Emmeti Group – Nuova Era 27 – 26 ( 12 – 13 )

Trasferta tutta da dimenticare da parte di Nuova Era che era andata in quei di Torri di Quartesolo per giocarsela alla pari contro l’EmmeTi, senza timori reverenziali e senza pregiudizi sul fatto di giocare in trasferta. Partita sostanzialmente equilibrata e giocata punto a punto tra due squadre che hanno fatto vedere una buona pallamano, divertito il numeroso pubblico, con la possibilità di aggiudicarsi l’intera posta in palio fino al termine del tempo regolamentare da una o dall’altra contendente, fino al 59’59’’quando gli arbitri fischiano fallo a favore del’EmmeTi sul risultato di 26 – 26 quasi concomitante con il suono della sirena: tiro franco.

A questo punto, quando quasi tutti pensavano alla giostra dei rigori che avrebbero deciso l’incontro, Stefano Norberti si appresta a tirare la punizione che non dovrebbe cambiare il risultato, ma mentre gli atleti di Casalgrande stanno ancora terminando la barriera con Baschieri tra i pali forse ancora in fase di controllo della posizione dei suoi uomini, l’arbitro fischia e il pallone partito dalla mano di Norberti perfora la barriera Reggiana e si insacca inesorabilmente in porta, 27 – 26. Un boato tra pubblico ed atleti di Mestrino, espressione incredula sui volti dei Reggiani, come si perde una partita in un secondo.

 La Partita – Parte forte la squadra di casa ed al 4’ conduce 2 – 0 ma con Nuova Era che si sente in partita e porta il risultato in parità 2 – 2 al 5’ e con un secco 0 – 3 i ragazzi di Spallanzani si portano in vantaggio al 11’ con il risultato di 2 – 5 per giungere al 20’ con un esiguo vantaggio 8 – 9. Torna in parità l’EmmeTi al 26’con Nuova Era che riesce di nuovo a superare la squadra Veneta chiudendo la prima frazione di gioco in vantaggio, 12 – 13.

– Si torna in campo ma sostanzialmente i rapporti di forza non cambiano tra due squadre che si affrontano sportivamente a viso aperto ed al 33’è la squadra di casa che conduce 16 – 13 ma la reazione Reggiana non si fa attendere ed al 40’si è di nuovo in parità 17 – 17 con l’EmmeTi che si riporta in vantaggio con il risultato, al 50’, di 22 – 20. Da questo momento in poi si  gioca veramente punto a punto – sotto di uno – parità – sopra di uno – per giungere al 58’40’’ con Morelli che riporta in parità la Nuova Era in una gara che sembra ormai destinata concludersi alla pari 26 – 26 con la vittoria che sarà assegnata ai tiri da7 metri. Ci penserà Norberti, tra la sorpresa di quasi tutti i presenti , ad evitare la roulette dei rigori, tiro franco: gioco – partita – incontro.

 Nuova Era torna dal Veneto con l’amaro in bocca e con la convinzione di avere lasciato 3 punti sul campo di Torri di Quartesolo e con la consapevolezza che a penalizzare la squadra Reggiana sono stati i tanti e troppi errori commessi dai Reggiani al tiro a tu per tu con il portiere e non ultimo le palle perse che hanno consentito spesso all’EmmeTi di ripartire.

Spallanzani in poche parole ha focalizzato:  “ Se con una buona azione di gruppo ci si porta a tirare a tu per tu con il portiere e non la si la mette in rete si corre il rischio di finire in questo modo, anche se perdere la gara sul tiro franco la riteniamo una penalità notevole che non ci meritavamo“

Segnaliamo la buona prova di Marco Morelli, saranno 10 le sue reti al termine e di Davide Ruozzi, 6 reti al suo attivo, non ultimo l’ottimo Baschieri in porta. Sotto tono la prova di Marco Braglia, Scorziello e Fontana dai quali ci si attendeva un qualcosa in più.

Nulla da dire sulla coppia arbitrale che ha dimostrato di essere leggermente sotto tono rispetto alle loro qualità dimostrate in tante altre occasioni.

Nuova Era: Fontana 1, Rivi, Ruozzi D 6, Corradini 1, Braglia 1, Lassouli 1, Morelli 10, Mammi 3, Pranzo, Baschieri, Lamberti, Barbieri, Scorziello 3 Martucci, Mammi 3, All.re Spallanzani.

EmmeTi : Danieli, Casarotto, Dalla Vecchia1, Folli 2, Tonini, Gapeni, Lucarini, Norberti 7, Rizzi, Spollon 9, Traversin 1, De Michiel 3, Dalla Libera, Grubacic 4, All.re Ceso

Arbitri : Sig.ri Molon e Fabbian

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *