Casalgrande Padana da sogno: espugna Oderzo e mette paura alle grandi

“A chi me lo chiede oggi – fa sapere il d.g. Aldini- rispondo che questo gruppo è in classifica dove deve essere,  dove si merita di essere, e dove mi aspettavo che fosse. Altro che squadra destinata alla lotta salvezza. Da ottobre ripeto che saremmo riusciti a dire la nostra in questo campionato, e queste ragazze ci stanno riuscendo alla grande”.

Cosa avverrà nel prosieguo di questo play off è difficile dirlo e pronosticarlo, ma quello che è certo è che le ragazze di Lassouli stanno lottando alla pari con tutti, col coltello tra i denti, per conquistare il miglior piazzamento possibile nel campionato, dopo un girone di andata davvero complicato.

E in questa rincorsa, la prima big a cadere sotto i colpi di Furlanetto e compagne è la Mechanic System Oderzo, che nella gara di sabato 13, cede alle emiliane 25-26.

Gara fondamentalmente equilibrata, con Casalgrande Padana avanti nei primi minuti, poi recuperata e superata da un Oderzo che davanti al proprio pubblico voleva a tutti i costi fare bottino pieno per non lasciar allontanare la Jomi Salerno, unica squadra già quasi certa di raggiungere la finale scudetto.

A metà secondo tempo Oderzo sembra riuscire nell’intento, ma le reggiane non ci stanno e vanno ad impattare sul 17-17. Poi ancora Oderzo a mettere la testa avanti con le emiliane ad inseguire, e a sprecare tantissimo dai sei metri. Le fasi di gioco si fanno concitate, a volte confuse e non ordinate, con continui capovolgimenti di fronte: se Casalgrande sbaglia tanto in attacco, compensa con una difesa davvero tosta, organizzata da una stoica Fanton e completata da una immensa Iacovello, che tra i pali fa vedere i sorci verdi a Duran e compagne.

A un minuto dal termine sul 25 pari, Duran perde palla in attacco e il contropiede casalgrandese viene fermato irregolarmente dalla difesa opitergina: tiro dai sette metri per le emiliane in carico alla bomber Furlanetto. Come un killer navigato la capitana di Casalgrande non si fa intimorire dall’ambiente e dalla pressione e buca la porta di Oderzo. I restanti secondi di gara sono in trincea. Nell’assalto finale la Mechanic System si infrange sulla difesa di Casalgrande e perde palla nuovamente, lasciando gli ultimi 20 secondi con la sfera tra le mani delle ospiti, che amministrano fino al suono della sirena.

Altri due punti importanti che portano Casalgrande Padana, ora a pari punti con Brixen, ad un solo punto proprio da Oderzo, che mantiene ancora , ma di misura, il secondo posto, nella corsa alla finale scudetto.

Grande prova della premiata ditta “sorelle Artoni” che mettono a tabellino sei reti a testa, tante quante quelle di Furlanetto, 4 reti per Franco, 3 Fanton, 1 Orlandi.

(pics by Francesca Soli)

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *