Archivi tag: alessandro lenzotti

A2 maschile, sabato di pausa per la Modula: rimandata la trasferta di Cingoli. Il punto di Lenzotti: “Contro il Bologna United bene solo il risultato”

La Modula Casalgrande è attesa da un fine settimana privo di impegni agonistici. Sabato 5 febbraio, dalle ore 18, i pallamanisti biancorossi avrebbero dovuto recarsi in terra maceratese: l’agenda prevedeva il confronto con l’attuale capolista Santarelli Cingoli, valevole per la 16esima giornata della serie A2 maschile: tuttavia all’interno della formazione marchigiana sono state riscontrate alcune positività al Covid, e dunque l’incontro è stato rinviato a data da destinarsi. Ai ragazzi di Cingoli interessati dal contagio va ovviamente il migliore augurio di rapido ristabilimento, da parte di tutto il Gsd Pallamano Spallanzani Casalgrande.

Alessandro Lenzotti, pivot della Modula Casalgrande

Parlando di tematiche più strettamente pallamanistiche, Alessandro Lenzotti fa il punto della situazione in casa Modula: “A essere sinceri, dal punto di vista motivazionale non siamo proprio al massimo – spiega il pivot biancorosso – Sabato scorso, nella sfida interna con il Bologna United, siamo riusciti a cogliere due punti di basilare importanza per la classifica: tuttavia li abbiamo ottenuti fornendo la nostra peggior prova stagionale, e dunque non è certo il caso di mettersi a fare eccessiva baldoria. Nella partita contro i felsinei, al di là del risultato non credo che ci sia da salvare molto: ci siamo resi autori di una gara da dimenticare, giocata senza intensità e senza carattere. E’ stata una Modula disorganizzata in attacco, e al tempo stesso troppo molle in ambito difensivo”.

A sinistra, il centrale biancorosso Riccardo Prodi

Per di più, adesso il calendario non si presenta particolarmente amico della compagine casalgrandese. Aspettando la data del recupero contro Cingoli, il prossimo impegno dei biancorossi è previsto per sabato 12 febbraio: nell’occasione al Keope arriverà il Romagna, vale a dire l’altra fuoriserie del raggruppamento B. Restano inoltre da valutare le condizioni di Riccardo Prodi, che la scorsa settimana ha dovuto abbandonare la sfida anzitempo causa infortunio al labbro: sabato 5 il centrale della Modula non sarebbe stato schierabile, e il suo rientro sul palcoscenico agonistico potrebbe richiedere un po’ di tempo.

Matteo Corradini, trainer della Modula Casalgrande

“Ci aspettano prove davvero complesse, ma spaventarsi sarebbe il peggior errore possibile – rimarca Lenzotti – Al contrario, i confronti con due colossi come Cingoli e Romagna rappresentano una straordinaria occasione di crescita: le partite contro squadre così forti vanno sfruttate al meglio, soprattutto perchè i banchi di prova più severi sono proprio le sfide ideali per crescere. Se non si vuole sfigurare in contesti così impegnativi, bisogna per forza concretizzare ulteriori miglioramenti: sia sul piano del gioco, sia per quanto riguarda la fibra caratteriale che ci contraddistingue come squadra”. Ora la Modula Casalgrande staziona tre punti al di sopra della zona retrocessione: “Stiamo vivendo un campionato ricco di sorprese e capovolgimenti di fronte – osserva il pivot biancorosso – Di conseguenza, credo che per ora sia impossibile stabilire la quantità di punti necessaria in chiave salvezza. Anche per questo, a noi non servono astrusi calcoli matematici: adesso come adesso, dobbiamo soprattutto pensare ad archiviare quanto prima i tanti limiti che abbiamo fatto emergere contro il Bologna United”.

Il terzino casalgrandese Emanuele Seghizzi

Non manca poi un cenno beneaugurale verso le “colleghe” di massima divisione, che stanno per salire alla ribalta in Coppa Italia: “Mi complimento con la Casalgrande Padana, e credo proprio di interpretare il pensiero dell’intera Modula – afferma Alessandro Lenzotti – Anche se sabato le nostre ragazze hanno perso di stretta misura contro Salerno, era da tanto tempo che non vedevo una partita così bella. In vista della Coppa, alla squadra di A1 femminile va davvero il migliore in bocca al lupo”.

La Modula Casalgrande sabato scorso, durante il lavoro prepartita

LA SITUAZIONE IN A2 MASCHILE. Sabato 5 si giocheranno Ambra Poggio a Caiano-Prato, Romagna-Campus Italia e Bologna United-Starfish Follonica, mentre Chiaravalle-Lions Teramo è il posticipo di domenica 6. La 16esima giornata si completerà poi con i recuperi, in data ancora da stabilire: Tecnocem San Lazzaro di Savena-Camerano, Ogan Pescara-Verdeazzurro Sassari e ovviamente Santarelli Cingoli-Modula Casalgrande.

Classifica del girone B (tra parentesi il numero di gare disputate): Santarelli Cingoli 27 punti (14); Romagna 26 (14); Lions Teramo 20 (13); Verdeazzurro Sassari 19 (15); Chiaravalle 16 (15); Camerano 15 (14); Starfish Follonica 15 (15); Campus Italia 14 (15); Modula Casalgrande 13 (15); Tecnocem San Lazzaro di Savena e Ambra Poggio a Caiano 10 (13); Ogan Pescara 10 (14); Bologna United 2 (15); Prato 0 (15).

Nell’immagine a inizio pagina, al centro Alessandro Seghizzi in azione. Il fotoservizio presente in questa pagina è stato realizzato da Monica Mandrioli.

A2 maschile, sabato al Keope sfida cruciale tra Modula e Chiaravalle. Lenzotti: “Non voglio nemmeno immaginare un risultato differente da una nostra vittoria”

Questa volta non ci sono proprio alibi: la Modula Casalgrande deve tornare al successo, altrimenti i biancorossi finiranno in vere e proprie sabbie mobili dal punto di vista della classifica. Dopo la pausa dello scorso fine settimana, la serie A2 di pallamano maschile sta per tornare alla ribalta: sabato prossimo, 16 ottobre, la formazione allenata da Matteo Corradini ospiterà al pala Keope i marchigiani del Chiaravalle. Fischio d’inizio alle ore 20,45, arbitri Riccardo Borgi e Fabrizio Paccosi: anche se siamo soltanto nella fase iniziale del campionato, il duello riveste già un’importanza di primo piano nella lotta per la salvezza. Fin qui, entrambe le formazioni sono contraddistinte dal bilancio di 1 affermazione e 3 sconfitte: di conseguenza, i punti che questa imminente sfida metterà in palio sono davvero preziosi pure sotto l’aspetto del morale.

Come sempre, per accedere al palazzetto bisognerà essere in possesso del green pass: è inoltre necessario prenotare il proprio posto attraverso la piattaforma Eventbrite, a questo link http://www.pallamanospallanzani.it/biglietteria-on-line/ . In alternativa, sulla pagina Facebook del Gsd Pallamano Spallanzani Casalgrande sarà possibile trovare la diretta integrale della partita. Peraltro, il confronto con Chiaravalle costituirà il secondo atto di un sabato davvero speciale: l’incontro di A2 maschile sarà infatti preceduto dalla sfida di A1 Beretta femminile tra Casalgrande Padana e Ac Life Style Erice, in campo sempre al Keope ma dalle ore 18,30.

“Di certo non siamo affatto in un buon momento, e a testimoniarlo c’è anche l’amichevole disputata la scorsa settimana – sottolinea Alessandro Lenzotti, pivot della Modula Casalgrande – Come è noto abbiamo perso al pala Keope contro il Rapid Nonantola, formazione di talento e volenterosa ma pur sempre di serie B. Il nostro principale nodo da sciogliere sta nel non riuscire a organizzare al meglio la fase difensiva: in più, fin qui la circolazione di palla si è rivelata troppo spesso farraginosa e faticosa. Al tempo stesso, sono convinto che vi sia ancora spazio per un certo ragionevole ottimismo: siamo infatti una squadra nel complesso giovane e motivata, e peraltro possiamo disporre di un buon potenziale sotto l’aspetto tecnico-agonistico. Purtroppo, il fatto di avere un’età media decisamente bassa ci porta a peccare di inesperienza contro avversari più navigati: ad ogni modo, credo proprio che strada facendo le indicazioni di Matteo Corradini saranno molto utili per risolvere con efficacia questo tipo di problema”.

“Intanto, la sosta del campionato è arrivata proprio nel momento giusto – rimarca Lenzotti – Si tratta di uno stop che ci ha aiutati a fare il punto della situazione, in modo da ripartire con rinnovato slancio verso un impegno casalingo che per noi significa davvero parecchio. Per quanto riguarda le novità dell’ultima ora, purtroppo sabato saremo privi di Kristian Toro: lui è bloccato da un infortunio al ginocchio che lo terrà fuori almeno per un mese. In compenso si profila il prezioso rientro di Marco Giubbini, finalmente schierabile per la prima volta in questo campionato dopo aver risolto il problema alla mano”.

lamberti mattia

Il Chiaravalle allenato da Andrea Guidotti proviene dalla sconfitta casalinga con il Campus Italia: in precedenza gli anconetani hanno pagato dazio anche contro Camerano e Lions Teramo, ma d’altro canto sono anche riusciti a riportare un convincente successo casalingo ai danni del Prato. La Modula Casalgrande è invece in arrivo dal severo ko sul parquet della capolista Romagna: le altre battute d’arresto dei biancorossi sono avvenute al cospetto di Verdeazzurro Sassari e Santarelli Cingoli, risultati sfavorevoli che tuttavia sono stati intervallati dal successo esterno contro il Bologna United. “Siamo ben lontani dall’intenzione di sottovalutare Chiaravalle – garantisce Lenzotti – Stiamo infatti parlando di un organico davvero di tutto rispetto, che può contare su nomi di rilievo come ad esempio il fromboliere Alex Castillo: sottovalutare i marchigiani sarebbe certamente il peggior errore da fare. Al tempo stesso, ritengo che non bisognerà farsi condizionare in modo eccessivo dagli assetti e dalla conformazione della compagine ospite: la prima preoccupazione dovrà necessariamente riguardare la qualità dell’intelaiatura di gioco che noi stessi riusciremo a costruire”.

Se sabato il successo non dovesse arrivare, la Modula verrebbe a trovarsi in una situazione davvero complessa: peraltro, sabato 23 i biancorossi saranno di scena sul sempre difficile campo dell’Ambra Poggio a Caiano. “Per carità, non voglio nemmeno immaginare scenari differenti da una nostra vittoria – esclama il pivot casalgrandese – Contro Chiaravalle abbiamo un solo risultato utile a disposizione: un esito differente sarebbe un lusso che non ci potremmo proprio permettere”.

LA SITUAZIONE IN SERIE A2. Sabato 16 si giocheranno anche Verdeazzurro Sassari-Santarelli Cingoli, Campus Italia-Ambra Poggio a Caiano, Lions Teramo-Tecnocem San Lazzaro di Savena, Starfish Follonica-Romagna e Bologna United-Ogan Pescara. Il programma del 5° turno si concluderà poi domenica 17, con il posticipo Prato-Camerano.

Classifica del girone B dopo le prime 4 giornate: Romagna e Santarelli Cingoli 8 punti; Camerano 7; Ogan Pescara 6; Verdeazzurro Sassari 5; Lions Teramo, Ambra Poggio a Caiano e Campus Italia 4; Tecnocem San Lazzaro di Savena e Starfish Follonica 3; Chiaravalle e Modula Casalgrande 2; Bologna United e Prato 0.

Nelle foto, dall’alto verso il basso della pagina:

  • Al centro Alessandro Lenzotti, pivot della Modula Casalgrande, durante il confronto disputato a Chiaravalle lo scorso aprile
  • L’ala casalgrandese Leonardo Rispoli
  • Un’altra immagine di Alessandro Lenzotti
  • Il centrale biancorosso Gabriele Luciardi
  • Mattia Lamberti, capitano della Modula
  • Il terzino casalgrandese Emanuele Seghizzi
  • Adolfo Martucci, team manager della Modula.

A2 maschile, Lenzotti pronto per una nuova stagione con la maglia della Modula

E’ ormai conto alla rovescia anche per il raduno ufficiale della Modula Casalgrande: i biancorossi si ritroveranno al Pala Keope ai primi di agosto, per dare inizio al lavoro di preparazione in vista del prossimo campionato di A2 maschile. La Modula è ormai una realtà consolidata nel panorama del secondo campionato nazionale: tuttavia non vi è alcun motivo per dormire sugli allori, e i nostri beniamini lo sanno bene. All’orizzonte c’è infatti la disputa di un girone B che si preannuncia tutt’altro che semplice: peraltro, ci saranno molte avversarie nuove rispetto alla scorsa stagione.

“Ormai le mura del Keope sono come quelle di casa mia, e dunque non ho mai pensato di giocare altrove – spiega l’esperto pivot Alessandro Lenzotti, anche lui tra i tanti riconfermati nelle file casalgrandesi – Inoltre, qui posso lavorare con dei compagni di squadra che sono pure dei veri amici per me: lo spirito di gruppo che regna all’interno della Modula è ormai proverbiale, e costituisce una dote preziosa che nella prossima stagione continuerà ad aiutarci parecchio. Tutto ciò senza dimenticare il nuovo trainer Matteo Corradini, che peraltro mi ha già allenato anni fa: lui merita piena fiducia, e ho ottimi motivi per pensare che il suo consistente slancio agonistico sia rimasto immutato nel corso degli anni”.

Tu hai introdotto un tema che senza dubbio tiene banco all’interno dell’universo biancorosso: la Modula assorbirà bene il cambiamento alla guida tecnica? O almeno sulle prime ci potranno essere problemi che derivano dal lavorare in altro modo?

“Tanto per cominciare, stiamo parlando di due allenatori quanto mai validi: sia Fabrizio Fiumicelli, che ci ha guidati nella passata stagione, sia Matteo Corradini che dirigerà l’organico nel 2021/22. Dunque, non nutro particolari timori legati a questa transizione: del resto anche il nostro attuale tecnico può contare su pregevoli credenziali, e per rendersene conto basta osservare l’ottimo lavoro che lui ha svolto nella passata stagione con la Casalgrande Padana di A2 femminile“.

lamberti mattia

Uno sguardo al girone: tu faresti cambio con Rubiera? Avresti preferito disputare il tabellone A?

“Personalmente avrei preferito il gruppo A, per due motivi. Nel girone nord ci saremmo confrontati con realtà che almeno in anni recenti non abbiamo mai affrontato, e ciò avrebbe dato una ulteriore spinta alla nostra già consistente fibra motivazionale: inoltre, il raggruppamento A presenta trasferte più comode sotto il profilo della distanza chilometrica. Ad ogni modo, al di là di quella che è stata la nostra collocazione, ciò che veramente mi dispiace sta proprio nell’assenza dei derby contro il Secchia Rubiera: nelle file biancorossoblù ci sono tanti ragazzi che conosco da una vita, e dunque sarei stato felicissimo di sfidarli. Rubiera e Modula distano pochi minuti di auto l’una dall’altra: il fatto di averle inserite in gironi diversi ha davvero del clamoroso”.

Osservando la lista delle avversarie che la Modula si prepara a fronteggiare, quali saranno quelle meglio attrezzate in chiave promozione? E la presenza della squadra federale Under 17, pur non in gara per l’A1, potrà cambiare gli equilibri?

“Scorrendo la griglia di partenza che caratterizza il tabellone B, salta sùbito all’occhio la presenza della temibile neoretrocessa Cingoli: per la serie A2, la compagine marchigiana è e resta sempre un’autentica potenza. Ad ogni modo, a costo di sembrare troppo diplomatico, mai come stavolta i pronostici elaborati a luglio hanno un valore molto limitato: prima di formulare previsioni attendibili in merito agli equilibri stagionali, sarà necessario attendere almeno qualche partita. Parlando invece della squadra federale, il Campus Italia giocherà le gare interne a Chieti: si tratta quindi di una realtà che ci costringerà a una lunga trasferta in più, con tutti i relativi problemi che ciò comporta dal punto di vista logistico e delle energie a disposizione. Dunque, gli azzurri non mancheranno di metterci a dura prova”.

Quali saranno gli obiettivi a cui Casalgrande potrà puntare? Intravedi buone possibilità per eguagliare o addirittura migliorare il 6° posto della scorsa stagione?

“Pure in questo caso, al momento non è possibile rispondere in modo definito. Intanto bisognerà capire se arriveranno effettivamente uno o due rinforzi, e se sì di che tipo: quando l’organico sarà completato in modo definitivo con questi eventuali innesti, da lì in avanti potremo iniziare a capire a fondo le nostre reali prospettive. Inoltre, il campionato che ci attende sarà ancora più lungo e ostico rispetto al recente passato: dunque, ora come ora siamo pressochè obbligati alla massima cautela nel delineare i traguardi da raggiungere”.

Nell’attesa di conoscere le mosse in chiave mercato di cui tu parlavi, qual è la strada per arginare l’assenza di un pivot di spessore come Enrico Aldini?

“Mi associo pienamente all’ “in bocca al lupo” generale che tutta la Pallamano Spallanzani Casalgrande ha rivolto a Enrico Aldini: lui ha davvero ciò che serve per distinguersi pure in A1, nelle file di quel Trieste che adesso è la sua nuova squadra. Quanto a noi, adesso non dobbiamo subire condizionamenti: la ricetta giusta sta soltanto nel pensare a lavorare e a giocare come meglio sappiamo, indipendentemente dalla defezione di Aldini. Poi, parlando in tutta onestà, il nostro reparto pivot lascia trasparire parecchi motivi di ottimismo fin da adesso. Io sono in forma e credo proprio che giocherò meglio rispetto allo scorso anno: il mio collega di ruolo Andrea Strozzi è poi un giocatore di ottima caratura, sia sotto l’aspetto tecnico-agonistico sia per l’impegno e la concentrazione che lui ripone in maniera costante. Il tutto senza ovviamente dimenticare il prezioso contributo di Daniel Dimitric ed Eugenio Oliva”.

NAZIONALE UNDER 19. E proprio a proposito di Enrico Aldini, il pivot di scuola casalgrandese sta proseguendo anche la sua traiettoria con la Nazionale Under 19 guidata da Riccardo Trillini. Oggi (giovedì 22) e domani gli azzurri saranno a Ocrida, nella Macedonia del Nord, per disputare due amichevoli con i pari età della selezione di casa: il 27 e 28 luglio l’Italia giocherà invece contro l’U19 greca, sul campo ellenico di Amyntaio. Le quattro amichevoli rientrano nel programma di preparazione agli Europei di categoria, in programma a Varazdin in Croazia dal 12 al 22 agosto.

Nelle foto, dall’alto verso il basso della pagina:

  • Il pivot biancorosso Alessandro Lenzotti in azione (di spalle, l’ala/terzino Dennis Toro)
  • Un’altra immagine di Alessandro Lenzotti
  • Matteo Corradini, nuovo allenatore della Modula Casalgrande
  • Il capitano casalgrandese Mattia Lamberti
  • Kevin Ricciardo, portiere della Modula
  • Da sinistra (in maglie gialle), il terzino casalgrandese Younes Id-Ammou e il pivot Andrea Strozzi. Al centro il pivot rubierese Davide Bartoli, che non sarà tra i futuri avversari della Modula
  • Adolfo Martucci, team manager della Modula Casalgrande
  • Enrico Aldini, pivot ex Casalgrande ora in forza al Trieste di A1.

A2 maschile, la Modula Casalgrande chiude il campionato in Sardegna: domani a Nuoro i biancorossi cercheranno di conquistare il 6° posto finale. Lenzotti: “Non si tratta affatto di una sfida scontata. Noi saremo in pochi: inoltre, i padroni di casa lotteranno con le unghie e con i denti per evitare la retrocessione. Dovremo esprimere un atteggiamento totalmente diverso rispetto a sabato scorso”

Domani, sabato 15 maggio, il percorso di campionato della Modula Casalgrande giungerà al termine. A partire dalle ore 18 i nostri beniamini saranno di scena al Pala Polivalente di Nuoro, in occasione della 26esima e ultima giornata di serie A2: il duello con gli isolani verrà arbitrato da Massimo Calascibetta e Angelo Vizzini.

Come è noto, i biancorossi sono da tempo tranquilli in termini di classifica: ampiamente salvi, e fuori dai giochi play off. Tuttavia gli ospiti hanno ancora un obiettivo da raggiungere, simbolico ma comunque prestigioso: alla Modula basterà solo un punto per acquisire la certezza del 6° posto finale, che permetterebbe ai casalgrandesi di terminare la stagione nella parte sinistra della classifica. Per respingere ogni assalto da parte del Verdeazzurro Sassari, che domani ospiterà Parma, la Modula ha bisogno quantomeno di un risultato utile: se infatti si verificasse un arrivo a pari punti tra Casalgrande e Verdeazzurro, la sesta piazza verrebbe assegnata proprio ai sassaresi in virtù del vantaggio negli scontri diretti. Per quanto riguarda invece l’Hac Nuoro, i padroni di casa hanno ancora qualche speranza in chiave salvezza: la formazione guidata da Dragan Cerekovic inseguirà quindi con la massima tenacia le ultimissime possibilità di ottenere la permanenza nella categoria, perchè una sconfitta li farebbe retrocedere in modo definitivo. All’andata, 27-23 per la Modula.

A Nuoro non ci sarà il tecnico biancorosso Fabrizio Fiumicelli, impegnato al Pala Keope per guidare la Casalgrande Padana Under 19 che disputerà le finali regionali di categoria: quindi in Sardegna la Modula sarà eccezionalmente diretta da Daniele Scorziello, che torna così sulla panchina della squadra di A2 dopo oltre un anno.

“Intanto il migliore “in bocca al lupo” ai nostri compagni di squadra Under 19 – esordisce Alessandro Lenzotti, pivot della Modula Casalgrande – Per quanto riguarda la serie A2, la concomitanza con le finali regionali giovanilli ci costringerà a presentare uno schieramento molto rimaneggiato: di conseguenza, la classica stanchezza di fine campionato si farà sentire ancora di più. Infatti a Nuoro andremo soltanto noi giocatori più esperti, e dunque anche per questo si profila una sfida niente affatto scontata in termini di punteggio. Innanzitutto le trasferte così lunghe presentano sempre qualche insidia supplementare, indipendentemente dal tipo di avversaria che si ha di fronte: inoltre l’Hac Nuoro lotterà con ogni mezzo possibile per non retrocedere, e quindi disporrà di carica motivazionale che probabilmente sarà superiore rispetto alla nostra”.

Nelle file della Modula, si profilano problemi dal punto di vista dell’infermeria?

“Tra i pochi di noi che si recheranno in Sardegna c’è un punto interrogativo su Eugenio Oliva, che accusa qualche acciacco al ginocchio: per il resto, almeno al momento non si segnalano ulteriori intoppi”.

Casalgrande proviene dalla sconfitta interna contro Follonica: che cosa ha insegnato la partita di sabato scorso? Quali saranno gli errori da non ripetere?

“La brutta prestazione di 6 giorni fa nasce in primo luogo da un atteggiamento sbagliato: troppa poca convinzione nell’inseguire la vittoria. A Nuoro dovremo cambiare registro in maniera totale: ci serviranno 60 minuti all’insegna di concentrazione e grinta, altrimenti gli avversari avranno gioco facile nel colpire a rete con regolarità. Le distrazioni commesse sabato scorso andranno del tutto abbandonate, altrimenti la sfida di domani diventerà ancora più complessa per noi”.

Oltre a questo, quali altre doti serviranno per provare a piazzare il blitz?

“La scarsità numerica del nostro schieramento dovrà portarci a esprimere un gioco meno basato sulla fisicità: bisognerà puntare su una trama di gioco che sia il più possibile riflettuta e manovrata”.

Con una vittoria o anche solo con un pareggio, la Modula brinderebbe al 6° posto finale: pur non essendo un traguardo cruciale in chiave play off o salvezza, si tratta comunque un obiettivo motivante?

“In tutta sincerità, credo che la posta in palio sia molto più rilevante per l’Hac Nuoro: gli isolani sono in ballo per evitare la discesa in B, e lottare per la salvezza è davvero tutt’altra cosa. Al tempo stesso, ciò non può affatto rappresentare una scusante per noi: abbiamo comunque il preciso compito di chiudere l’annata al meglio delle nostre possibilità, anche e soprattutto per onorare come si deve il grande lavoro svolto in questa stagione così particolare”.

lamberti mattia

A livello personale, come è stata la tua traiettoria in campionato? Soddisfatto per ciò che sei riuscito a fare?

“Si può sempre fare meglio, in ogni ambito: tuttavia penso di aver dato il mio contributo alla squadra, e quindi ho motivi per tracciare un buon bilancio pure a livello individuale. E’ stato un campionato molto impegnativo, ma i risultati della squadra e miei personali hanno ripagato gli sforzi messi in campo”.

LA SITUAZIONE IN A2 MASCHILE. Domani si giocheranno anche Verdeazzurro Sassari-Parma, Starfish Follonica-Carpi e Bologna United-Ambra Poggio a Caiano. La 26esima giornata si chiuderà domenica con il derby marchigiano Chiaravalle-Camerano: turno di riposo invece per Vikings Rubiera e Lions Teramo .

Classifica del girone B (tra parentesi il numero di gare disputate): Vikings Rubiera 42 punti (22); Carpi 38 (21); Camerano 31 (21); Lions Teramo 27 (22); Starfish Follonica 26 (21); Modula Casalgrande 20 (21); Verdeazzurro Sassari 18 (21); Chiaravalle 15 (21); Ambra Poggio a Caiano 14 (21); Parma 10 (21); Bologna United 7 (20); Hac Nuoro 4 (20).

Nelle foto, dall’alto verso il basso della pagina:

  • Il pivot e vicecapitano biancorosso Alessandro Lenzotti (secondo da sinistra) in azione
  • Un’altra immagine di Alessandro Lenzotti
  • Il pivot casalgrandese Eugenio Oliva
  • Kevin Ricciardo, portiere della Modula
  • Il terzino biancorosso Emanuele Seghizzi
  • Mattia Lamberti, terzino e capitano della Modula
  • Adolfo Martucci, team manager della Modula Casalgrande.

A2 maschile, domenica la Modula ospita il Verdeazzurro Sassari nella prima gara casalinga ufficiale della stagione. Lenzotti: “A Carpi una prova di grande spessore sul piano dell’atteggiamento, ma l’amalgama deve migliorare così come la precisione in fase di tiro. I nostri prossimi avversari sanno sviluppare parecchia velocità dal 1° minuto fino al 60°, e dunque bisognerà essere più bravi di loro anche sul piano della corsa”

Appuntamento domenicale al Pala Keope, con la serie A2 di pallamano maschile: la Modula Casalgrande si appresta a disputare la prima partita casalinga ufficiale della nuova stagione. Dopo l’onorevole sconfitta rimediata sabato scorso a Carpi, stavolta i nostri beniamini cercheranno immediato riscatto dal punto di vista del risultato: tuttavia il compito non sarà affatto semplice, perchè i biancorossi guidati da Fabrizio Fiumicelli ospiteranno un Verdeazzurro Sassari che ha iniziato al meglio il proprio cammino agonistico. In occasione del turno inaugurale, la formazione allenata da Patrizia Cossu e Patrizia Canu ha infatti riportato una larga affermazione interna nel derby col Nuoro: 32-18 il punteggio.


Il confronto di dopodomani, domenica 27 settembre, avrà inizio alle ore 16: Alessandro Colombo e Cristiano Rizzo gli arbitri designati. Come annunciato nei giorni scorsi, la gara si disputerà con la presenza del pubblico: a causa delle ben note restrizioni legate alla pandemia da Covid-19, l’accesso al palazzetto sarà riservato soltanto ai possessori della Keope Pass Card targata Modula. Di conseguenza, i 200 posti disponibili sono già esauriti: infatti, le tessere sono state interamente bruciate nel giro di una sola giornata.


“Sono particolarmente legato all’ambiente di Casalgrande – sottolinea il pivot biancorosso Alessandro Lenzotti Inoltre, la nostra squadra è anche uno straordinario gruppo di amici: di conseguenza, quest’estate ho scelto di proseguire l’esperienza in biancorosso con assoluta convinzione e consistente entusiasmo”. Lenzotti si sofferma poi sulla sfida di sabato scorso: “Proveniamo da una prova di notevole spessore sul piano dell’atteggiamento – osserva il giocatore – Per capire le dinamiche del duello di 6 giorni fa, bisogna innanzitutto evidenziare il divario in termini di esperienza: l’organico di Carpi ha un’età media ben superiore rispetto alla nostra, e dunque ci siamo confrontati con avversari decisamente più navigati. Tuttavia noi non abbiamo mai mollato la presa, mettendo in mostra un apprezzabile tasso di combattività e autostima: abbiamo sempre creduto in un possibile risultato utile, anche nelle battute finali dell’incontro. Al tempo stesso, ovviamente ci sono stati dei problemi – rimarca il pivot – Nella fattispecie, dobbiamo ancora individuare il migliore amalgama di squadra: inoltre è necessario perfezionarsi dal punto di vista realizzativo, perchè a Carpi abbiamo collezionato una quantità davvero eccessiva di errori in fase di tiro”.


Adesso la volontà di riscatto della Modula è davvero notevole, e le parole di Lenzotti rispecchiano al meglio lo stato d’animo biancorosso: “Non abbiamo alcun problema di infermeria, e dunque domenica ci presenteremo nuovamente al completo. Siamo più che mai concentrati sull’obiettivo di centrare l’intera posta in palio: anche se il campionato è solamente alle sue prime battute, il fatto di ottenere questi due punti rappresenta un passaggio di basilare importanza nel cammino che stiamo portando avanti. Parlando nel dettaglio dei prossimi avversari, il Verdeazzurro sa sviluppare un gioco molto veloce in qualsiasi fase dell’incontro: i sassaresi corrono parecchio dal 1° minuto fino al 60°, e quindi si tratta di una formazione capace di sfiancare chi l’affronta. Per avere la meglio, noi dovremo essere più bravi di loro sul piano della lucidità, della rapidità e del fiato: un compito tutt’altro che semplice, ma noi siamo pronti a mettere in campo ogni risorsa possibile contando pure sul prezioso sostegno del pubblico che ci segue. A tale proposito, non avrei mai pensato che le tessere di ingresso al palazzetto andassero esaurite in un solo giorno – evidenzia Lenzotti – Si tratta di una grande gioia, sia per me sia ovviamente per tutto il resto della squadra. Questa grande attenzione nei confronti della Modula dà ulteriore senso alle fatiche che ciascuno di noi ripone ogni settimana: sia durante la partita, sia nel corso degli allenamenti giornalieri”.


LA SITUAZIONE. L’agenda della seconda giornata di A2 prevede per domani le partite Fiorentina-Chiaravalle, Vikings Rubiera-Bologna United, Nuoro-Lions Teramo, Ambra Poggio a Caiano-Carpi e Parma-Tavarnelle: domenica 27, oltre a Modula-Verdeazzurro si giocherà anche Camerano-Starfish Follonica.

Classifica del girone B: Verdeazzurro Sassari, Tavarnelle, Vikings Rubiera, Camerano, Lions Teramo, Starfish Follonica e Carpi 2 punti; Modula Casalgrande, Ambra Poggio a Caiano, Parma, Bologna United, Chiaravalle, Fiorentina e Nuoro 0.

Nelle foto, dall’alto verso il basso della pagina:

  • Da sinistra (in maglia gialla) Younes Id-Ammou, Enrico Aldini e Alessandro Lenzotti della Modula Casalgrande
  • Il team manager biancorosso Adolfo Martucci
  • Un’altra immagine del pivot Alessandro Lenzotti
  • Il terzino casalgrandese Riccardo Prodi
  • La Modula mentre ascolta le indicazioni dell’allenatore Fabrizio Fiumicelli.