Archivi categoria: Settore Giovanile

Quattro anni senza Roberto Camponesco: un piccolo ricordo di un nostro grande amico

Roberto Camponesco: un nome, una garanzia, un vero emblema della Pallamano Spallanzani. Quattro anni fa, nell’ottobre 2016, la sua scomparsa ha suscitato ampio e sincero cordoglio in tutto il comune di Casalgrande e non solo: come è noto lui ha lavorato a lungo per il nostro club, portando un contributo di elevato spessore sia sotto l’aspetto operativo sia soprattutto dal punto di vista umano. La sua preziosa eredità ci è ancora ben presente: non potrebbe essere altrimenti, e per rendersene conto basta osservare l’ampia galleria fotografica presente all’ingresso del Pala Keope. La zona bar ospita una consistente galleria di immagini relative alle squadre biancorosse degli anni e dei decenni passati: Roberto Camponesco figura in moltissime di quelle foto, e ciò testimonia una volta di più il fervido impegno che lui ha riposto a favore della pallamano a Casalgrande.


Come ulteriore segno di stima e riconoscenza, il torneo femminile precampionato che organizziamo abitualmente a settembre è dedicato proprio a lui. Purtroppo, quest’anno l’appuntamento è saltato per i motivi che tutti conosciamo: non avendo potuto onorare la memoria di Roberto sul campo, affidiamo a questo breve intervento il compito di ricordarlo pubblicamente.


L’aggettivo “breve” è appropriato: anche se queste righe vi potranno sembrare un tantino verbose, non saranno certo sufficienti per descrivere con dovizia di particolari il ricco universo di opere e idee che caratterizzava Roberto. Probabilmente, lui sarebbe stato il personaggio giusto per scrivere un libro: magari autobiografico, perchè il linguaggio accurato e sempre puntuale rientrava senz’altro tra le sue caratteristiche. Di origine napoletana, lui stesso ricordava fieramente di essere nato nel quartiere di San Carlo Arena: inoltre Roberto soleva rimarcare le proprie origini facendo uso della celebre locuzione del principe Totò, ossia “Sono parte nopeo… E parte napoletano!” 

Dopo il trasferimento alle nostre latitudini, avvenuto negli anni ’60, lui ha lavorato per un quarantennio alla Ceramica Cir-Serenissima di Villalunga: nella fattispecie, la sua attività professionale era rivolta in particolar modo alla colorazione di mattonelle e piastrelle. Un compito di precisione ma a modo suo anche artistico, che a ben guardare si coniugava al meglio con le prerogative di Roberto. Un uomo molto preciso sul lavoro, ma parimenti dotato di quel brio fantasioso e creativo che gli permetteva di essere ancora più efficace in ogni ambito della vita.


Parlando più nel dettaglio del suo percorso con noi, Roberto Camponesco era attivo nella Pallamano Spallanzani fin dall’anno della fondazione: stiamo parlando del 1982. Trentaquattro anni in biancorosso, contraddistinti da un ampio e significativo ventaglio di esperienze: lui è stato dirigente accompagnatore nell’ambito del settore giovanile, ma anche autista del pulmino che permetteva alle ragazze e ai ragazzi ancora minorenni di raggiungere i luoghi di allenamenti e partite. Ovviamente il suo caleidoscopico sguardo era rivolto pure alle Prime squadre, di cui era osservatore sempre attento e puntuale fornendo sempre un punto di vista qualificato e mai banale. E poi, non dimentichiamo affatto la straordinaria umanità: le parole di Roberto erano sempre pronte a contrappuntare in modo attento ogni avvenimento e ogni personaggio, gratificando vincitori e vinti sempre con la sua peculiare cifra stilistica.
Una cifra che gli derivava pure dai suoi interessi all’infuori del mondo lavorativo e sportivo: qui a Casalgrande, Roberto Camponesco è stato infatti tra i massimi esperti e conoscitori di tutto quanto riguarda il mondo dell’opera lirica e dell’operetta. Peraltro, lui era uomo sempre presente nel sottolineare il valore dello spettacolo inteso come comnistione tra intrattenimento e cultura: una visione che lo portava a rivolgere attenzione e studio anche verso il cinema, così come nei confronti del teatro, della radio e immancabilmente del mezzo televisivo.


Nell’ottobre 2016, dopo un periodo di malattia, Roberto Camponesco è scomparso alle soglie dei 75 anni: negli ultimi tempi i problemi di salute gli avevano impedito di seguire l’attività biancorossa come avrebbe voluto, ma nonostante ciò si teneva costantemente informato manifestando il proprio incessante sostegno sia pure “a distanza”. Oggi, la sua famiglia è ancora assidua frequentatrice del palazzetto: non possiamo che esserne felici, oltre che sinceramente grati. 


Roberto Camponesco se n’è andato quattro anni fa… Tuttavia, si tratta di una frase che continua a suonarci un po’ troppo strana anche a distanza di tempo. E allora, visto che prima abbiamo parlato di televisione, riteniamo che le parole migliori siano quelle che Gigi Marzullo utilizza in questi casi: “I veri grandi non muoiono, non scompaiono, non se ne vanno… Al massimo si assentano”. Ecco: dall’ottobre 2016 in avanti, per noi del Gs Spallanzani Casalgrande, Roberto Camponesco è sempre un assente giustificato. Grazie ancora Roberto!!!

Nelle foto, dall’alto verso il basso della pagina:

  • Il Pala Keope di Casalgrande
  • Roberto Camponesco premiato nel 2012 a Pratissolo, durante la festa per i 30 anni del Gs Pallamano Spallanzani Casalgrande
  • Un’altra immagine di Roberto Camponesco.

A2 femminile, amichevoli annullate: la Casalgrande Padana non giocherà i test contro Leno e Marconi Jumpers. Corradini: “Giocare sarebbe stato molto utile per aiutarci a ritrovare il ritmo-partita, ma ora la prudenza e il rispetto delle regole generali hanno ovviamente la precedenza. Il nostro lavoro procede comunque con regolarità: 4 allenamenti a settimana, e l’infermeria continua a essere vuota”. Under 15 femminile e Under 17 maschile alla ribalta durante lo scorso fine settimana: le impressioni dei tecnici Stefania Guiducci e Daniele Scorziello

Nuove variazioni nel programma precampionato della nostra A2 femminile: la Casalgrande Padana aveva in calendario due amichevoli, che però sono state definitivamente annullate. “Domani sera, mercoledì 21 ottobre, avremmo dovuto recarci in Lombardia – ricorda il trainer biancorosso Matteo Corradini – In agenda c’era il confronto sul campo del Leno, squadra di massima divisione. A seguire, il 29 era previsto il test a Castelnovo Sotto sul campo del Marconi Jumpers: come è noto, la formazione della Bassa sarà tra le nostre avversarie nel girone A di campionato che partirà il 7 novembre. Tuttavia entrambe le sfide non si disputeranno, come indicato dalle nuove disposizioni per la lotta al Coronavirus”. A questo punto sembrano quindi tramontate le speranze di recuperare l’incontro con l’Ariosto Ferrara di A1, confronto che venerdì scorso era saltato per ragioni di carattere organizzativo. “Dal punto di vista strettamente tecnico-agonistico, il fatto di non poter disputare amichevoli rappresenta un problema oggettivo – commenta Corradini – Il fatto di giocarle avrebbe permesso di affinare in modo significativo la preparazione in vista del campionato: ricordiamo infatti che le ultime gare ufficiali risalgono addirittura a otto mesi fa, e quindi tutte le occasioni di confronto con altre squadre sarebbero state utilissime per ritrovare il ritmo-partita. Ad ogni modo, si tratta di un problema comune a tutte le altre squadre: e poi, adesso ciò che più conta sta senza dubbio nel rispettare le regole che vengono date per contrastare il virus”. 


Intanto, le ragazze della Casalgrande Padana continuano ad allenarsi senza intoppi: “Al di là delle cancellazioni relative alle amichevoli, il nostro lavoro di preparazione procede seguendo i binari previsti – sottolinea Matteo Corradini – Per l’esattezza la squadra è al lavoro ogni settimana nelle serate di lunedì, martedì, giovedì e venerdì: in più, al momento l’infermeria continua a essere completamente vuota”.


GIOVANILI. Parlando invece delle formazioni giovanili, sempre targate Casalgrande Padana, nello scorso fine settimana il Pala Keope ha ospitato un duplice appuntamento pallamanistico.


Le prime a scendere in campo sono state le Under 15 biancorosse: sabato la formazione allenata da Stefania Guiducci e Gaia Lusetti ha disputato un triangolare con le pari età di Tushe Prato e Leonessa Brescia. “Il nostro organico deve lavorare il più possibile con l’obiettivo di acquisire esperienza, e non potrebbe essere altrimenti – osserva Stefania Guiducci Per rendersene conto, basta considerare la composizione anagrafica della squadra: la stragrande maggioranza dell’organico è formata da ragazze classe 2007, con alcune 2006 e due giocatrici nate addirittura nel 2008. Il lavoro da fare resta quindi tanto, specialmente in questa fase iniziale dell’annata: la Casalgrande Padana Under 15 è tuttora un cantiere aperto alla ricerca di una precisa identità di gioco, e ce ne siamo accorte anche durante il torneo di sabato. Tuttavia, nonostante la doppia sconfitta, nel complesso non abbiamo affatto sfigurato – rimarca l’allenatrice – Al contrario, ho notato miglioramenti rispetto alle prove fornite nel corso del recente Torneo di Rubiera. La più esperta Tushe Prato ci ha superate con largo margine, ma nell’altro confronto siamo rimaste in partita per parecchi minuti pur affrontando una formazione di pregevole spessore come Brescia. In seguito, lo scontro diretto tra le due nostre avversarie si è invece chiuso in parità. A questo punto, non abbiamo ulteriori amichevoli in programma – annuncia Stefania Guiducci – Intanto però gli allenamenti continuano con regolarità, e con grandissimo impegno da parte dell’intera squadra: inoltre, incrociamo le dita per poter iniziare il campionato nel mese di novembre”.


A calcare il palcoscenico domenicale è stata invece la Casalgrande Padana Under 17 maschile, a sua volta di scena contro due avversarie di pari categoria. “In origine avremmo dovuto giocare un quadrangolare, ma all’ultimo momento la formazione di Mordano non ha potuto essere presente – spiega il trainer biancorosso Daniele Scorziello – Di conseguenza anche noi ci siamo cimentati con un torneo triangolare. Come da pronostico, Carpi ha guadagnato i galloni di formazione dominatrice della giornata: loro hanno riportato due brillanti vittorie, confermando gli ottimi pronostici che li riguardano in vista della stagione ufficiale 2020/2021. D’altro canto, noi abbiamo comunque fornito impressioni incoraggianti: peraltro siamo stati capaci di bloccare Rubiera sul 37-37, e ciò la dice ulteriormente lunga sulla determinazione e sullo slancio che stiamo esprimendo fin da ora. Tra i nostri elementi più in evidenza durante le gare di domenica figurano Montecroci, Canelli e Bondavalli – evidenzia Scorziello – Comunque sia, per ora non è certo una questione di singoli. I passi avanti che dovremo effettuare come gruppo restano ancora numerosi: tuttavia, la strada che ciascuno dei ragazzi ha iniziato a percorrere appare davvero quella giusta. Adesso, per il momento nemmeno noi abbiamo in previsione delle altre amichevoli: ovviamente il lavoro di allenamento prosegue, per ora senza intoppi sotto l’aspetto degli infortuni”. 

Nelle foto, dall’alto verso il basso della pagina:

  • La Casalgrande Padana di A2 femminile, stagione 2020/2021
  • Matteo Corradini, allenatore dell’A2 femminile
  • Stefania Guiducci, allenatrice della Casalgrande Padana U15 femminile
  • Daniele Scorziello, trainer della Casalgrande Padana U17 maschile.

A2 femminile, annullata l’amichevole di stasera tra Casalgrande Padana e Ariosto Ferrara. Nel fine settimana, doppio appuntamento giovanile al Pala Keope: domani le Under 15 biancorosse disputeranno un torneo triangolare, mentre domenica è previsto un quadrangolare che coinvolgerà gli Under 17

Cambio di programma per la Casalgrande Padana di serie A2. Questa sera, venerdì 16 ottobre, le nostre beniamine avrebbero dovuto affrontare l’Ariosto Ferrara di A1 sul parquet del Pala Keope: tuttavia, stamattina l’amichevole è stata annullata per ragioni organizzative. Il duello avrebbe rappresentato il ritorno del test disputato due settimane fa, al Pala Boschetto di Ferrara: in quell’occasione le pallamaniste biancorosse hanno ceduto con onore, risultando sconfitte con il punteggio di 43-38.

Ora, si attende di sapere se la seconda sfida con l’Ariosto potrà eventualmente essere recuperata. Intanto, le ragazze allenate da Matteo Corradini sono proiettate sull’amichevole di mercoledì prossimo 21 ottobre: le casalgrandesi saranno di scena in terra bresciana contro le padrone di casa del Leno, squadra che sta disputando la massima serie. A seguire il 29 ottobre è prevista un’ulteriore amichevole, a Castelnovo Sotto con le pari categoria del Marconi Jumpers.


Nell’imminente fine settimana, il Pala Keope sarà comunque animato da due appuntamenti che riguardano il Settore giovanile. Domani, sabato 17 ottobre, la Casalgrande Padana Under 15 femminile giocherà un triangolare che avrà inizio alle ore 17: nella fattispecie, le biancorosse allenate da Stefania Guiducci e Gaia Lusetti si confronteranno con le pari età di Leonessa Brescia e Tushe Prato.

Domenica 18, spazio invece ai ragazzi diretti da Daniele Scorziello: a partire dalle ore 14.30 si disputerà un quadrangolare Under 17 maschile con Mordano, Rubiera, Carpi e ovviamente Casalgrande Padana. Entrambi gli appuntamenti si svolgeranno a porte chiuse: la “Keope Pass Card” ha infatti validità solo per le gare ufficiali delle formazioni di A2.

Nelle foto, dall’alto verso il basso della pagina:

  • Daniele Scorziello, allenatore della Casalgrande Padana Under 17 maschile
  • Stefania Guiducci, allenatrice della Casalgrande Padana Under 15 femminile.

Giovanili, le squadre targate Casalgrande Padana brillano a Rubiera nella giornata conclusiva del Memorial “Nello Corradini”. Gli Under 19 di Fiumicelli conquistano il trofeo di categoria: “Torneo di alto livello, con quasi tutte le principali candidate alla conquista del titolo regionale”. Buoni risultati anche nel tabellone Under 13 misto. Ilenia Furlanetto: “La formazione femminile è giunta seconda. Inoltre i ragazzi si sono impegnati tantissimo, pur essendo alla prima uscita stagionale”

La domenica pallamanistica è stata foriera di ottimi risultati per le squadre targate Casalgrande Padana. Le buone notizie provengono dall’11° Memorial “Nello Corradini”: la celebre e prestigiosa competizione organizzata dalla Pallamano Rubiera è giunta ieri alla sua giornata conclusiva.


Per la precisione, il nostro club è sceso in campo anche nella competizione Under 19 maschile: in questo caso i ragazzi allenati da Fabrizio Fiumicelli hanno conquistato il titolo, imponendosi al termine del ricco programma di gare che si è svolto al Pala Bursi. I biancorossi sono stati inseriti nel gruppo preliminare A insieme a Carpi, Nonantola e Romagna B: per la cronaca l’altro raggruppamento raccoglieva invece Carpine, Romagna A e i padroni di casa del Secchia Rubiera. Nella sfida di esordio, la Casalgrande Padana ha pagato dazio per 13-17 nel duello con il Romagna B: tuttavia a seguire i biancorossi si sono ripresi in modo brillante, prevalendo 19-14 sul Nonantola e 15-14 sul Carpi. Questo doppio successo ha permesso ai casalgrandesi di conquistare il 1° posto nel girone: di conseguenza è arrivato l’accesso alla finalissima per il titolo, disputata contro il Rubiera che ha primeggiato nell’altro raggruppamento. La sfida finale si è dunque conclusa con il brillante successo della Padana, che ha dettato legge contro la pur coriacea e volenterosa formazione locale: 17-8 il punteggio. Tutte le gare si sono disputate su un tempo unico di mezz’ora.


“Un torneo di alto livello – spiega Fabrizio Fiumicelli – A parte Bologna, ieri erano presenti tutte le formazioni maggiormente favorite per la conquista del titolo regionale: tra queste ci siamo anche noi, sperando beninteso che il campionato Under 19 emiliano-romagnolo possa partire. Per i nostri ragazzi si è trattato della prima vera uscita stagionale, e dunque c’è ancora molto da fare per perfezionarsi e affinarsi in vista del futuro: d’altronde abbiamo un gruppo consolidato che gioca insieme da ormai tanti anni, e ciò ha rappresentato senza dubbio un notevole aiuto per noi. Aggiungo inoltre una nota di merito per gli organizzatori della Pallamano Secchia Rubiera, club che ha confermato la propria spiccata attitudine nell’organizzare questo genere di eventi – evidenzia Fiumicelli – Anche stavolta il club biancorosso ha gestito il tutto alla perfezione, muovendosi con efficacia pur tra le irrinunciabili restrizioni legate all’emergenza Covid”. L’unica vera nota stonata nell’affermazione degli Under 19 è costituita da un problema di infermeria, che potrebbe condizionare anche l’organico della Modula di A2: “Purtroppo Riccardo Prodi ha rimediato una botta al gomito – spiega il trainer biancorosso – Capiremo la reale entità del problema solo dopo gli accertamenti, che verranno effettuati in questi giorni”. 


Il nostro club era poi presente all’interno della competizione Under 13, che si è articolata su un tabellone misto: anche in questo caso partite a tempo unico, ma con una durata pari a 20 minuti. I ragazzi casalgrandesi hanno dato vita alla formazione A, mentre la Padana B ha avuto una composizione interamente femminile: ovviamente, entrambe le formazioni sono state dirette dalle allenatrici Furlanetto e Rondoni. Le due squadre hanno disputato un girone unico al Pala Bergianti: Franciacorta (Brescia), Chiaravalle e Nonantola le altre realtà in lizza. In questo caso il risultato più eclatante è arrivato dalle ragazze, che hanno conquistato una lusinghiera seconda piazza: le nostre beniamine si sono piegate soltanto nella finalissima, vinta dalle marchigiane del Chiaravalle per 15-5. 

“Questo 2° posto rappresenta senza dubbio un risultato di spessore, che dà ulteriore slancio in vista del futuro – commenta Ilenia Furlanetto – Il cammino della compagine maschile è stato invece meno brillante sotto l’aspetto dei risultati: tuttavia per tanti di loro si è trattato delle primissime partite dopo il lungo stop, e dunque i risultati hanno ancora un valore piuttosto relativo. Sono comunque contenta per il notevole impegno messo in campo dai ragazzi”.

Nelle foto:

  • Fabrizio Fiumicelli, allenatore della Casalgrande Padana Under 19 maschile
  • Ilenia Furlanetto, allenatrice dell’Under 13 e coordinatrice delle giovanili biancorosse.

Giovanili, Casalgrande Padana di scena a Rubiera nel prestigioso Memorial “Nello Corradini”. Durante lo scorso fine settimana, sono scese in campo le Under 15: domenica prossima toccherà invece all’organico Under 13 maschile, in lizza con ben due squadre

Lo Spallanzani Casalgrande sta partecipando all’undicesimo Memorial “Nello Corradini”, prestigiosa competizione giovanile organizzata dalla Pallamano Secchia Rubiera: le prime gare si sono svolte nello scorso fine settimana, e domenica prossima il ricco programma giungerà alla propria conclusione.


Per quanto riguarda nel dettaglio il cammino delle formazioni biancorosse, domenica 4 ottobre alla Palestra Mari è scesa in campo la nostra Under 15 femminile: la Casalgrande Padana ha disputato un girone unico davvero impegnativo, che ha rappresentato un banco di prova decisamente severo ma comunque molto utile. La formazione allenata da Stefania Guiducci e Gaia Lusetti ha dovuto pagare dazio nei duelli contro Romagna, Bolzano e Camerano: in compenso le nostre beniamine sono anche riuscite a riportare una significativa vittoria, 2-12 contro le marchigiane del Chiaravalle. Per la cronaca, le gare si sono disputate su un tempo unico della durata di 25 minuti.


Ora, i riflettori sono puntati su ciò che succederà domenica 11. In questo caso a essere protagonista sarà la Casalgrande Padana Under 13 maschile: per l’occasione, l’organico guidato da Ilenia Furlanetto e Marco Giubbini si sdoppierà in due squadre. La Padana B sarà di scena nel gruppo A insieme a Bolzano, Franciacorta e ai padroni di casa targati Rubiera: la Padana A disputerà invece il raggruppamento B con Marconi Jumpers Castelnovo Sotto, Chiaravalle e Nonantola.

Questa la scansione oraria delle partite. Ore 9: Rubiera-Casalgrande Padana B. Ore 9.45: Casalgrande Padana A-Marconi Jumpers. Ore 12.45: Casalgrande Padana A-Chiaravalle. Ore 13.30: Casalgrande Padana B-Franciacorta. Ore 15.45: Casalgrande Padana A-Nonantola. Ore 16.30: Bolzano-Casalgrande Padana B. Le seconde classificate duelleranno poi dalle 18 per il terzo posto, mentre le vincenti dei due gironi si affronteranno dalle ore 18,45 per la conquista del titolo. Tutte le partite della categoria Under 13 verranno disputate su un tempo unico da 20 minuti.

Nelle foto, dall’alto verso il basso della pagina:

  • Stefania Guiducci, allenatrice della Casalgrande Padana Under 15 femminile
  • Ilenia Furlanetto, allenatrice dell’Under 13 maschile e coordinatrice del settore giovanile biancorosso.

La Casalgrande Padana Under 15 maschile centra un lusinghiero 3° posto al Torneo di Campogalliano

Podio di spessore e sicuramente di buon auspicio per gli Under 15 biancorossi: ieri i ragazzi targati Casalgrande Padana hanno centrato un lusinghiero terzo posto al Torneo di Campogalliano, organizzato dalla Pallamano Carpi. L’unica sconfitta rimediata dai nostri beniamini è arrivata nel confronto di esordio, disputata proprio contro Carpi: a seguire i ragazzi allenati da Ilenia Furlanetto hanno riportato un convincente successo su Imola, bissato con la successiva affermazione nel duello con Parma. Per la cronaca, il torneo si è svolto all’interno del Centro sportivo “Lauro Bolelli:” le gare si sono articolate sulla disputa di due tempi, da 20 minuti ciascuno. Il tabellone delle squadre Under 15 partecipanti comprendeva anche Marconi Jumpers Castelnovo Sotto, Palazzolo e Mordano.

Nella foto a inizio pagina: gli Under 15 della Casalgrande Padana che hanno partecipato al Torneo di Campogalliano, con l’allenatrice Ilenia Furlanetto.

Da domenica prossima 27 settembre, il palazzetto di Casalgrande riapre le porte al pubblico: 200 i posti disponibili per ogni partita. Si potrà accedere soltanto con la nuova Keope Pass Card, tessera nominativa e gratuita: prenotazioni già aperte

A partire da domenica 27 settembre, il Pala Keope riapre finalmente le porte al pubblico per tornei, amichevoli e gare di campionato: gli accessi saranno però contingentati, nel rispetto delle vigenti normative tese a contrastare la pandemia da Covid-19.

Duecento i posti disponibili e nominativi per seguire le gare di Modula, Casalgrande Padana e delle formazioni giovanili: gli interessati sono quindi invitati a prenotare sùbito la propria Keope Pass Card, scrivendo all’indirizzo [email protected] . All’interno della e-mail bisognerà precisare quali squadre si intende seguire (A2 maschile, A2 femminile, giovanili oppure tutte): inoltre sarà necessario indicare nome, cognome e numero di telefono. La Keope Pass Card, assolutamente gratuita, potrà essere ritirata direttamente in segreteria al Pala Keope: i posti sono pochi, quindi conviene affrettarsi. Si tratta di una tessera nominativa e personale: di conseguenza non può essere ceduta a terzi, né scambiata. In tribuna sarà obbligatorio l’uso della mascherina, per tutta la durata della gara.

La validità delle tessere parte da domenica 27. Pertanto, l’amichevole di A2 femminile in programma sabato tra Casalgrande Padana e Marconi Jumpers Castelnovo Sotto sarà ancora a porte chiuse.


In più, ricordiamo che è ancora possibile sostenere le nostre squadre con un piccolo contributo: la maglia e la mascherina “griffate” Pallamano Spallanzani sono in vendita al costo complessivo di soli 10 euro. Vi aspettiamo!!!

Dall’alto verso il basso della pagina, le Keope Pass Card per seguire le partite di Modula Casalgrande (A2 maschile) e Casalgrande Padana (A2 femminile): i codici qr sono personali, per permettere un eventuale tracciamento sanitario.

Al via anche le giovanili della Pallamano Spallanzani, coordinate da Ilenia Furlanetto: l’elenco completo degli allenatori

Non solo serie A2 a Casalgrande: la Pallamano Spallanzani è da sempre attivissima anche in ambito giovanile, e il ricco palmarès conquistato dal nostro club ne rappresenta una tangibile testimonianza. I ricordi sono parecchi e davvero indimenticabili: basti pensare agli scudetti femminili vinti con l’Under 16 (2016) e con l’Under 18 (primavera 2017), così come il 2° posto a livello nazionale che gli Under 17 hanno ottenuto un anno fa. In più, la storia del Gs Spallanzani comprende tanti altri piazzamenti di rilievo in ambito nazionale: tutto questo senza dimenticare gli svariati titoli regionali conquistati nel corso degli anni.


Parlando invece delle tematiche relative all’attualità, le ragazze e i ragazzi dell’Under 17 hanno già iniziato ad allenarsi: gli altri organici cominceranno invece a giorni, in concomitanza con l’avvio dell’anno scolastico. Come sempre, tra gli obiettivi primari c’è senza dubbio quello di favorire il più possibile la crescita dei ragazzi: sia sul piano sportivo, sia dal punto di vista umano. Questi dunque gli allenatori delle giovanili biancorosse per l’annata 2020/2021:


Gruppo Scuole Elementari – Ilenia Furlanetto e Laura Bertolani.

Under 13 maschile e femminile – Ilenia Furlanetto e Marco Giubbini.

Under 15 maschile – Ilenia Furlanetto.

Under 15 femminile – Stefania Guiducci e Gaia Lusetti.

Under 17 maschile – Daniele Scorziello.

Under 17 femminile – Stefania Guiducci e Gaia Lusetti.

Under 19 maschile – Fabrizio Fiumicelli.

Under 20 femminile – Giorgia Di Fazzio.


Tutte queste formazioni recano sulle maglie il marchio della Ceramica Casalgrande Padana, che nei giorni scorsi ha rinnovato l’accordo di sponsorizzazione con il nostro club. Come anticipato durante l’estate, il Settore giovanile della Pallamano Spallanzani ha inoltre una nuova coordinatrice generale: si tratta di Ilenia Furlanetto. Prima di lei il ruolo era ricoperto da Fabrizio Fiumicelli, che quest’anno si occuperà di dirigere gli Under 19 e la Modula di serie A2 maschile.
A tutti il più cordiale augurio di buon lavoro!

Nelle foto, dall’alto verso il basso della pagina:

  • Ilenia Furlanetto, terzino della squadra di A2 e coordinatrice generale del Settore giovanile biancorosso
  • Daniele Scorziello
  • Stefania Guiducci
  • Giorgia Di Fazzio.

Ceramica Casalgrande Padana ancora al fianco della Pallamano Spallanzani. Il dg biancorosso Aldini: “Il marchio della celebre azienda continuerà a comparire sulle maglie dell’A2 femminile e di tutte le nostre giovanili. Felici di avere rinnovato un accordo che dura da ormai 28 anni: una sponsorizzazione che dall’estate 2021 potrebbe acquisire ulteriore slancio”

Grande notizia per la Pallamano Spallanzani: la Ceramica Casalgrande Padana ha deciso di rinnovare l’accordo di sponsorizzazione nei confronti del nostro club, proseguendo così un sodalizio che dura ormai da quasi tre decenni. La notizia arriva direttamente da Alberto Aldini: “Oggi c’è stato l’incontro risolutivo con il cav. Franco Manfredini, presidente della celebre azienda – spiega il dg biancorosso – Si è trattato di un dialogo molto cordiale e collaborativo, da ambo le parti. Nella fattispecie, lui ha manifestato grande attenzione e stima nei confronti della nostra realtà sportiva: peraltro non avevamo il minimo dubbio in merito, visto e considerato che Casalgrande Padana ci sostiene da ben 28 anni. Per quanto riguarda nel dettaglio i termini dell’accordo, quest’anno la consistenza finanziaria della sponsorizzazione sarà inferiore rispetto al solito: si tratta ovviamente di una decisione legata alla crisi generale del mercato, causa Coronavirus. Tuttavia, nonostante i problemi che il comparto ceramico sta affrontando, il cav. Manfredini ha ugualmente deciso di mantenere vivo lo storico accordo che ci accomuna: il marchio Casalgrande Padana sarà quindi presente sulle maglie della nostra formazione di A2 femminile, ma anche sulle casacche di tutte le formazioni giovanili”.


Inoltre, la conversazione tra i vertici biancorossi e il cavalier Manfredini ha dato l’opportunità di riflettere su orizzonti temporali ben più ampi rispetto alla stagione 2020/21: “Si è parlato pure dei possibili scenari che potrebbero verificarsi tra un anno – conferma il direttore generale della Pallamano Spallanzani – A Franco Manfredini va senza dubbio il nostro grazie, non soltanto per il supporto accordato in vista dell’imminente stagione agonistica: se dall’estate 2021 la situazione di mercato risulterà essere più favorevole, il presidente di Casalgrande Padana si è infatti dimostrato ampiamente disponibile a valutare la ripresa di un appoggio economico più rilevante. Di conseguenza, se le nostre ragazze dovessero guadagnare sul campo la promozione in A1, potremo ancora contare su Casalgrande Padana come interlocutrice privilegiata”. 

Nelle foto, dall’alto verso il basso della pagina:

  • Alberto Aldini, direttore generale della Pallamano Spallanzani Casalgrande
  • Le ragazze della Casalgrande Padana di A2 femminile, ritratte durante il raduno dello scorso 24 agosto.

Settore Giovanile: l’inverno azzurro di Pallamano Casalgrande

Mentre le squadre senior Casalgrande Padana e Modula hanno rispettato la pausa natalizia prevista dal calendario dei propri campionati, in casa Spallanzani Casalgrande c’è chi invece ha continuato ad allenarsi e giocare indossando la maglia azzurra della nazionale.

In ordine cronologico, il primo a partire è stato Enrico Aldini. Ormai non più una sorpresa la sua convocazione con la nazionale maschile U18, ha partecipato, tra il 26 ed il 30 Dicembre, alla Sparkassen Cup di Merzig in Germania , dove gli azzurrini guidati dai tecnici Tedesco e Popovic hanno conquistato un buon quinto posto in un torneo che vedeva impegnate alcune tra le nazionali più forti d’Europa, tra cui la Germania, l’Islanda e le Isole Far Oer.  Buone le prove del pivot casalgrandese , capace di imporre la propria tecnica difensiva contro la fisicità importante soprattutto degli atleti  islandesi e olandesi. Giusto un paio di giorni di riposo e poi via di nuovo, questa volta verso la Polonia con la nazionale U20, per uno stage di allenamento e gare amichevoli contro i pari età della nazionale polacca, tra il 2 ed il 7 gennaio.

La seconda a partire, l’8 gennaio, è stata invece Laura Bertolani, convocata come ala con la nazionale U20 femminile sotto la direzione tecnica di Lijljana Ivaci, anche lei verso la Polonia dove le azzurrine, come per gli uomini, hanno affrontato  due amichevoli contro le coetanee polacche. Tanto minutaggio per l’atleta junior reggiana,  classe 2002, che ha potuto far apprezzare, nella sua prima vera esperienza in maglia azzurra, tutta la sua velocità e la sua determinazione difensiva, in un gruppo di cui doveva far parte anche Marianna Orlandi , che ha però dovuto rinunciare per infortunio.

La prossima partenza invece è prevista  il 22 gennaio e sarà la volta della piccola di casa, Asia Mangone. Ala, mancina, classe 2005 della nostra U15 condotta da Maja Tanic, carattere ed esplosività da vendere, è stata convocata, insieme ad altre 36 atlete, per la selezione della nuova nazionale U17 femminile, anche questa sotto la supervisione di Lijljana Ivaci.

Tanta soddisfazione in casa Pallamano Casalgrande . Ma come arrivano questi ragazzi a raggiungere questi risultati? Lo abbiamo chiesto al responsabile del settore giovanile Fabrizio Fiumicelli: ” gli obiettivi societari sono molteplici ma  il progetto è prima educativo e poi sportivo. L’educazione passa anche dal concetto fondamentale che il risultato è la naturale conseguenza dell’impegno profuso. Non c’ è risultato senza impegno e sacrificio.  Nelle nuove generazioni notiamo che questo è un concetto sempre più difficile da trasferire  .Laura, Asia ed Enrico, che ben hanno assorbito e fatto loro questo concetto, sono tutti passati dal gruppo che noi denominiamo ELEMENTARI perché frequentato da bambini provenienti appunto dalle scuole elementari dove ogni anno, grazie alla collaborazione con la direttrice didattica Fiorella Magnani e le maestre, proponiamo dalle 300 alle 500 ore annue nelle scuole per far giocare questo bellissimo gioco. Un gioco si, perché prima di essere uno sport (con tutto quello che comporta la denominazione di sport) la PALLAMANO è un gioco, ed è divertente e molto immediato. Sfruttando queste caratteristiche facciamo giocare i bambini dai 7 ai 10 anni insegnando loro le basi del movimento umano. Da qui all’ U13 ,in cui la tecnica insegnata prende più spazio, poi U15, un campionato che inizia ad essere agonistico, fino alle categorie u17 e 19 dove i nostri ragazzi arrivano a significativi risultati anche in ambito nazionale ed iniziano a trovare spazi nelle nostre prime squadre.”