Archivi categoria: A Femminile

Casalgrande Padana e Modula: inizio complicato

Si chiude con due sconfitte la giornata di avvio dei campionati di A1 femminile e A2 maschile delle squadre casalgrandesi.

Casalgrande Padana si arrende a Pallamano Oderzo per 23-30, mentre Modula, al debutto in trasferta contro l’Azeta Parma, si arrende per 32-16.

Casalgrande Padana: è Oderzo a fare la gara sin dai primi minuti e a rimanere in controllo sempre, dimostrandosi squadra matura e non più Duran-dipendente, con ottime situazioni di giro palla e davvero pochi errori in difesa. Più complicata la gara delle padrone di casa: un pò contratte nei primi minuti, alzano i ritmi gara rifacendosi sotto alle opitergine intorno al 20esimo, dopo l’ingresso di Tanic e Canessa. Il trend non cambia nella seconda frazione dove tre errori al passaggio diventano preda dei contropiedi delle venete, che scavano un solco anche più ampio rispetto all reali situazioni di gioco, nelle quali comunque il team ceramico non ha sfigurato. 7 le reti per Furlanetto e 4 quelle di Simona Artoni, e si rivede finalmente una aggressiva Marianna Orlandi; buone prove delle giovanissime Lusetti e Lamberti, mentre Bulache, nel secondo tempo, sfodera 4 ottimi interventi a guardia della porta casalgrandese.

Mattia Lamberti

Modula: la matricola Modula non riesce ad affacciarsi in modo vero alla gara in casa della corazzata Azeta Parma, se non nei primi dieci minuti, quando tengono costretti i ragazzi di Galluccio al pareggio sul 3-3. Time out Parma poi, e, al rientro, la gara è solo dei ducali. A giustificare il divario di risultato c’è sicuramente il fatto che la maggior parte dei ragazzi di Modula si affacciano per la prima volta ad un campionato nazionale, che  nel roster vi sono numerosi nuovi innesti e che Parma, dal canto suo, è squadra costruita con l’obiettivo finale della promozione in A1, già di poco sfiorata nella passata stagione. In termini meramente tecnici, test ben più attendibile sarà quello della prossima giornata, tra le mura del PalaKeope contro gli Spartans della Pallamano 2 Agosto Bologna, protagonista già di avvincenti sfide con i biancorossi casalgrandesi  due stagioni fa, a contendersi il primato della serie B.

Per Casalgrande Padana e Modula arriva quindi una intensa settimana di lavoro in palestra, per preparare al meglio possibile il tentativo di immediato riscatto.

Please follow and like us:

Casalgrande Padana: Memorial “Camponesco” l’8 settembre al PalaKeope

Come ormai tradizione, il primo appuntamento in casa e pre campionato di Casalgrande Padana, sarà in occasione del memorial “Camponesco”, trofeo Certech Ente Fiera, che si svolgerà domenica 8 settembre tra le 14.00 e le 19.00 tra le mura del palaKeope.

Si rinnova ancora una volta la realizzazione di questo torneo, in occasione delle Fiere di Settembre di Casalgrande, e soprattutto occasione, per tutti quelli vicini al movimento pallamanistico casalgrandese, di ricordare lo storico dirigente Roberto Camponesco, scomparso qualche anno fa, e che tanto ha dato alla società biancorossa lasciando in tutti un indelebile ed affettuoso ricordo.

Il torneo, realizzato grazie alla collaborazione (anche questa ormai storica) con Certech s.p.a., sarà un triangolare cui parteciperanno, oltre alle padrone di casa, anche le lombarde del Cassano Magnago e le venete di Ali Mestrino, neo promosse in serie A1.

Inizio gare alle 14.00 con l’incontro tra Cassano e Casalgrande,poi alle 16.00 tra Mestrino e Cassano, per chiudere la giornata sportiva alle 18.00 con il match tra Casalgrande Padana e Ali Mestrino. Alle 19.30 previste le premiazioni, con la partecipazione dei familiari del compianto Camponesco ed alla presenza del neo sindaco di Casalgrande Giuseppe Daviddi.

Ultimi test match per il team ceramico, in vista dell’inizio del campionato di A1, che vedrà nella prima giornata, Casalgrande Padana opposta, in casa, al temibile Oderzo, e quindi primo reale banco di prova e rifinitura per le ragazze di mister Corradini che avrà già a disposizione in campo anche l’ultimo acquisto, Belèn Canessa.

Please follow and like us:

Casalgrande Padana in pressing sul mercato: ingaggiata Belèn Canessa Perez

Due settimane al fischio di inizio del campionato di A1 femminile e Casalgrande Padana si rinforza ancora. In arrivo questa volta è il capitano della nazionale cilena, Belèn Canessa Perez. La ventinovenne, sudamericana con passaporto italiano , sarà a disposizione di mister Corradini da martedi 3 settembre, dopo le visite medico sportive. Espertissima ala sinistra, Canessa è comunque una atleta versatile con spiccate doti difensive e di contropiedista. La sua non è la prima esperienza in Italia, paese dove è stata naturalizzata nel 2014 giocando per HF Teramo insieme alla sorella Daniela e a un mostro sacro come Palarie.

“Sono contenta dell’opportunità che mi ha dato un club prestigioso come Casalgrande –dice Canessa-. Ho visto le partite di preparazione che hanno giocato le mie future compagne e mi piace molto il modo in cui gioca la squadra. Spero di contribuire nel gioco collettivo e non vedo l’ora di arrivare ed allenarmi con loro” .

Canessa è una atleta con un curriculum notevole –spiega il dg Aldini– :  ha partecipato a due mondiali, svariate volte ai giochi panamericani, diverse volte campione nazionale con il proprio club di Santiago del Cile, ed anche nella sua esperienza italiana ha superato le 80 reti a stagione. Ha una grande esperienza e disponibilità e sarà senz’altro di aiuto nella crescita delle giocatrici più giovani. “

Canessa è anche salita alla ribalta dei media sportivi sudamericani avendo da poco ricevuto la proposta di matrimonio dal suo fidanzato, il karateka cileno Germàn Charpentier, che, durante la manifestazione dei giochi panamericani a Lima (Perù), si è presentato con un enorme cartellone con cui le chiedeva di sposarlo.

Please follow and like us:

Casalgrande Padana completa il roster: in arrivo il portiere Andrada Bulache

A 45 giorni dall’inizio del campionato, Casalgrande Padana chiude il mercato e completa il roster per la prossima stagione con l’ingaggio di Andrada Bulache.

Diciannovenne, di origine rumena ma con cittadinanza sportiva italiana, Bulache è cresciuta pallamanisticamente al Flavioni Civitavecchia, guidata dall’esperienza di un tecnico di qualità come Patrizio Pacifico. Nell’ultima stagione, nonostante la giovane età, è stata il primo portiere del Flavioni, occasione che le ha permesso di incamerare importanti esperienze di gioco e di ben figurare in numerose gare, tanto che, a mercato aperto, diversi sono stati i club interessati al suo ingaggio. “Alla fine l’abbiamo spuntata noi –dice il dg Aldini-, dopo mesi in cui abbiamo davvero faticato a trovare l’atleta giusta per difendere la nostra porta. Siamo abituati a lavorare con i giovani e cerchiamo di coltivare e far crescere il loro talento grazie al nostro staff tecnico, in cui quest’anno abbiamo inserito anche Stefan Gherman come preparatore dei portieri, e così sarà anche per Andrada. Avere molte coetanee in squadra poi, la aiuterà ad inserirsi al più presto nel gruppo. Voglio poi ringraziare Eleonora Gorla e Patrizio Pacifico (presidente ed allenatore del Flavioni, ndr): l’ottimo rapporto tra le due società e la loro disponibilità al dialogo ci ha permesso di concludere in modo positivo questa operazione di mercato”.

Sulla stessa lunghezza d’onda anche Eleonora Gorla che dice:” Siamo contenti per Andrada che andrà a fare esperienza in una società che lavora bene da anni e punta tanto sui giovani. Non nego che per noi la sua assenza  sarà un problema da affrontare, ma auguriamo a lei e a Casalgrande Padana tante soddisfazioni.”

Bulache sarà a disposizione di mister Corradini dal prossimo 12 agosto.

Please follow and like us:

Nuovo innesto nello staff tecnico Pallamano Spallanzani : arriva Stefan Gherman

Non si ferma l’estate di lavoro in casa Pallamano Spallanzani, alle prese con la pianificazione della stagione 2019/2020.

In vista infatti dei nuovi impegni sia a livello femminile (con la consolidata presenza di Casalgrande Padana nella massima serie) che maschile (con il ritorno in serie A2 di una squadra casalgrandese, a targa del colosso industriale  Modula), la società ha deciso di dare ulteriore compattezza all’ottimo gruppo di tecnici già presente, raggiungendo un accordo con Stefan Gherman, che si occuperà in maniera stabile della preparazione dei portieri .

Un incontro casuale –dice Gherman– con questa dirigenza, che però è sfociato presto in sintonia. Mi volevano addirittura convincere a riprendere a giocare, e sono stato quasi tentato all’idea. Ma credo fondamentalmente di poter essere più utile trasmettendo la mia esperienza ed il mio metodo di lavoro a portieri più giovani, aiutandoli a crescere tecnicamente, in un progetto, come quello di Casalgrande, davvero interessante”. 

40 anni, rumeno (soprannominato goliardicamente “Il Vampiro” perchè originario della Transilvania), il portierone Gherman vanta una esperienza di tutto rispetto, avendo militato per anni in squadre di A1 e A2 maschile, come Casalgrande, Rubiera, Carpi, Nonantola e Parma.

In difficoltà nel reperire un nuovo portiere per Casalgrande Padana e nella necessità di poter mettere anche i portieri di Modula nelle migliori condizioni per affrontare il campionato, abbiamo pensato di investire in formazione – fanno sapere dalla dirigenza-, cercando un ottimo preparatore che possa seguire tutti gli atleti ed atlete del ruolo durante lo svolgimento della stagione, permettendo loro di consolidare quanto già nelle proprie corde e, per i più giovani, di crescere ancora a livello tecnico. Stefan è uno abituato a lavorare duro ed ha una notevole esperienza, quindi è assolutamente la persona giusta”.

 

Please follow and like us:

Colpo Casalgrande Padana: ufficiale l’accordo con Marijana Tanic

Non si fermano le attività nel team ceramico che mette tra gli album di famiglia foto e ricordi dell’ultimo ottimo campionato e cerca di organizzare al meglio il roster per la stagione 2019/2020.

In partenza Iacovello e Fanton che a Casalgrande hanno disputato un campionato fantastico e che hanno alla fine scelto, pur con rammarico, di intraprendere nuove sfide con altri club, dal mercato estivo approda a Casalgrande la fortissima centrale serba Marijana Tanic, per tutti Maja.

Tanic,  26 anni,  167 cm per 62 kg, ha alle spalle le vittorie di due campionati regolari e due coppe nazionali in Serbia con il club Radnicki, numerose presenze nelle coppe europee con lo stesso team, oltre gli impegni con la nazionale serba, di cui ha iniziato a far parte già da quando era giocatrice juniores. Maja ha militato nell’ultima stagione in Italia con Pallamano Leonessa Brescia, agli ordini di mister Scalia, dove , totalizzando 113 reti, è entrata a far parte della Top 20 delle marcatrici del campionato, classifica vinta poi da Ilenia Furlanetto con 202 goal.

“Trovare un accordo con la dirigenza della società –dice Tanic– non è stato difficile. Mi piace l’idea di un roster ben modulato tra ragazze più giovani ma tutte molto in gamba ed altre più esperte e forti come Furlanetto e Franco. Mi metto volentieri a disposizione delle mie compagne in questa nuova avventura in Italia sperando di essere d’aiuto con la mia esperienza nella crescita delle millennials, ma anche con tanta voglia di fare bene e dare battaglia partita dopo partita alle squadre più forti, perchè Casalgrande ormai da tempo non è più una piccola realtà nel campionato, ma è una squadra con cui tutti devono fare i conti. Credo che ci toglieremo delle belle soddisfazioni.”

Continua intanto, fanno sapere dalla dirigenza della società, l’attività di mercato per sistemare anche il reparto portieri.

Please follow and like us:

Casalgrande Padana: Matteo Corradini sarà il nuovo allenatore

Sarà Matteo Corradini il nuovo allenatore per la stagione 2019/2020 del team ceramico Casalgrande Padana di A1 femminile.

Classe ’79 cresciuto pallamanisticamente a Casalgrande, Corradini vanta una notevole esperienza da giocatore, dove ha militato, tra Casalgrande appunto e Rubiera, in tutte le categorie, dalla serie B alla A2 e A1, fino anche all’Elite.

Corradini da giocatore di Nuova Era Casalgrande

Da qualche anno ha intrapreso la carriera come allenatore, occupandosi in via prevalente dei settori giovanili e juniores fino ad oggi, quando la chiamata del team ceramico l’ha convinto al salto di qualità.

Per me è come un ritorno alle origini, anche se in verità non mi sono mai allontanato dalla realtà di Casalgrande –dice Corradini– . Da giocatore ho sempre amato le sfide, e ne sono attirato ancora di più oggi come allenatore. Il progetto di far crescere questo gruppo di ragazze giovani e di casa con l’aiuto di alcune veterane di qualità e che in tanti ci invidiano, mi ha convinto a rispondere positivamente all’interessamento dei dirigenti casalgrandesi. Pur non avendole mai allenate, conosco da anni queste ragazze, sono consapevole delle loro potenzialità e, insieme, faremo il possibile per tenere alto il nome di questa società e dare soddisfazione al nostro pubblico e a chi ci sostiene” .

La dirigenza dà quindi il benvenuto al nuovo tecnico e gli augura un buon lavoro in vista dei prossimi impegni, il primo dei quali è sicuramente portare a definizione il roster che affronterà la prossima stagione.

 

 

 

 

Please follow and like us:

Casalgrande Padana: Lassouli lascia la guida tecnica

Dopo 4 intense stagioni e tante soddisfazioni, si dividono le strade del team Casalgrande Padana e del suo tecnico Yassine Lassouli.

Un allenatore che ha iniziato giovanissimo (23 anni) a sedere sulla panchina di una squadra di A1 , e che grazie alla sua caparbietà ed alla voglia di emergere ha guidato la squadra agli ottimi risultati delle ultime due stagioni –fanno sapere dalla dirigenza– . Poi però i cicli si chiudono, sono necessarie motivazioni nuove sia per i team che per i tecnici stessi, e da qui la decisione, comunque condivisa con lo stesso allenatore, di dividere le nostre strade.  Lassouli è un tecnico dalla grandi motivazioni, che ama le sfide e capace di  notevole impegno e voglia di crescere. A lui, cresciuto  a Casalgrande  come giocatore prima e come allenatore poi, oltre al doveroso ringraziamento per il lavoro sin qui svolto, un grande in bocca al lupo per il futuro”.

 

Please follow and like us:

Casalgrande Padana: con 202 reti Ilenia Furlanetto è la miglior marcatrice del campionato

202. Tante sono le reti all’attivo del capitano di Casalgrande Padana, Ilenia Furlanetto, messe a segno nell’appena conclusa stagione 2018/2019, che la consacrano miglior marcatrice del campionato.

Una stagione che vedeva, a dicembre 2018, Casalgrande Padana al nono posto in classifica, e che la compagine reggiana ha rimesso in piedi fino a sfiorare la possibilità di una storica finale scudetto, e chiudere infine con un buon quarto posto, alle spalle di Salerno, Oderzo e Brixen, che invece la classifica l’hanno guidata dalla prima all’ultima giornata. Trascinatrice di questa scalata, sicuramente capitan Furlanetto, che in stagione è stata premiata anche come miglior giocatrice italiana del campionato. L’ottimo stato di forma e la continuità della bomber reggiana, è stato sicuramente favorito anche dall’importante apporto di tutta la squadra, dalle veterane Fanton, Franco e Iacovello, come dalle millennials Simona ed Alessia Artoni, Kere, Orlandi , Montermini, e dalle u17 Bertolani , Lusetti, Lamberti e Rondoni, più volte chiamate in causa a dare il loro apporto .

Una stagione conclusa in modo assolutamente onorevole quindi, ha poi avuto, come epilogo, che Casalgrande Padana Ceramiche sarà, anche per la prossima stagione, il main sponsor della pallamano “in gonnella” casalgrandese, per il 26esimo anno consecutivo. Un binomio vincente, fatto di passione per questo sport, impegno e serietà da ambo le parti e che tiene alto, in tutta l’Italia, il nome della città di Casalgrande.

Please follow and like us:

Casalgrande Padana: nonostante la vittoria sfuma la finale scudetto

Casalgrande Padana batte 22-21 Venplast Dossobuono. Fanno la propria parte le casalgrandesi, in un play off sin qui giocato alla grande, in un Pala Keope gremito di pubblico, segno di quanto questa città voglia bene alla pallamano e  quanto ha significato questa realtà negli ultimi trent’anni. Poi tutti in attesa del risultato tra Oderzo e Brixen che, in caso di vittoria delle altotesine, avrebbe lasciata aperta la porta ad un possibile sorpasso all’ultima giornata da parte delle reggiane e la possibilità di andarsi a giocare una storica finale scudetto.

Non esce però il jackpot: Oderzo non sbaglia la gara e si impone sul Brixen, qualificandosi matematicamente come seconda finalista e spegnendo così il sogno delle ragazze di mister Lassouli.

 

La gara con Dossobuono viene ampiamente dominata da Casalgrande Padana fino alla metà del secondo tempo, trascinata da una implacabile Furlanetto (13 reti) e da una Fanton in grande spolvero che, al di là delle sei reti segnate, mostra una classe ed una varietà di giocate che è ben difficile vedere diversamente in questo campionato. Poi Dossobuono, spalle al muro, aumenta il ritmo, cerca di soffocare il gioco delle reggiane con una difesa più attenta e profonda e, complici anche i molti errori al tiro delle padrone di casa, si rifà sotto fino al -1, senza riuscire però nell’aggancio finale. Per la cronaca da segnalare anche l’espulsione di Martina Iacovello a due minuti dal termine per un fallo commesso fuori dalla propria area, nell’intento di intercettare un pallone destinato a creare un pericoloso contropiede avversario.

Se da una parte sfuma il sogno di una finale scudetto, resta in piedi però quello di un più che ottimo ed onorevole terzo posto, da contendersi, all’ultima giornata, in trasferta, proprio contro Brixen. Gara che avrà da regalare emozioni: se la statistica ad oggi dice Brixen, è pur vero che proprio contro Babbo&C. , nella prima di ritorno, è iniziata la vera risalita di Casalgrande Padana, che venne sì sconfitta di misura, dimostrando però di essere in piena crescita e di avere la possibilità di scompaginare, come poi è stato, quelli che apparivano i già stabiliti equilibri del campionato.

“Siamo orgogliosi di questo gruppo – dice il presidente Soncini– Queste ragazze hanno fatto un vero e proprio miracolo, non solo rimettendo in piedi una stagione che fino a Dicembre ci aveva visto in difficoltà, ma anche dando prova di carattere e di una  voglia di vincere che ci ha portato ad accarezzare un sogno importante. Tutto questo è stato possibile sì grazie alle veterane della squadra, ma anche alle diverse millennials più volte schierate in campo in campionato, a fare anche loro la loro parte.”

Stagione in chiusura quindi , ma ancora con la speranza del miglior piazzamento possibile e poi, testa alla programmazione della prossima stagione.

 

Please follow and like us: