Settore Giovanile: l’inverno azzurro di Pallamano Casalgrande

Mentre le squadre senior Casalgrande Padana e Modula hanno rispettato la pausa natalizia prevista dal calendario dei propri campionati, in casa Spallanzani Casalgrande c’è chi invece ha continuato ad allenarsi e giocare indossando la maglia azzurra della nazionale.

In ordine cronologico, il primo a partire è stato Enrico Aldini. Ormai non più una sorpresa la sua convocazione con la nazionale maschile U18, ha partecipato, tra il 26 ed il 30 Dicembre, alla Sparkassen Cup di Merzig in Germania , dove gli azzurrini guidati dai tecnici Tedesco e Popovic hanno conquistato un buon quinto posto in un torneo che vedeva impegnate alcune tra le nazionali più forti d’Europa, tra cui la Germania, l’Islanda e le Isole Far Oer.  Buone le prove del pivot casalgrandese , capace di imporre la propria tecnica difensiva contro la fisicità importante soprattutto degli atleti  islandesi e olandesi. Giusto un paio di giorni di riposo e poi via di nuovo, questa volta verso la Polonia con la nazionale U20, per uno stage di allenamento e gare amichevoli contro i pari età della nazionale polacca, tra il 2 ed il 7 gennaio.

La seconda a partire, l’8 gennaio, è stata invece Laura Bertolani, convocata come ala con la nazionale U20 femminile sotto la direzione tecnica di Lijljana Ivaci, anche lei verso la Polonia dove le azzurrine, come per gli uomini, hanno affrontato  due amichevoli contro le coetanee polacche. Tanto minutaggio per l’atleta junior reggiana,  classe 2002, che ha potuto far apprezzare, nella sua prima vera esperienza in maglia azzurra, tutta la sua velocità e la sua determinazione difensiva, in un gruppo di cui doveva far parte anche Marianna Orlandi , che ha però dovuto rinunciare per infortunio.

La prossima partenza invece è prevista  il 22 gennaio e sarà la volta della piccola di casa, Asia Mangone. Ala, mancina, classe 2005 della nostra U15 condotta da Maja Tanic, carattere ed esplosività da vendere, è stata convocata, insieme ad altre 36 atlete, per la selezione della nuova nazionale U17 femminile, anche questa sotto la supervisione di Lijljana Ivaci.

Tanta soddisfazione in casa Pallamano Casalgrande . Ma come arrivano questi ragazzi a raggiungere questi risultati? Lo abbiamo chiesto al responsabile del settore giovanile Fabrizio Fiumicelli: ” gli obiettivi societari sono molteplici ma  il progetto è prima educativo e poi sportivo. L’educazione passa anche dal concetto fondamentale che il risultato è la naturale conseguenza dell’impegno profuso. Non c’ è risultato senza impegno e sacrificio.  Nelle nuove generazioni notiamo che questo è un concetto sempre più difficile da trasferire  .Laura, Asia ed Enrico, che ben hanno assorbito e fatto loro questo concetto, sono tutti passati dal gruppo che noi denominiamo ELEMENTARI perché frequentato da bambini provenienti appunto dalle scuole elementari dove ogni anno, grazie alla collaborazione con la direttrice didattica Fiorella Magnani e le maestre, proponiamo dalle 300 alle 500 ore annue nelle scuole per far giocare questo bellissimo gioco. Un gioco si, perché prima di essere uno sport (con tutto quello che comporta la denominazione di sport) la PALLAMANO è un gioco, ed è divertente e molto immediato. Sfruttando queste caratteristiche facciamo giocare i bambini dai 7 ai 10 anni insegnando loro le basi del movimento umano. Da qui all’ U13 ,in cui la tecnica insegnata prende più spazio, poi U15, un campionato che inizia ad essere agonistico, fino alle categorie u17 e 19 dove i nostri ragazzi arrivano a significativi risultati anche in ambito nazionale ed iniziano a trovare spazi nelle nostre prime squadre.”

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *