Archivi categoria: Featured Articles

A2 maschile, due settimane al via del campionato. Scalabrini: “E’ una Modula che può migliorarsi ulteriormente rispetto allo scorso anno, ma ora qualsiasi pronostico è del tutto prematuro. Contro Carpi, sarà necessario puntare molto sull’elevato tasso di energia e velocità che ci deve caratterizzare”

La nuova serie A2 di pallamano maschile scatterà tra due settimane: il turno inaugurale è infatti previsto per sabato 19 settembre, e nell’occasione la Modula Casalgrande sarà di scena nell’atteso derby regionale sul parquet del Carpi. Intanto la preparazione dei biancorossi procede a gonfie vele, sotto l’attenta direzione del nuovo trainer Fabrizio Fiumicelli: all’interno del gruppo si respira un clima di notevole fiducia, pur nella piena consapevolezza dei rilevanti ostacoli che la prossima stagione ha in serbo.

“Il mio legame con lo Spallanzani Casalgrande risale a vecchia data, perchè è proprio qui che ho svolto tutto il mio percorso pallamanistico – ricorda l’ala Salim Scalabrini Di conseguenza, ora sono davvero felice di dare continuità al lavoro che ho svolto durante questi anni. Per quanto mi riguarda, non ho mai pensato di avvicinarmi ad altre squadre: il gruppo della Modula è la mia dimensione naturale, sia per il modo di lavorare che ci caratterizza sia per lo straordinario ambiente che regna al suo interno. Inoltre, giocando a Casalgrande ho la possibilità di coniugare al meglio la pallamano con tutti gli impegni che la vita richiede: in buona sostanza, non potrei affatto sperare di meglio”.


Il vostro lavoro precampionato ha preso il via lo scorso 24 agosto: come procedono le attività?

“Per adesso, il cammino va avanti secondo le intenzioni che avevamo disegnato: non ci sono particolari problematiche sotto l’aspetto fisico, e poi la squadra segue con attenzione le preziose direttive che provengono dal trainer Fiumicelli. L’amichevole in famiglia di sabato scorso, giocata al Pala Keope, ha rappresentato una tappa di buon rilievo nella traiettoria di preparazione. Giovedì prossimo 10 settembre è previsto un test con Imola, sempre a Casalgrande: in quell’occasione, avremo l’opportunità di effettuare un’autentica e utile prova generale in vista dell’imminente campionato”.


A proposito del campionato: l’avvio contro Carpi è di tuo gradimento, oppure avresti preferito dare inizio agli impegni ufficiali affrontando un altro tipo di rivale?

“Francamente, ritengo che adesso i pronostici lascino davvero il tempo che trovano. Il girone B di serie A2 comprende alcune squadre nuove che non conosciamo bene: inoltre proveniamo da un lungo stop agonistico che potrebbe parzialmente condizionare i valori in campo, almeno per quanto concerne la prima fase del torneo. Ad ogni modo so che Carpi si è attrezzata con l’obiettivo di vivere una stagione da medio-alta classifica: loro hanno un’età media più alta rispetto alla nostra, e dunque potranno mettere in campo un tasso di esperienza che va sicuramente a loro favore. D’altro canto, anche noi disponiamo di buone carte da giocare: cercheremo di puntare molto sull’energia che caratterizza una squadra giovane come la nostra, un’energia che dovrà essere tradotta in buona velocità e resistenza fisica”.

Come hai detto tu, adesso fare pronostici è senza dubbio difficile: comunque sia, così sulla carta, quali saranno le formazioni più ostiche da affrontare? E quali sono i traguardi a cui la Modula potrà oggettivamente ambire?

“Si fa un gran parlare di Rubiera, e in effetti i Vikings sono tra le compagini più accreditate per cogliere il 1° posto finale. Quanto al resto, al momento credo proprio che sia meglio non sbilanciarsi: noi abbiamo i mezzi necessari per provare a migliorare ulteriormente il rendimento dello scorso anno, ma per ora fermiamoci qui”.


Facendo un confronto con il 2019/20, quali sono i migliori pregi che dovrete nuovamente esprimere nell’immediato futuro? E viceversa, in quali aspetti sarebbe necessario migliorare?

“L’unità d’intenti che ci contraddistingue come squadra è certamente tra le nostre migliori caratteristiche. Inoltre, ci attendiamo molto pure dai più giovani: loro hanno destato ottime impressioni nei campionati Under, e ora avranno il difficile ma fattibile compito di farsi valere pure in un palcoscenico ben diverso come quello dell’A2. Quanto ai difetti da migliorare, nella prima fase della passata stagione ci siamo fatti prendere da un eccessivo nervosismo: troppe parole e troppe urla, specialmente durante le partite. A onor del vero si tratta di un problema che nel corso delle settimane abbiamo man mano risolto, e quindi bisogna continuare con decisione su tale strada. Per parlare c’è già Fabrizio Fiumicelli, che garantisce una guida tecnica di spessore: noi dobbiamo pensare solo a giocare, e a creare un’identità di gioco quanto più possibile spiccata ed efficace”.


A questo punto, non resta che attendere con trepidazione l’inizio della serie A2 2020/2021…

“Certo che sì, e colgo l’occasione per ringraziare la società: considerando il difficile contesto economico generale, la dirigenza della Pallamano Spallanzani ha fatto veramente grandi cose per permetterci di proseguire l’intera attività. La rinnovata fiducia da parte degli sponsor, a partire dai principali Modula e Casalgrande Padana, deve portare a ciascuno di noi giocatori un motivo in più per riporre in campo il massimo impegno”.

Nelle foto, dall’alto verso il basso della pagina:

  • Da sinistra, l’ala Salim Scalabrini e il terzino Emanuele Seghizzi
  • Salim Scalabrini in azione
  • Il pivot biancorosso Alberto Barbieri
  • Il portiere casalgrandese Kevin Ricciardo
  • Adolfo Martucci, team manager della Modula Casalgrande.
Please follow and like us:

Ceramica Casalgrande Padana ancora al fianco della Pallamano Spallanzani. Il dg biancorosso Aldini: “Il marchio della celebre azienda continuerà a comparire sulle maglie dell’A2 femminile e di tutte le nostre giovanili. Felici di avere rinnovato un accordo che dura da ormai 28 anni: una sponsorizzazione che dall’estate 2021 potrebbe acquisire ulteriore slancio”

Grande notizia per la Pallamano Spallanzani: la Ceramica Casalgrande Padana ha deciso di rinnovare l’accordo di sponsorizzazione nei confronti del nostro club, proseguendo così un sodalizio che dura ormai da quasi tre decenni. La notizia arriva direttamente da Alberto Aldini: “Oggi c’è stato l’incontro risolutivo con il cav. Franco Manfredini, presidente della celebre azienda – spiega il dg biancorosso – Si è trattato di un dialogo molto cordiale e collaborativo, da ambo le parti. Nella fattispecie, lui ha manifestato grande attenzione e stima nei confronti della nostra realtà sportiva: peraltro non avevamo il minimo dubbio in merito, visto e considerato che Casalgrande Padana ci sostiene da ben 28 anni. Per quanto riguarda nel dettaglio i termini dell’accordo, quest’anno la consistenza finanziaria della sponsorizzazione sarà inferiore rispetto al solito: si tratta ovviamente di una decisione legata alla crisi generale del mercato, causa Coronavirus. Tuttavia, nonostante i problemi che il comparto ceramico sta affrontando, il cav. Manfredini ha ugualmente deciso di mantenere vivo lo storico accordo che ci accomuna: il marchio Casalgrande Padana sarà quindi presente sulle maglie della nostra formazione di A2 femminile, ma anche sulle casacche di tutte le formazioni giovanili”.


Inoltre, la conversazione tra i vertici biancorossi e il cavalier Manfredini ha dato l’opportunità di riflettere su orizzonti temporali ben più ampi rispetto alla stagione 2020/21: “Si è parlato pure dei possibili scenari che potrebbero verificarsi tra un anno – conferma il direttore generale della Pallamano Spallanzani – A Franco Manfredini va senza dubbio il nostro grazie, non soltanto per il supporto accordato in vista dell’imminente stagione agonistica: se dall’estate 2021 la situazione di mercato risulterà essere più favorevole, il presidente di Casalgrande Padana si è infatti dimostrato ampiamente disponibile a valutare la ripresa di un appoggio economico più rilevante. Di conseguenza, se le nostre ragazze dovessero guadagnare sul campo la promozione in A1, potremo ancora contare su Casalgrande Padana come interlocutrice privilegiata”. 

Nelle foto, dall’alto verso il basso della pagina:

  • Alberto Aldini, direttore generale della Pallamano Spallanzani Casalgrande
  • Le ragazze della Casalgrande Padana di A2 femminile, ritratte durante il raduno dello scorso 24 agosto.
Please follow and like us:

A2 femminile, lo Spallanzani Casalgrande ha mandato agli archivi la prima settimana di lavoro. Laura Bertolani sempre sulla cresta dell’onda: “Per ora tutto bene, sia a livello di squadra sia in ambito individuale. La struttura del girone ha un’importanza relativa: ciò che conta sta nel concentrarsi a fondo su noi stesse, per esprimere al meglio le nostre potenzialità”

Lo Spallanzani Casalgrande ha mandato agli archivi la prima settimana di lavoro: nella fattispecie il riferimento è alle ragazze dell’A2 femminile, che si sono radunate al Pala Keope lo scorso lunedì 24 agosto. Come ampiamente annunciato, l’ossatura dell’organico allenato da Matteo Corradini si presenta molto simile a quella della passata stagione: tra le numerose riconferme c’è anche Laura Bertolani, giovane pallamanista caratterizzata da prospettive sempre più lusinghiere e incoraggianti.
“Fin qui le attività vanno avanti senza intoppi – spiega l’ala/terzino classe 2002 – Per il momento non dobbiamo fronteggiare particolari problemi sotto il profilo fisico, e inoltre il morale è davvero elevato già da adesso: di certo, stiamo affrontando questa preparazione con un notevole slancio motivazionale. Dopo una pausa agonistica durata così tanti mesi, la nostra volontà di tornare in campo per conquistare punti è veramente altissima: ciò rappresenta senz’altro un aiuto in più nell’affrontare con efficienza il programma precampionato”.


A livello personale, Laura, come stai vivendo questa prima fase di lavoro con la squadra? Sei già in buona forma, oppure avrai bisogno di qualche tempo in più per ritrovare interamente i giusti ritmi-partita?
“Per ora, non posso proprio lamentarmi: del resto in questi mesi mi sono sempre tenuta in movimento, e dunque la mia condizione di forma sta dando risposte positive in perfetta linea con il resto del gruppo. Ovviamente non posso dire di essere al 100%, perchè tutte noi avremo ancora bisogno di qualche settimana per tornare al massimo: l’inizio del campionato è però previsto per metà ottobre, e dunque disponiamo di tutto lo spazio necessario per perfezionare e affinare il livello di preparazione. Le indicazioni che stanno emergendo sono confortanti: la tabella di marcia impostata dal tecnico Corradini e dalla preparatrice atletica Ilenia Furlanetto va nettamente nella migliore direzione”. 


E visto che tu stessa ne hai accennato, parliamo degli equilibri che potranno contraddistinguere il prossimo campionato. Le iscrizioni si chiuderanno venerdì prossimo: di conseguenza, l’ufficializzazione del girone dovrebbe essere questione di giorni. Quali sono le tue preferenze? Che tipo di avversarie spereresti di incontrare?
“A essere sincera, non ho preferenze particolari. Ritengo che sia molto meglio concentrarsi a fondo sulle potenzialità che noi possiamo esprimere: il nostro valore potrà e dovrà emergere in ogni caso, indipendentemente dal fatto di dover affrontare rivali lombarde, sarde, venete o toscane”.


Molto probabilmente, l’imminente stagione agonistica avrà in serbo l’atteso derby reggiano con il Marconi Jumpers Castelnovo Sotto: che partita sarà?
“Per quanto ci riguarda, non abbiamo la benchè minima intenzione di coltivare dannose manie di superiorità: sono convinta di dirlo a nome dell’intera squadra. A differenza di noi, le biancorosse della Bassa non hanno mai fatto l’A1: d’altro canto, bisogna ricordare che il blasone e la storia non scendono in campo. So che Castelnovo Sotto ha un organico affiatato come il nostro, e peraltro loro possono disporre di parecchie opzioni in ogni reparto: quindi le sfideremo con tenacia e senza alcuna supponenza, proprio come avverrà in occasione delle gare contro tutte le altre compagini”. 


Da più parti, lo Spallanzani Casalgrande viene considerato tra le formazioni superfavorite per l’ascesa in A1: è davvero così?
“Difficile dirlo adesso, perchè le variabili in gioco sono ancora troppe per formulare previsioni attendibili. Al tempo stesso, credo pure che la nostra realtà non possa nascondersi più di tanto: senza dubbio possiamo coltivare la ragionevole speranza di fare bene, e la qualità dell’organico che abbiamo parla chiaro in tal senso. Inoltre, terrei a sottolineare la presenza di una centrale che di fatto è un nuovo acquisto: parlo ovviamente di Giulia Dallari, che ha deciso di tornare a indossare la casacca casalgrandese dopo un periodo di stop. Lei costituisce un vero e proprio lusso per la seconda serie: il contributo che arriverà da Giulia ci permette di guardare al futuro con una ragionevole dose di ulteriore ottimismo”.


Qual è il maggiore pregio che dovrete esprimere nel 2020/21? E viceversa, dove risiede il difetto che bisognerà correggere con maggiore rapidità?
“Oltre al potenziale tecnico-agonistico che siamo in grado di sviluppare, lo spiccato spirito di gruppo che ci caratterizza è senza dubbio un autentico valore aggiunto. Viceversa, più che parlare di difetti, credo sia meglio evidenziare una cautela che sarà necessario avere: anche se di volta in volta potremo contare su promettenti innesti in arrivo dalle formazioni Under, l’intelaiatura di base del nostro organico si presenta valida ma non così numerosa. Quindi avremo il delicato compito di gestire le energie a disposizione con precisione e saggezza, mantenendo lucidità anche nel malaugurato caso di intoppi legati a infortuni”. 

Nelle foto, dall’alto verso il basso della pagina:

  • A sinistra, Laura Bertolani in azione
  • Un’altra immagine di Laura Bertolani
  • Il trainer casalgrandese Matteo Corradini
  • L’ala biancorossa Marianna Orlandi, che oggi festeggia il proprio 20° compleanno.
Please follow and like us:

A2F: Guida tecnica confermata a Matteo Corradini

Sciolta la riserva anche sul team di A2F: a guidare lo Spallanzani Casalgrande nel campionato 2020/2021 sarà di nuovo Matteo Corradini, già sulla panchina biancorossa nella scorsa stagione in A1.

Corradini da giocatore di Nuova Era Casalgrande

La scelta della dirigenza casalgrandese ricade quindi di nuovo sull’allenatore di casa insieme alla conferma di quasi tutto il gruppo, ad eccezione di Marijana Tanic che ha trovato un buon accordo in uscita verso Ariosto Ferrara. Così lo stesso coach: “Sono molto contento per la conferma, anche se chiaramente sono dispiaciuto per la rinuncia alla serie A1, ma purtroppo la situazione non ci ha lasciato alternativa. Chiaramente l’obiettivo è quello di tornare il prima possibile nella massima serie, ma questo non ci deve fornire nessuna presunzione di superiorità perchè il campionato è da giocare fino all’ultima gara e solo allora sapremo davvero se siamo stati  all’altezza o meno. Quasi tutte le ragazze hanno sposato il nuovo progetto. E’ comunque un roster molto giovane ma con esperienza di alto livello e spero che questo ci permetterà di ben figurare nel prossimo campionato” .

Il team è stato regolarmente iscritto al campionato e si è in attesa dell’assegnazione del girone e della definizione del calendario. La squadra inizierà ufficialmente la preparazione atletica alla fine del mese di agosto.

Please follow and like us:

Modula Casalgrande: alla guida tecnica arriva Fabrizio Fiumicelli

Giorni di contatti ed intenso lavoro organizzativo in casa Modula Casalgrande. Iscritta  il 6 Luglio scorso al campionato nazionale di serie A2 maschile come previsto, la dirigenza della società annuncia il cambio di timone: alla guida tecnica della senior maschile casalgrandese arriva Fabrizio Fiumicelli, mentre esce dal team Daniele Scorziello, che  dedicherà la prossima stagione una squadra giovanile.

Questo il saluto di Scorziello: ” Abbiamo scommesso su questo gruppo ripartendo dalla serie B e credo di aver fatto un buon lavoro con questi ragazzi, conquistando in due sole stagioni la serie A2 e mantenendo comunque la categoria nonostante l’interruzione del campionato, in un momento in cui, tra l’altro, i meccanismi di gioco proposti stavano diventando più fluidi e diversi atleti erano in piena crescita anche dal punto di vista della continuità. Lascio il posto ad una persona di fiducia con cui sicuramente si divertiranno e con cui sapranno condividere ottimi risultati”.

Al suo posto quindi sale Fabrizio Fiumicelli,  da anni responsabile di tutto il settore giovanile targato Spallanzani. “ Nonostante le grandi difficoltà dovute all’emergenza sanitaria e alle successive conseguenze economiche che si sono abbattute sullo sport dilettantistico- spiega il nuovo coach-,prosegue  il progetto nato nel 2017 di riportare ad alti livelli anche la pallamano maschile di Casalgrande, e sono orgoglioso dell’incarico ricevuto. Diversi ragazzi che ho allenato nelle giovanili faranno parte del gruppo senior e saranno da integrare al meglio con gli atleti più esperti e che in passato hanno già fatto campionati importanti, al fine di creare un gruppo omogeneo ed in grado di affrontare un campionato lungo e faticoso come l’A2 maschile, con più di 25 gare in regular season. E’ comunque un gruppo mediamente giovane: se da un lato si pagherà ancora un pò di inesperienza,  dall’altro sarà un team con tanta gamba e tanto fiato da spendere. Insieme alla dirigenza siamo al lavoro in questi giorni per valutare eventuali innesti utili”.

Dirigenza societaria al lavoro ancora sul roster quindi, ma inizio delle attività di preparazione già fissato per il prossimo 3 agosto.

Please follow and like us:

Pallamano Spallanzani rinuncia alla A1 femminile

E’ ufficiale: Pallamano Spallanzani rinuncerà, per il campionato 2020/2021, al diritto di iscriversi al campionato di serie A1 femminile, iscrivendosi invece al campionato nazionale di A2.

Una decisione difficile, dovuta alla mancanza di garanzie rispetto ad importanti sponsorizzazioni, che a causa del lockdown e dell’incertezza degli scenari economici futuri, sono venuti per il momento a mancare. ” Sono stati 45 giorni difficili-spiega il d.g. Aldini- per il nostro movimento. Giorni in cui ci siamo rimboccati le maniche e dato fondo ad ogni risorsa, conoscenza e capacità di questo consiglio direttivo per far sì che il movimento che rappresentiamo, con oltre 200 tesserati, non si fermasse. Abbiamo provato in ogni modo a mantenere la categoria, con il sostegno anche della Federazione, nell’interesse delle nostre atlete, della nostra visibilità, della nostra storia e del nostro territorio, ma si arriva ad un punto in cui , libretto dei conti alla mano, bisogna operare delle scelte. Le scelte non sono però fine a sè stesse: se da un lato abbiamo dovuto privilegiare aspetti economici, dall’altro abbiamo un progetto e delle idee chiare. Rinunciamo oggi alla massima categoria nazionale, facendo un campionato minore con lo stesso roster che avremmo avuto in A1,  con l’obiettivo di risalire in una stagione, dando spazio anche a tante giovani che potranno beneficiare di una esperienza in A2 prima di affacciarsi al massimo campionato. Colgo intanto l’occasione per ringraziare tutti coloro che in questi giorni di difficoltà ci sono stati vicini, con idee, voglia di guardare al futuro, alcuni anche solo con un sorriso, e chiaramente, anche a tutti coloro che, capendo il lavoro anche educativo giovanile che facciamo con il nostro movimento sportivo, hanno inteso iniziare con noi nuove collaborazioni o confermare in tutto o in parte quelle in essere”

 

Please follow and like us:

Ufficiale lo stop dei campionati. Cosa cambia per Casalgrande Padana e Modula

E’ arrivato come previsto, il  5 aprile, lo stop ufficiale ai campionati nazionali e regionali stabilito dalla FIGH, dopo i consulti con tutti i club di A1 e A2 femminili e maschili, a tutela della salute di tutti gli atleti ed atlete di ogni categoria.

Oltre alla sospensione definitiva, ormai ampiamente nell’aria e caldeggiata da tutti i club, il Consiglio Federale ha inteso fornire da un lato la possibilità di promozione diretta per le squadre di A2 che al 9 marzo si trovavano nella posizione di prima in classifica nel proprio girone (Albatro Siracusa-Cingoli-Molteno per gli uomini, e Erice-Cingoli – Brescia per le donne), salvaguardando dall’altra parte i club in zona retrocessione che quindi non verranno retrocessi alla categoria inferiore e potranno quindi iscriversi nuovamente alla serie appena terminata. E’ stata altresì decretata la possibilità per i club che ne faranno richiesta e ne abbiano le credenziali, qualora in A1 o A2 vi fossero società che dovessero rinunciare all’iscrizione, di ricorrere ai cosiddetti ripescaggi e poter quindi accedere alla categoria superiore fino al raggiungimento completo del numero di squadre previste per ogni campionato.

Ferma tutta l’attività giovanile: non verranno giocate le finali regionali nè quelle nazionali di nessuna categoria dalla U21 in giù, mentre per la A1 femminile e Maschile, è stata preventivata la possibilità di assegnare il titolo di campione d’Italia attraverso le final four tra le prime quattro in classifica, da giocare tra l’1 ed il 7 giugno, solo se entro l’8 maggio vi saranno le condizioni per far riprendere ad allenare le squadre.

Quali ripercussioni avranno sulle squadre casalgrandesi le decisioni della Federazione? Sostanzialmente, allo stato attuale, nessuna. Sia Casalgrande Padana che Modula avranno diritto, in virtù della loro classifica, di reiscriversi ai campionati di A1f e A2m, in una stagione 2020/2021 tutta da decifrare, anche da un punto di vista economico, anche se ad oggi, la speranza prioritaria, è quella di poter riaprire presto i battenti del palaKeope, quando la situazione lo permetterà, e riportare tutte le nostre ragazze e ragazzi ad allenarsi in palestra.

Please follow and like us:

Casalgrande Padana e Modula: gli impegni del 7 marzo

In piena emergenza coronavirus, la FIGH cerca di non fermare i campionati maggiori, pur rimarcando la necessità di contenere il diffondersi del virus e mantenendo fede alla direttiva emanata il 4 Marzo dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri. Gare quindi a porte chiuse e con accesso vietato al pubblico e consentito solo ai pochi operatori che consentano il regolare svolgimento delle gare.

Sabato 7 marzo Casalgrande Padana pertanto affronterà al PalaKeope il fanalino di coda OJ Solutions Nuoro alle 16.30. Come detto la gara sarà a porte chiuse e chiediamo pertanto al nostro pubblico di non recarsi al palazzetto perchè l’accesso alla struttura non sarà consentito. Si potrà comunque fare il tifo per le ragazze di coach Corradini da casa, perchè l’incontro verrà comunque trasmesso in diretta streaming sul canale PallamanoTV e quindi visibile da web, con il commento di Nicolò Rinaldi, ormai stabile voce narrante della gare casalinghe del team ceramico.

Impegno in trasferta invece per Modula, che alle 18.00 incontrerà la prima della classe Cingoli, ancora imbattuta e sempre più lanciata verso la fase playoff promozione. “Andremo a giocare la nostra partita -dice mister Scorziello- con grande rispetto verso una squadra che sta facendo benissimo in questo campionato e che ha una fisicità in grado di mettere in difficoltà chiunque, ma anche con la consapevolezza del nostro percorso di crescita che ci ha portato ad oggi ad avere una maggiore intensità difensiva ed una fase di attacco più fluida. Non mi aspetto certo una gara facile, ma faremo di tutto per farci rispettare a nostra volta”.

Nonostante quindi le porte chiuse, continuano i campionati delle serie maggiori, mentre, lo ricordiamo, resteranno fermi i campionati di Area giovanili fino al 15 marzo compreso.

Please follow and like us:

A2m: Modula implacabile . Vittoria 38-24 su Tavarnelle

Dopo il pareggio esterno del turno scorso, Modula torna tra le mura del palaKeope e guadagna due preziosi punti contro Pallamano Tavarnelle.

Gara in equilibrio per i primi dieci minuti e, all’11esimo le squadre sono ancora sul due pari, con le difese a farla da padrone da una parte e dall’altra. Da qui in poi Modula sale in cattedra e, continuando a concedere pochissimo in difesa ai senesi , comincia a dilagare in fase di attacco con Seghizzi (11 reti) e Toro (7 reti) in gran spolvero .

Molto attenti in fase difensiva,  i ragazzi di Scorziello sono avanti 10-5 al diciottesimo e chiudono 17-11 il primo tempo, con un Prandi paratutto che nega la rete ai toscani nelle poche occasioni in cui riescono ad arrivare al tiro.

Seconda frazione nella quale il coach casalgrandese si aspetta un ritorno di fiamma degli ospiti e puntella la difesa lasciando Barbieri come uno- avanti ed affiancando Lenzotti con Aldini , in staffetta attacco/difesa con Lamberti. Tavarnelle non punge più, nemmeno nel tentativo di marcatura a uomo sugli ispirati Lamberti  (9reti) e Id’Ammou (3), e Modula è completamente padrona del campo fino alla sirena che racconta di una gara ben giocata e di una vittoria netta, che si chiude con un insindacabile + 14.

Please follow and like us:

A2M: il derby va a Rubiera, ma Modula si inchina solo agli arbitri

25-27 il risultato finale del derby tra Modula Casalgrande e Pizzikotto Rubiera andato in scena al PalaKeope di Casalgrande l’8 febbraio, nella quarta giornata del girone di ritorno.

Un bel derby, degno di tal nome, in un palazzetto gremito di tifosi locali ed ospiti che si sono goduti una partita mai scontata e molto lontana dalla gara vista nel girone di andata.

La cronaca della partita è tutta tra il 15esimo ed il 20esimo minuto del secondo tempo. Modula è sul + 2 sulla corazzata avversaria, in una seconda frazione in cui Rubiera, senza Panettieri, fatica ad avere idee e la consueta fluidità di gioco. In due azioni consecutive viene comminata prima l’esclusione per due minuti a Seghizzi e poi l’espulsione diretta per Scalabrini. Modula passa 4 minuti in consistente inferiorità numerica e Rubiera piazza immediatamente il pareggio e poi un + 2, in un break di 4-0 che la porta, a 10 minuti dal termine,  a quel vantaggio che riuscirà a gestire e mantenere fino alla sirena, nonostante gli affondi di Lamberti e compagni. Il resto è tutto in equilibrio.

Alla fine probabilmente esce più soddisfatto mister Scorziello nella sconfitta che coach Agazzani nella vittoria. Si , perchè pur avendo dimostrato di saper tenere bene a livello psicologico anche quando le cose non sono facili, Pizzikotto ha palesato una minor brillantezza rispetto al girone di andata. Di contro, Modula, che deve ancora rinunciare a Marco Giubbini e Vezzelli e con Aldini al 30%, ha mostrato una crescita caratteriale che va definendosi gara dopo gara e che lascia ben sperare circa l’obiettivo stagionale della salvezza, da raggiungere con una squadra di atleti a km e parametro zero, impostazione ben diversa rispetto ai cugini rubieresi.

Prossimo impegno per Giubbini e compagni domenica 16 febbraio, in terra toscana,contro la diretta inseguitrice ADR General Contract Poggibonsi.

Please follow and like us: