con lui ogni settimana. Durante la fase di andata, che si è chiusa prima di Natale, Casalgrande ha portato avanti un cammino un po’ “pazzerellone”: tuttavia, ritengo che la squadra sia comunque in linea con quelle che erano le possibili aspettative delineate durante l’estate. E’ vero che i biancorossi hanno riportato due scivoloni severi e in buona parte inattesi: mi riferisco alla sconfitta casalinga con Campus Italia, ma soprattutto al ko interno con Chiaravalle. D’altro canto, Lamberti e soci sono stati capaci di cogliere due gratificazioni che non erano facilmente pronosticabili: basti pensare al pareggio sul campo del Camerano, o al perentorio successo colto al pala Keope contro un’avversaria di notevole caratura come la Tecnocem San Lazzaro di Savena”.

La classifica al giro di boa dice che la Modula ha soltanto un punto di vantaggio sulla zona retrocessione: credi che la salvezza sia comunque una meta raggiungibile con buon anticipo?

“Non proprio. La lotta per non retrocedere coinvolgerà fino all’ultimo svariate squadre, tra cui Casalgrande: allo stesso modo, sono pure convinto che l’organico guidato da Corradini abbia i mezzi tecnici e caratteriali che servono per evitare di finire in quegli ultimi 3 posti che assegnano la discesa in B”.

Matteo Corradini guida inoltre la formazione maschile Under 20, che gareggia invece sotto le insegne della Casalgrande Padana: a novembre il cammino nella Youth League è iniziato con il concentramento di Carpi, dove i biancorossi hanno ottenuto un magro bilancio di 0 punti in 3 partite. Nel fine settimana del 15 e 16 gennaio è prevista la seconda fase del torneo, questa volta sul parquet di Camerano: la Padana può ancora ambire al titolo nazionale?

“In tutta sincerità, penso di no: ritengo che le favorite per il titolo tricolore siano altre, ma ciò non toglie nulla al valore delle attività che la Casalgrande Padana U20 sta conducendo. A quanto ne so, la conquista dello scudetto non rappresenta un obiettivo assillante per il club: il traguardo sta nel fare il meglio possibile, portando i ragazzi a compiere ulteriori e significative tappe di crescita. Nonostante i risultati fin qui scarni dal punto di vista numerico, penso proprio che la squadra stia centrando questi obiettivi. Ora, a Camerano si tratterà di consolidare i segnali comunque incoraggianti emersi a Carpi: una buona occasione per cercare di cancellare lo zero in classifica, compiendo ulteriori passi avanti sia sul piano del gioco sia sotto l’aspetto della fibra caratteriale”.

La serie A1 femminile è arrivata a metà del proprio cammino, proprio come l’A2 maschile: le ragazze della Casalgrande Padana sono quinte in classifica a quota 12 punti. Cifre soddisfacenti?

“Certo che sì: dal mio punto di vista, la Padana di A1 costituisce una gradevole sorpresa. La definizione di “neopromossa” suona davvero riduttiva per le biancorosse, perchè in fin dei conti si tratta di giocatrici che da tempo sono ben abituate alla prima divisione: d’altro canto, nei primi sei mesi del 2021 Casalgrande ha pur sempre disputato l’A2. Il compito di calarsi nuovamente nel clima e nei ritmi dell’A1 dopo un’esperienza in seconda serie non è mai una missione così semplice: d’altro canto, l’organico allenato da Marco Agazzani ha saputo interpretare questa sfida nel migliore dei modi. Oltre a collocarsi in modo stabile nei piani medio-alti della graduatoria, la Padana ha saputo conquistare l’accesso alla Coppa Italia con ben 3 turni di anticipo sulla conclusione della stagione regolare: il tutto dando anche ampio spazio alle pallamaniste più giovani, che stanno evidenziando una costante ed efficace crescita. Quindi, nonostante qualche amara sconfitta, almeno a mio parere il bilancio di Casalgrande in A1 femminile può dirsi più che confortante: avanti così”.

E in Sicilia come va? La tua Darwin Tech Mascalucia è penultima nel girone C di A2 maschile, con 3 punti al proprio attivo. Ad ogni modo, se il campionato finisse oggi voi sareste comunque salvi…

“I numeri vanno sempre contestualizzati: le cifre non appaiono altisonanti, ma la traiettoria che stiamo portando avanti autorizza comunque a guardare al futuro con rinnovata fiducia. Siamo tra le poche squadre del girone che si affidano interamente a risorse interne: i giocatori su cui facciamo affidamento sono quasi tutti di Mascalucia, e la loro crescita è avvenuta all’interno delle nostre giovanili. Pur non avendo fatto ricorso al mercato, abbiamo creato grattacapi pure alle avversarie che sulla carta dispongono di mezzi superiori: ci stiamo rendendo autori di una costante ed efficiente opera di consolidamento. Nel raggruppamento C, retrocederà soltanto l’ultima classificata: il percorso verso la salvezza sarà davvero complesso pure per noi, ma questa Darwin Tech ha buone ragioni per puntare a mantenere la categoria senza tentennamenti”.

Nelle foto realizzate da Monica Mandrioli, dall’alto verso il basso della pagina:

  • Fabrizio Fiumicelli durante lo stage giovanile al pala Keope
  • Un’altra immagine di Fabrizio Fiumicelli, sempre durante gli allenamenti rivolti alle Under 17 e alle Under 15 di Casalgrande e Romagna
  • La Modula Casalgrande di A2 maschile, stagione 2021/22
  • Matteo Corradini, allenatore della Modula e della Casalgrande Padana U20 maschile
  • La Casalgrande Padana di A1 femminile, stagione 2021/22
  • Due momenti dello stage che si è svolto lunedì 3 e martedì 4 gennaio.

Le Under 17 e le Under 15 della Casalgrande Padana inaugurano il 2022 al pala Keope: due giornate di allenamenti congiunti insieme alle pari età della Pallamano Romagna

La Pallamano Spallanzani Casalgrande è all’opera anche in questo primissimo scorcio del 2022: nella fattispecie, il pala Keope sta ospitando un rilevante appuntamento che riguarda l’attività giovanile. Ieri, lunedì 3 gennaio, ha avuto inizio un’intensa due giorni di allenamenti congiunti: protagoniste le ragazze della Casalgrande Padana Under 15 e Under 17, al lavoro insieme alle coetanee della Pallamano Romagna. Le attività stanno tuttora proseguendo, e si concluderanno appunto oggi: l’iniziativa è stata organizzata dall’allenatrice biancorossa Stefania Guiducci e da Simone Ferraresi, tecnico del club ospite.

Il ricco programma si svolge sotto la direzione di allenatori provenienti da entrambe le società: tra questi Ilenia Furlanetto, Marco Agazzani e lo stesso Simone Ferraresi. Al timone dello stage c’è pure Fabrizio Fiumicelli, di ritorno a Casalgrande in occasione delle Festività: nel giugno scorso lui ha terminato la sua lunga esperienza in biancorosso per trasferirsi in Sicilia, e ora allena l’Handball Club Mascalucia che disputa il girone C di A2 maschile.

Grazie a questo evento, le biancorosse hanno la possibilità di affinare ulteriormente la preparazione in vista degli impegni ufficiali che metteranno fine alla pausa agonistica natalizia. Il cammino in campionato della Casalgrande Padana Under 17 riprenderà domenica 16 gennaio: la compagine guidata da Ilenia Furlanetto sarà di scena nell’attesissimo scontro al vertice sul campo delle Tushe Prato, che scatterà alle ore 14. Per quanto concerne invece la Padana Under 15, la prossima partita è prevista già domenica prossima 9 gennaio: le ragazze allenate da Stefania Guiducci e dalla sua vice Gaia Lusetti faranno tappa al pala Alighieri di Nonantola, in occasione della delicata sfida contro le padrone di casa della Spm Modena. Il fischio d’inizio è fissato per le ore 16: la formazione ceramica ha assoluto bisogno dei 2 punti, per non affievolire le speranze di accedere alle finali nazionali.

Nel fotoservizio realizzato da Monica Mandrioli, dall’alto verso il basso della pagina:

  • Le partecipanti allo stage congiunto Casalgrande Padana/Romagna
  • Fabrizio Fiumicelli mentre parla al gruppo
  • Due immagini delle ragazze impegnate ad ascoltare le indicazioni degli allenatori
  • Il tecnico romagnolo Simone Ferraresi
  • Due momenti delle attività

A2 maschile, Modula vittoriosa nell’amichevole sul campo dei pari categoria rubieresi. Corradini: “Buon test, nonostante le rilevanti assenze”

Nella serata di ieri, 21 dicembre, la Modula Casalgrande ha fatto tappa al pala Bursi di Rubiera per un’amichevole con i padroni di casa. Come è noto, entrambe le formazioni disputano la serie A2 maschile: tuttavia la formazione della Via Emilia è inserita nel gruppo A, mentre i biancorossi fanno parte del tabellone B. “Si è giocato su due tempi da 25 minuti ciascuno, e noi ci siamo imposti con il punteggio di 19-23 – spiega Matteo Corradini, trainer della Modula – Un test tranquillo, molto utile per mantenersi in allenamento: dopo la sosta natalizia saremo attesi da impegni cruciali per il nostro futuro, e dunque è bene non mollare la presa. A Rubiera ci siamo presentati in versione rimaneggiata: oltre al capitano Mattia Lamberti, mancavano anche Kristian Toro, Kevin Ricciardo, Emanuele Seghizzi e Riccardo Prodi. Queste defezioni sono dovute a piccoli problemi fisici emersi dopo la trasferta di sabato a Follonica: nulla di grave, ma il confronto in terra toscana è stato particolarmente impegnativo e dunque ho preferito non rischiare”.

“Nonostante le rilevanti assenze, a Rubiera i nostri ragazzi hanno comunque destato buone impressioni – aggiunge Corradini – Come era inevitabile, ho applicato un’ampia rotazione dando spazio a tutti gli effettivi presenti. C’era anche Paolo Canelli, che si è ben ristabilito dopo i problemi fisici delle ultime settimane. Per quanto concerne la tabella di marcia, stiamo lavorando per organizzare una nuova amichevole ai primi di gennaio: sempre contro il Secchia, ma stavolta al pala Keope”. Gli impegni ufficiali della Modula di serie A2 riprenderanno invece sabato 22 gennaio, quando i biancorossi saranno impegnati nella trasferta sul campo del Verdeazzurro Sassari: tuttavia nel fine settimana precedente buona parte della squadra sarà impegnata a Camerano, per affrontare il concentramento del campionato Under 20.

“Dal nostro punto di vista, in questo caso il risultato conta poco – commenta quindi il trainer rubierese Luca Ferroni Anche per noi, si è trattato di un appuntamento molto utile nel percorso di preparazione che stiamo portando avanti in vista della fase di ritorno. Peraltro, i giocatori provenienti dalla nostra Under 17 hanno fornito indicazioni senza dubbio incoraggianti“.

Nelle foto, dall’alto verso il basso della pagina:

  • Il trainer biancorosso Matteo Corradini (primo da destra) mentre dirige la Modula Casalgrande
  • Il centrale/terzino casalgrandese Marco Giubbini
  • Alessandro Lanzi, portiere della Modula

Fotoservizio di Monica Mandrioli

Per la Casalgrande Padana Under 11 un’interessante giornata a Reggio, nella cornice dell’Agorà Iren

La formazione Under 11 della Casalgrande Padana è stata protagonista di una domenica molto interessante e divertente: nella giornata del 19 dicembre, il gruppo biancorosso ha partecipato a un evento pallamanistico promozionale che si è svolto sotto l’egida della Provincia di Reggio Emilia. Le partite si sono svolte proprio nel pieno centro di Reggio, in piazza della Vittoria all’interno dell’Agorà Iren: le ragazze e i ragazzi della Padana hanno giocato sotto la sapiente guida dell’allenatrice Ilenia Furlanetto, coadiuvata da Quimey Ailin Sausa Müller. Un evento prenatalizio molto apprezzato.

Nella foto a inizio pagina, la Casalgrande Padana che ha preso parte all’appuntamento dell’Agorà Iren. In piedi da sinistra Quimey Ailin Sausa Müller, poi Benedetta, Matilda, Letizia, Sara, Francesco e Stefano. In ginocchio da sinistra Alessio, Sabrina, Viola, Giulia e Isabella.

Qui sotto, il gruppo Under 11 biancorosso durante alcuni momenti dell’appuntamento (fotoservizio Monica Mandrioli)