Archivi tag: marco giubbini

A2 maschile, la Modula Casalgrande ospita l’Ambra: un attesissimo scontro diretto in chiave salvezza. Marco Giubbini: “La tensione potrà farsi sentire, ma abbiamo i mezzi per gestirla con efficacia”

Il pareggio sul campo di Chiaravalle, ottenuto domenica scorsa 27 febbraio, ha permesso alla Modula Casalgrande di ottenere nuovo e prezioso slancio in chiave salvezza: tuttavia non è affatto il momento di riposarsi sugli allori, poichè all’orizzonte c’è un mese di marzo che potrebbe essere decisivo per delineare i reali orizzonti biancorossi nell’attuale campionato.

Ad attendere i pallamanisti guidati da Matteo Corradini c’è quindi un’agenda ricca e cruciale, che richiederà una consistente quantità di energie a ogni livello: il primo appuntamento di questa serie è previsto per sabato 5 marzo. A partire dalle ore 18.30, la Modula sarà di scena al pala Keope per il confronto interno con l’Ambra Poggio a Caiano: la sfida, valevole per la 19esima giornata della serie A2 maschile, sarà diretta dagli arbitri Huu Chinh Nguyen e Vincenzo Domenico Stilo. Anche stavolta per accedere al palazzetto sarà necessario disporre del Super green pass, nel rispetto delle vigenti normative: inoltre il posto in tribuna va prenotato sulla piattaforma Eventbrite. Non mancherà la consueta diretta integrale: il confronto verrà trasmesso sulla pagina Facebook del Gsd Pallamano Spallanzani Casalgrande.

Il terzino/centrale biancorosso Marco Giubbini in azione

Marco Giubbini provvede a mettere sùbito le cose in chiaro: “Il nostro organico sta bene, sia moralmente sia per quanto riguarda la condizione fisica. Purtroppo dovremo fare i conti con due assenze di notevole rilievo – rimarca il terzino/centrale biancorosso – Mancherà di nuovo Riccardo Prodi, ancora alle prese con l’inconveniente al labbro che risale alla gara del 29 gennaio contro Bologna. Inoltre saremo privi di Kristian Toro, che si è infortunato domenica scorsa a Chiaravalle: sulle prime il suo problema sembrava di poco conto, e invece si tratta di una borsite al gomito sinistro che gli impedirà di scendere in campo contro Ambra. Entrambe le defezioni saranno parecchio difficili da fronteggiare, inutile stare qui a negarlo: in compenso tutto il resto della squadra può contare su una condizione fisica che reputo brillante, e ciò rappresenta un incoraggiante punto di partenza in vista del delicato duello che ci attende”.

Il terzino e capitano biancorosso Mattia Lamberti

“Per quanto riguarda invece gli aspetti più strettamente psicologici, siamo in arrivo da un pareggio che tutti noi riteniamo corroborante – sottolinea Giubbini – Nel valutare il 31-31 scaturito la scorsa settimana, bisogna necessariamente tenere conto dell’oggettiva forza che caratterizza gli avversari. Chiaravalle è squadra frizzante e di talento, ricca di pregevoli individualità: tutto questo senza dimenticare la solida intelaiatura a livello di manovre di gioco, una struttura ben costruita dal trainer Andrea Guidotti. Senz’ombra di dubbio, la formazione anconetana merita la sua attuale situazione di alta classifica: ottenere un risultato utile sul suo campo non è certo cosa da tutti, e il fatto di essere riusciti a strappare un punto ci porta a proseguire con rinnovata convinzione il cammino verso la salvezza”.

Il portiere casalgrandese Mattia Cocchi

Adesso, l’imminente sfida con l’Ambra Poggio a Caiano si preannuncia ancora più cruciale: al Keope andrà infatti in scena un vero e proprio scontro diretto, tra due realtà in piena lotta per evitare quel terzultimo posto che a fine annata significa serie B. “In questo tipo di incontri, la tensione può sempre giocare qualche brutto scherzo e ne siamo ben consapevoli – evidenzia Marco Giubbini – D’altro canto, credo pure che questa Modula abbia le caratteristiche necessarie per arginare con efficacia gli eventuali problemi legati al nervosismo. Basti pensare al duello contro Chiaravalle, ma non solo: mi riferisco anche alla partita casalinga del 12 febbraio contro Romagna, dove abbiamo riportato una sconfitta che non esito a definire onorevole. In entrambe le circostanze ci siamo resi autori di buone prove, anche sul piano della mentalità e della gestione degli umori: riproponendo lo stesso atteggiamento, credo proprio che le nostre possibilità di vittoria contro l’Ambra cresceranno man mano nel corso della partita”.

Andrea Strozzi, pivot della Modula Casalgrande

Il confronto di andata con Poggio a Caiano risale allo scorso 23 ottobre, quando i biancorossi hanno espugnato il parquet pratese con il punteggio di 32-39. La palma di miglior realizzatore dell’incontro è andata proprio a Marco Giubbini, insieme al terzino della formazione toscana Albert Deda: per l’esattezza, entrambi si sono resi autori di 10 gol personali a testa. Adesso, la squadra allenata da Luca Maraldi ha un rendimento esattamente identico a quello della Modula: con 14 punti conquistati nell’arco di 17 incontri, ambo le compagini stazionano 2 punti al di sopra della zona retrocessione. L’Ambra proviene dalla sconfitta casalinga del 23 febbraio, maturata in un altro scontro delicatissimo nella lotta salvezza: si tratta del ko per 30-39 contro la Tecnocem San Lazzaro di Savena.

Gianluca Ravaglia, terzino/centrale della Modula

“Il precedente stagionale contro Poggio a Caiano ci è decisamente favorevole, perchè in quella circostanza abbiamo fornito una tra le nostre migliori prove stagionali – ricorda il terzino/centrale biancorosso – D’altro canto, quel successo non può affatto autorizzare a elaborare pronostici troppo superficiali: questo confronto di ritorno al pala Keope sarà tutta un’altra storia, e la sete di punti che caratterizza gli avversari sarà uno tra gli ostacoli più complessi da affrontare. Di fronte a noi ci sarà una formazione che mi aspetto molto concentrata e parecchio combattiva: a livello di individualità occhio in particolare al terzino Carlo Liccese, che rientra senza dubbio tra i principali trascinatori dell’organico biancoverde. Tuttavia, la nostra volontà di arrivare al successo non sarà affatto da meno rispetto a quella dell’Ambra – garantisce Giubbini – In palio ci saranno due punti d’oro, e a mio parere la strada maestra per ottenerli sta nel manifestare una convincente continuità di rendimento. Nel corso di questo campionato, troppe volte ci è capitato di regalare un intero tempo agli avversari: spesso abbiamo ben figurato nella prima frazione per poi perderci nella ripresa, oppure viceversa. Si tratta di un difetto che stiamo comunque superando: la sfida contro Ambra rappresenta quindi un’opportunità da cogliere al volo, per consolidare i segnali di miglioramento emersi in queste ultime settimane”.

Il team manager biancorosso Adolfo Martucci

LA SITUAZIONE IN SERIE A2 MASCHILE. Il programma della 19esima giornata si svolgerà interamente sabato 5 marzo: le altre sfide in programma sono Prato-Ogan Pescara, Verdeazzurro Sassari-Romagna, Campus Italia-Tecnocem San Lazzaro di Savena, Lions Teramo-Camerano, Starfish Follonica-Chiaravalle e Bologna United-Santarelli Cingoli.

Classifica del girone B (tra parentesi il numero di gare disputate): Romagna 32 punti (17); Santarelli Cingoli 29 (15); Verdeazzurro Sassari 23 (17); Lions Teramo 21 (17); Chiaravalle 19 (17); Tecnocem San Lazzaro di Savena 18 (17); Camerano 17 (17); Starfish Follonica 16 (17); Campus Italia 14 (16); Ambra Poggio a Caiano e Modula Casalgrande 14 (17); Ogan Pescara 12 (16); Bologna United 3 (18); Prato 0 (18).

Nella foto in alto, un’altra immagine di Marco Giubbini (con il numero 13). Il fotoservizio presente in questa pagina è stato realizzato da Monica Mandrioli.

A2 maschile, la Modula attende la visita della blasonata Pallamano Prato. Marco Giubbini: “Il nostro atteggiamento è quello giusto senza piagnistei, però adesso non dobbiamo sentirci invincibili”

La Modula Casalgrande proviene da 3 risultati utili di fila: dopo il blitz piazzato a Poggio a Caiano e il successo casalingo contro San Lazzaro di Savena, domenica scorsa i pallamanisti biancorossi hanno allungato la striscia felice con un eroico pareggio a Camerano. L’aggettivo per definire il risultato in terra marchigiana non è affatto fuori luogo: pur trovandosi a dover arginare ben 7 assenze, la formazione allenata da Matteo Corradini ha sfiorato l’impresa sul campo di una tra le massime potenze del girone B.

Ora, all’orizzonte c’è una rilevante opportunità per ottenere quella che sarebbe la terza vittoria nelle ultime 4 gare: sabato prossimo, 20 novembre, la Modula sarà al pala Keope per disputare la sfida casalinga contro un Prato ancora a secco di punti. Il confronto sarà valido per la nona giornata della serie A2 maschile: fischio d’inizio alle ore 18.30, arbitri Francesco Ricciardi e Bilel Rhim. Anche stavolta, per accedere alla tribuna sarà necessario disporre del green pass: inoltre, il posto va prenotato attraverso la piattaforma Eventbrite a questo link https://www.eventbrite.it/o/gsd-pallamano-spallanzani-handball-team-31387719731 .

Il duello sarà anche trasmesso in diretta integrale, sulla pagina Facebook del Gsd Pallamano Spallanzani Casalgrande.

“Di certo stiamo vivendo un buon periodo, che deriva dal nostro atteggiamento sempre combattivo e propositivo – sottolinea il centrale/terzino biancorosso Marco Giubbini – Quando si hanno così tante defezioni, sarebbe molto facile cedere allo sconforto piangendosi addosso: invece noi siamo ben lontani da questo tipo di mentalità, e chi ci conosce lo sa bene. Nella nostra visione, le pur pesanti assenze non possono affatto costituire una pezza giustificativa. Di certo sarebbe molto meglio poter contare sulla squadra al completo, per gestire meglio le energie a disposizione e per avere una maggiore quantità di soluzioni di gioco: d’altro canto è possibile fare bene anche quando ci si trova ad avere un assetto rimaneggiato, e le ultime gare lo dimostrano in pieno”.

Anche Giubbini ha fatto parte della gloriosa spedizione in quel di Camerano: con lui è davvero impossibile non tornare sull’ottimo punto ottenuto nelle Marche. “Di certo il pronostico ci sfavoriva – sottolinea l’esperto classe ’99 – Eravamo ai minimi termini, sul campo di una realtà che non è affatto terza in classifica per puro caso: tuttavia abbiamo saputo interpretare la gara nel migliore dei modi, esprimendo tenacia mista a intelligenza. In più nelle ultime 3 gare siamo riusciti a diminuire drasticamente la quantità di palle perse: un aspetto di non poco conto, che sta contribuendo in modo determinante nel fare la differenza a nostro favore. Considerando tutti i 180 minuti disputati contro Poggio a Caiano, San Lazzaro e Camerano, abbiamo gettato via soltanto una dozzina di palloni: in precedenza accumulavamo almeno 12 palle perse nell’arco di una singola partita, e dunque i nostri tangibili miglioramenti sono ben testimoniati anche dai numeri”.

Negli ultimi due minuti e mezzo, la Modula si è anche trovata ad avere tre lunghezze di vantaggio: quindi, Casalgrande avrebbe persino potuto ottenere l’intera posta in palio. “Una punta di amarezza in tal senso ci può essere, ma è nettamente inferiore rispetto alla gratificazione che scaturisce dal 36-36 finale – sottolinea Marco Giubbini – Fino a domenica pomeriggio, il pari rappresenta un risultato che avremmo firmato senza esitare: di conseguenza, non è certo il caso di dare spazio a un inutile rammarico. In effetti la vittoria era davvero diventata a portata di mano, ma al tempo stesso bisogna tenere conto di due rilevanti fattori: il valore degli avversari, e soprattutto l’inevitabile stanchezza che si è fatta sentire all’interno dei nostri ranghi. Noi ci siamo presentati con soli 12 effettivi: dopo una sfida che ha richiesto così tanto in termini di energie fisiche e mentali, una flessione nelle fasi conclusive era quasi naturale. In compenso, è un altro il ragionamento che bisogna fare – evidenzia il giocatore – Se avessimo perso sul filo di lana, sarebbe stata una vera e propria beffa: quindi per noi questo pareggio è davvero il benvenuto, e ci dà ulteriore slancio motivazionale in vista dei prossimi impegni”.

E dunque, l’agenda dei prossimi impegni scatterà con la sfida interna contro la blasonata Pallamano Prato. Nel palmarès del club toscano figurano 2 scudetti e altrettante Coppe Italia, titoli vinti negli anni d’oro tra il 1997 e il 2001: il tutto senza dimenticare le numerose partecipazioni alle competizioni europee. Tra i personaggi-simbolo del club laniero c’è senz’altro Zaim Kobilica, un campionissimo molto conosciuto anche in terra reggiana che purtroppo ci ha lasciati troppo presto. Detto ciò, in campo ci va il presente e non il passato: l’attualità dice che la compagine guidata da Luca Moro staziona a quota 0 in classifica, e al momento solo la penalizzazione inflitta al Bologna United la sta preservando dall’ultimo posto. Sabato scorso, i toscani sono incappati in un netto stop casalingo contro il Campus Italia: 14-30, nonostante i 5 gol che El Mahdi Halim ha messo a segno per i padroni di casa.

Ancora una volta, la Modula non si presenterà al completo: salvo sorprese dell’ultima ora, saranno ancora fuori gli acciaccati Andrea Strozzi e Paolo Canelli. Sempre a livello di infermeria, in forte dubbio Younes Id-Ammou e Leo Rispoli: in compenso Kristian Toro potrebbe finalmente giocare, così come Riccardo Prodi. Il quadro si completa con il sicuro rientro di Alessandro Lanzi, che a Camerano non c’era causa impegni di lavoro. “Tanto per cominciare, dagli auspicati rientri di Toro e Prodi non dobbiamo aspettarci miracoli – spiega Marco Giubbini – Si tratta di due giocatori che rivestono un’importanza basilare nel nostro assetto di squadra: tuttavia entrambi stanno smaltendo pesanti infortuni, e quindi non si può pretendere che Kristian e Riccardo siano sùbito al 100%. Ciò rappresenta un buon motivo in più per non abbassare la guardia: i pronostici e gli attuali numeri della graduatoria sembrano favorirci, ma nessun successo è garantito prima di giocare. Di fronte avremo un’avversaria disponibile a giocare ogni carta possibile, per provare a cogliere un blitz che sarebbe oro colato in termini di morale e classifica – afferma deciso il centrale/terzino – Inoltre noi proveniamo da una striscia di buoni risultati meritata, che tuttavia presenta ugualmente una certa quantità di insidie. In una situazione come la nostra, il rischio di peccare di supponenza è sempre dietro l’angolo: un pericolo che non possiamo affatto permetterci di correre”.

A seguire, non manca una valutazione per quanto riguarda le prospettive della Modula a più lungo raggio: “In tutta franchezza, non mi piace fare il conteggio dei punti che ci dividono dal raggiungimento della salvezza matematica – sottolinea Marco Giubbini – Questo perchè ritengo che il nostro organico non possa certo accontentarsi di una salvezza stiracchiata: nonostante i problemi di infermeria che stiamo ancora affrontando, qui a Casalgrande ci sono i mezzi per attestarsi quantomeno sugli stessi livelli di che ci hanno contraddistinti nella scorsa stagione. Ovviamente non è certo il caso di mettersi a spiattellare proclami in ottica play off, ci mancherebbe altro: tuttavia nel 2020/21 abbiamo chiuso il girone B al 6° posto, e di certo abbiamo ciò che serve per confermare o addirittura migliorare quel piazzamento. A livello personale, l’infortunio al dito delle scorse settimane è ormai superato – rassicura il giocatore – Nelle ultime 3 partite ho dovuto svolgere un rilevante sovrappiù di lavoro per far fronte all’assenza di Prodi: un impegno notevole, ma credo tuttavia di averlo affrontato nel modo giusto. Senza dubbio si può sempre migliorare, in ogni occasione e in ogni ambito: tuttavia, nel complesso sono davvero felice per il rendimento che sto fornendo”.

LA SITUAZIONE IN SERIE A2 MASCHILE. L’intero programma del 9° turno si giocherà sabato 20: le altre partite in programma sono Verdeazzurro Sassari-Tecnocem San Lazzaro di Savena, Santarelli Cingoli-Chiaravalle, Campus Italia-Lions Teramo, Romagna-Ogan Pescara, Starfish Follonica-Camerano e Bologna United-Ambra Poggio a Caiano.

Classifica del girone B: Santarelli Cingoli 16 punti; Romagna 14; Lions Teramo e Camerano 12; Chiaravalle e Ogan Pescara 10; Verdeazzurro Sassari e Modula Casalgrande 7; Campus Italia e Ambra Poggio a Caiano 6; Tecnocem San Lazzaro di Savena e Starfish Follonica 5; Prato 0; Bologna United -3.

Nelle foto, dall’alto verso il basso della pagina:

  • In maglia rossa, la Modula Casalgrande 2021/22 in azione
  • Il centrale/terzino casalgrandese Marco Giubbini
  • Un’altra immagine di Marco Giubbini
  • Al centro, il pivot biancorosso Alessandro Lenzotti
  • Il terzino biancorosso Emanuele Seghizzi
  • L’ala casalgrandese Kristian Toro
  • Il centrale biancorosso Riccardo Prodi
  • Alessandro Lanzi, portiere in forza alla Modula Casalgrande.

A1 femminile e A2 maschile, giro d’orizzonte sulle squadre biancorosse. Le prime parole di Caterina Maria Mutti da giocatrice della Casalgrande Padana. Modula in campo domenica, per il quadrangolare precampionato di Malo

Settembre è arrivato, e dunque i campionati di serie A1 e A2 stanno per cominciare: le squadre della Pallamano Spallanzani Casalgrande sono impegnatissime sia nel lavoro di preparazione fisica, sia per quanto riguarda la messa a punto delle strategie di gioco. L’obiettivo sta ovviamente nel presentarsi con il miglior assetto possibile ai primi impegni ufficiali, previsti a partire da sabato 11 settembre.

SERIE A1 FEMMINILE. Il nostro giro d’orizzonte biancorosso parte dalla Casalgrande Padana: tra amichevoli e novità all’interno dell’organico, gli spunti di discussione non mancano affatto. Ieri sera è stato ufficializzato l’approdo nelle file ceramiche di Caterina Maria Mutti, portiere piemontese classe 2003: “Ho salutato il Marconi Jumpers con piena amicizia e gratitudine – spiega la talentosa guardiana originaria di Castelnuovo Scrivia, nelle sue prime parole da giocatrice casalgrandese – Come è noto lo scorso anno ho disputato l’A2 proprio a Castelnovo Sotto, e dunque la Padana è stata mia avversaria in due occasioni. Nella Bassa ho portato avanti un’esperienza gratificante, a livello sia pallamanistico sia umano: il lavoro che ho svolto con il Jumpers sarà senz’altro molto utile in futuro, a partire da questa nuova esperienza che mi accingo a vivere con la maglia della Padana. Per me si tratta della prima volta in massima serie, e quindi nel mio stato d’animo risiede un po’ di comprensibile timore: d’altro canto, l’entusiasmo e la fiducia sono largamente prevalenti. Intanto, posso fare affidamento fin da adesso su una condizione fisica che reputo soddisfacente – prosegue Caterina – Del resto ho badato a tenermi sempre in forma anche in questi mesi estivi: tra l’altro, ho preso parte anche ai recenti stage per portieri che si sono svolti a Camerano nelle Marche e a Zocca sull’Appennino modenese. Nel contempo continuerò a portare avanti anche il mio percorso scolastico a Reggio: a breve inizierò l’ultimo anno del Liceo Scienze Umane “Matilde di Canossa”.

La rampante giovane piemontese si sofferma poi su alcune delle sue nuove compagne di squadra: “Qui potrò lavorare con due colleghe di ruolo davvero fenomenali. Nadia Ayelen Bordon non ha certo bisogno delle mie parole di presentazione: nella scorsa annata lei giocava sempre in A1 a Pontinia, e ho avuto modo di visionare molti filmati relativi alla sua permanenza in terra laziale. Da una guardiana di assoluto talento ed esperienza come lei c’è solo da imparare. Vanno sottolineate il più possibile anche le preziosi doti di Valentina Bonacini, che ho affrontato come avversaria nella serie A2 2020/2021. All’infuori del nostro ruolo conosco bene la carriera di Ilenia Furlanetto, capitana e autentico simbolo di questa eccellente squadra”.

Caterina Maria Mutti non usa l’aggettivo “eccellente” a caso: “Sabato 11 ci attende un debutto particolarmente impegnativo al Pala Tacca di Cassano Magnago, ma non abbiamo alcun valido motivo per esserne spaventate. Per ciò che ho avuto modo di capire fin qui, la Casalgrande Padana 2020/21 merita fiducia senza riserve: bene la salvezza come obiettivo di base, ma abbiamo i numeri per fare molto di più. Le potenzialità elevate non ci mancano, e tra poco avremo il difficile ma gratificante compito di confermarle sul campo ogni settimana: intanto ringrazio l’intera società, tutta la squadra e il tecnico Marco Agazzani, per la grande fiducia che mi è stata accordata fin da ora”.

A proposito di Cassano Magnago, domenica scorsa le nostre beniamine hanno partecipato al 24° Memorial “Mario Tacca”: come sempre la prestigiosa competizione precampionato è stata organizzata dal club altomilanese. Il torneo ha avuto luogo attraverso la formula del triangolare, con protagoniste altre 2 formazioni di A1: la Padana ha nettamente prevalso su Leno (37-24), per poi rimediare una sconfitta di strettissima misura ad opera delle padrone di casa (28-29). Cassano ha anche conquistato il titolo, superando pure la formazione bresciana. “E’ andata molto meglio di quanto pensassi, specie considerando che non eravamo al completo – commenta Marco Agazzani Innanzitutto mancavano le argentine Nadia Bordon e Quimey Ailin Sausa Müller, che dovevano ancora arrivare: poi Nossaiba Lassouli, Giulia Mattioli ed Elisa Rondoni erano assenti causa ferie residue. Per giunta contro Cassano sono sopraggiunti due ulteriori problemi, entrambi dovuti a fortuiti scontri di gioco: botta al naso per Marianna Orlandi, e gomitata in fronte per Francesca Franco. Inghippi di facile soluzione, che però sul momento hanno generato ulteriori difficoltà. Bene, anzi molto bene la fase difensiva: ora, il prossimo passo sta nel perfezionare il rendimento di attacco”.

SERIE A2 MASCHILE. Parlando invece della Modula Casalgrande, i biancorossi si apprestano ad affrontare un nuovo collaudo precampionato. Di recente, i nostri beniamini si sono imposti al Pala Keope nel derby amichevole con il Secchia Rubiera: 37-34 il punteggio finale. Peraltro, come è noto, si tratta di un confronto che nell’imminente stagione non avrà modo di riproporsi: la Modula disputerà infatti il gruppo B, mentre i biancorossoblù di Yassine Lassouli sono stati allocati nel girone A. Sabato scorso, Casalgrande ha poi ottenuto il 2° posto nel triangolare che si è svolto al Pala Del Bono di Parma: nell’occasione, Lamberti e soci hanno sfidato due formazioni di pari categoria. Il bilancio parla di una vittoria e una sconfitta: dopo il successo per 35-34 sui trentini del Mezzocorona, la squadra di Corradini ha pagato dazio con i padroni di casa gialloblù col risultato di 32-37. Anche in questo caso, le avversarie che la Modula ha fronteggiato disputeranno il girone A: titolo vinto dal Parma dell’ex biancorosso Pietro Palazov, che ha prevalso pure nella sfida mattutina con Mezzocorona.

Domenica prossima 5 settembre saremo al Pala Deledda di Malo, per un quadrangolare organizzato proprio dal club vicentino – annuncia il trainer biancorosso Matteo Corradini Le altre tre formazioni coinvolte si stanno preparando ad affrontare il girone A della serie A2. A partire dalle ore 10.45, la formazione locale affronterà i veneziani dell’Oriago: noi scenderemo invece in campo a mezzogiorno, affrontando i vicentini del San Vito Marano. Le due formazioni sconfitte si affronteranno poi dalle 15.30, nella gara che mette in palio il 3° posto: la finalissima per il titolo avrà invece inizio alle 17. A differenza di quanto accaduto nelle amichevoli precedenti, stavolta ci presenteremo quasi al completo – sottolinea Corradini – L’unico assente previsto nelle nostre file è Marco Giubbini, che ha rimediato un infortunio alla mano durante gli allenamenti e ne avrà almeno fino a metà settembre. Per quanto riguarda l’attacco, questi primi test ci hanno fornito indicazioni nel complesso felici: tuttavia in fase difensiva servono tangibili miglioramenti, e a Malo confido di vedere segnali incoraggianti in tal senso”.

Sabato 11 settembre sarà poi la volta del debutto in campionato: in occasione del turno inaugurale di serie A2, la Modula sarà di scena al Pala Keope contro il Verdeazzurro Sassari. Fischio d’inizio alle ore 18,30.

Nelle foto, dall’alto verso il basso della pagina:

  • Mattia Lamberti, terzino e capitano della Modula Casalgrande
  • Caterina Maria Mutti, nuovo portiere della Casalgrande Padana
  • Il portiere Valentina Bonacini, confermatissima nei ranghi biancorossi
  • Ilenia Furlanetto, terzino e capitana della Casalgrande Padana
  • Marco Agazzani, allenatore della Casalgrande Padana
  • Younes Id-Ammou, terzino della Modula
  • Matteo Corradini, allenatore della Modula
  • Il terzino/centrale casalgrandese Marco Giubbini.

A2 maschile, Modula Casalgrande attesa da un fine settimana di sosta agonistica: di nuovo in campo sabato 20 al Pala Keope, nella delicata sfida contro l’Ambra Poggio a Caiano. Marco Giubbini: “A Sassari abbiamo avuto un approccio alla partita troppo titubante, perchè il Verdeazzurro ci ha veramente colti di sorpresa. Inoltre, bisogna risistemare qualcosa in difesa: i 23 gol subiti nel 1° tempo sono decisamente una quantità eccessiva. Ad ogni modo, la trasferta isolana ci ha anche consegnato alcune indicazioni molto confortanti: nonostante i problemi incontrati in Sardegna, abbiamo comunque confermato di essere una squadra concreta e in forma”. Sul prossimo impegno: “Per prevalere sarà necessario essere tenaci e tambureggianti fin da sùbito, costruendo un avvio di gara ben differente rispetto a quello di domenica scorsa. Noi disponiamo dei mezzi che servono per restare in modo stabile nella parte sinistra della classifica, ma intanto dobbiamo archiviare il discorso salvezza: una vittoria sull’Ambra ci permetterebbe di centrare l’obiettivo al 95%”

La Modula Casalgrande è attesa da un fine settimana privo di impegni agonistici. Nel prossimo fine settimana, la serie A2 di pallamano maschile osserverà infatti una sosta: giocheranno soltanto Hac Nuoro e Vikings Rubiera, di scena nel recupero della decima giornata che si giocherà in terra isolana.Per quanto riguarda i nostri beniamini, la traiettoria biancorossa in campionato riprenderà sabato 20 febbraio: nell’occasione, la compagine allenata da Fabrizio Fimicelli sarà di scena al Pala Keope per affrontare i toscani dell’Ambra Poggio a Caiano. Intanto, questa pausa dà l’opportunità di fare il punto della situazione: non solo sulla sconfitta di domenica scorsa a Sassari, ma anche sull’intero percorso che la Modula ha saputo portare avanti fin qui. “Purtroppo, contro il Verdeaventrlazzurro qualcosa è andato oggettivamente storto – commenta il terzino/centrale casalgrandese Marco Giubbini– Tuttavia, stiamo parlando di una battuta d’arresto che non mette in discussione la qualità del lavoro complessivamente svolto fin qui: senza dubbio, ci sono consistenti ragioni per confidare in un rapido e convincente ritorno alla vittoria”.


Intanto, da cosa deriva la sconfitta rimediata sul parquet del Pala Santoru? Quali sono le maggiori problematiche che avete incontrato a Sassari?

“In primo luogo, va posto in evidenza il notevole valore della formazione che abbiamo affrontato. Nel dopopartita, Fiumicelli ha detto bene: ora che ha recuperato quasi tutti gli infortunati, l’organico del Verdeazzurro dispone di tutti i mezzi necessari per creare numerose difficoltà anche alle formazioni di altissima classifica. Detto questo, sapevamo bene che gli isolani avrebbero puntato molto sulla capacità di corsa: tuttavia la partenza a razzo dei sassaresi ci ha colti letteralmente di sorpresa, andando ben oltre ciò che pensavamo. Fin da sùbito, i padroni di casa hanno saputo coniugare al meglio la rapidità di manovra con un elevato livello di efficienza: lo slancio del Verdeazzurro ci ha davvero complicato i piani, condizionandoci per quasi tutto il primo tempo e risultando decisivo ai fini del punteggio finale.

Grande merito a Sassari, ci mancherebbe altro: d’altronde, il nostro approccio alla partita avrebbe potuto e dovuto essere di gran lunga migliore. Inoltre, stavolta la fase difensiva ha manifestato qualche pecca su cui dovremo riflettere e lavorare a fondo: i 23 gol che abbiamo subìto nella prima frazione di gioco sono veramente troppi”.


Nelle fasi successive la Modula è comunque riuscita a risollevarsi, arrivando a un soffio dall’ottenere almeno un pareggio…

“Sul finire del primo tempo avevamo accumulato 10 lunghezze di svantaggio, e la vicenda sembrava quasi del tutto chiusa a favore degli avversari: nonostante ciò noi siamo stati ugualmente capaci di tornare in carreggiata, mettendo in atto un sapiente lavoro di ricucitura che ha richiesto notevoli energie sia fisiche sia psicologiche. Rientrando in partita, questa Modula ha dimostrato ancora una volta di essere una squadra tenace e caratterizzata da concrete idee di gioco: idee che abbiamo espresso con efficacia per lunghi tratti dell’incontro, e più esattamente dal 25′ fino a oltre il 50′ “.


Quando mancavano 9 minuti al termine, Sassari era avanti soltanto per un gol: a quel punto, perchè il sorpasso non è avvenuto?

“La fatica ci ha impedito di portare a termine la rimonta. Quando ci si trova a inseguire nel punteggio per quasi tutto il tempo, lo sforzo da mettere in campo per risalire la china è addirittura superiore rispetto al solito: sul finale ne abbiamo risentito, mentre al contrario il Verdeazzurro ha conservato le energie che servivano per gestire meglio le fasi conclusive. Inoltre va detto che eravamo soltanto in 12, a causa di ovvie e comprensibili ragioni legate all’organizzazione dell’onerosa trasferta sarda: se avessimo avuto una maggiore possibilità di fare cambi, probabilmente saremmo riusciti a sviluppare un finale di gara più incisivo e forse vincente.

Ad ogni modo, con i “se” e con i “ma” non si fa certo la storia: adesso è davvero inutile piangere sul latte versato. Nonostante il risultato sfavorevole, a Sassari sono emerse anche alcune buone indicazioni: la straordinaria tempra caratteriale che ci contraddistingue è un rilevante aspetto da cui rimetterci in moto, con il preciso obiettivo di tornare presto a conquistare punti preziosi”.


lamberti mattia

La pausa arriva al momento opportuno, oppure avresti preferito giocare già sabato prossimo?

“Senza dubbio avrei preferito giocare, per cercare e possibilmente trovare immediato riscatto dopo le due sconfitte da cui proveniamo. Inoltre, i recenti risultati non devono trarre in inganno sul momento che stiamo attraversando: peraltro si è trattato di sconfitte contro Carpi e Sassari, che ora come ora rappresentano due vere fuoriserie del girone B. Per il resto il nostro bilancio si presenta più che gratificante, pure sotto l’aspetto strettamente numerico: siamo sesti in classifica con 14 punti totalizzati in altrettante gare, e si tratta di un rendimento che probabilmente va addirittura oltre le aspettative delineate in estate.

Di certo si può sempre migliorare, e la sfida di domenica scorsa ne rappresenta una lampante dimostrazione: tuttavia, osservando ciò che abbiamo saputo fare pure nelle ultime settimane, siamo riusciti a raggiungere un livello di gioco davvero apprezzabile. Inoltre la forma fisica continua a essere dalla nostra parte, con un’infermeria sempre vuota ormai da tempo. Tutto questo insieme di fattori autorizza a pensare che questo sia proprio il periodo giusto per noi: è davvero il momento di giocare e di incrementare il bottino in graduatoria”.

L’agenda del 20 febbraio prevede il confronto casalingo con l’Ambra: i pratesi sono terzultimi, con 6 punti raccolti nell’arco di 14 partite. Dove sta la chiave di volta per ottenere l’intera posta in palio, bissando così il successo ottenuto nell’incontro di andata?

“Tanto per cominciare, la situazione di classifica dell’Ambra non deve portare a valutazioni di carattere superficiale: una decina di giorni fa Poggio a Caiano ha riportato una maiuscola affermazione casalinga contro una realtà del calibro di Follonica, che naviga stabilmente nei piani alti del raggruppamento. Si tratta di una vittoria che non deriva affatto dal puro caso: rispetto all’andata, i pratesi hanno infatti recuperato due giocatori di primissimo piano come Maraldi e Chiaramonti. Di conseguenza, l’Ambra che ci troveremo a fronteggiare avrà un assetto potenziato e ben differente rispetto a quello del settembre scorso: ad ogni modo, per tutte le ragioni che ho esposto prima, io resto comunque fiducioso in merito alle nostre possibilità di vittoria. Ritengo che l’avvio di gara avrà un ruolo di basilare rilievo nel determinare le sorti dell’incontro: se sapremo allontanarci con decisione dalle titubanze emerse nei primi 25 minuti di Sassari, sono certo che costruiremo il miglior terreno fertile possibile per ottenere i 2 punti”.

Quali sono le reali prospettive della Modula Casalgrande in questo campionato? A tuo parere ci sono le condizioni per mirare addirittura al 4° posto, come pronosticato dal tecnico del Parma e grande ex biancorosso Pietro Palazov?

“Sono davvero felice che Palazov ci inserisca tra le quattro maggiori potenze del tabellone B, ma secondo me serve ancora una buona dose di prudenza nell’esprimere pronostici sugli obiettivi stagionali. Non va dimenticato che il nostro organico ha un’età media piuttosto bassa, e molti ragazzi sono al debutto assoluto in A2: di conseguenza, non possiamo certo metterci a erigere troppi castelli in aria. Di certo abbiamo le carte in regola per restare in maniera costante nella cosiddetta “parte sinistra” della classifica, ma al tempo stesso ora dobbiamo archiviare il discorso salvezza nel modo più rapido possibile. Per essere assolutamente tranquilli, servono ancora 4 punti: tuttavia, credo proprio che la vittoria sull’Ambra ci permetterebbe di centrare la permanenza in A2 al 95%”.

Nelle foto, dall’alto verso il basso della pagina:

  • Da sinistra, il pivot casalgrandese Alessandro Lenzotti e il terzino/centrale Marco Giubbini
  • Un’altra immagine di Marco Giubbini
  • Alberto Barbieri, ala/pivot della Modula Casalgrande
  • La Modula con il trainer Fabrizio Fiumicelli
  • Il terzino casalgrandese Mattia Lamberti in fase di tiro
  • Il portiere biancorosso Luigi Prandi
  • Il pivot biancorosso Andrea Strozzi
  • La Modula Casalgrande 2020/2021.

Serie A2, nuove tabelle di marcia per Modula e Casalgrande Padana: la Federazione ridisegna i calendari, per permettere alle società di adeguarsi al nuovo e più rigido protocollo sanitario. I biancorossi di Fiumicelli riprenderanno a giocare il 12 dicembre, con la trasferta sul campo del Follonica: il cammino della squadra di Corradini inizierà invece il 9 gennaio, quando le nostre beniamine affronteranno il gran derby sul parquet di Castelnovo Sotto

Rivoluzione nei calendari della serie A2, sia in ambito maschile sia in ambito femminile: ovviamente i cambiamenti apportati dalla Federazione interessano da vicino anche le squadre di Casalgrande, che ora dovranno riprogrammare l’agenda in seguito a queste nuove disposizioni.


Le modifiche sono dettate dall’adozione di un nuovo protocollo sanitario generale, più rigido rispetto a quello precedente: tutto è illustrato nel dettaglio nell’apposita circolare uscita oggi, e disponibile a questo link http://www.figh.it/circolari-federali/circolari-2020/3258-n%C2%B0-74-del-16-novembre/file.html

In sintesi i tamponi di controllo dovranno essere effettuati ogni settimana, e i relativi risultati andranno comunicati entro le ore 13 del venerdì precedente alla partita. L’operazione riguarderà giocatori e giocatrici, ma anche tecnici e ufficiali di gara inseriti nell’apposita lista che verrà compilata dalla società. Qualora all’interno di una squadra emergessero 4 o più contagi, il club avrà due possibili strade da percorrere: giocare ugualmente (ovviamente senza i positivi al Covid), oppure chiedere e ottenere il rinvio della partita in questione.


Come annunciato nei giorni scorsi, il Gs Pallamano Spallanzani Casalgrande aveva già deciso in autonomia di effettuare tamponi a cadenza frequente e periodica: ora però le nuove norme dovranno essere seguite da tutti i club di seconda serie, e di fatto il protocollo uscito oggi si allinea a quello che la massima divisione sta seguendo fin da inizio annata.


A2 MASCHILE. Detto delle novità procedurali, osserviamo ora quelli che saranno i cambiamenti relativi all’agenda delle nostre Prime squadre. Sabato prossimo la Modula Casalgrande avrebbe dovuto giocare sul parquet della Fiorentina, ma la gara contro i viola è stata rinviata al 9 gennaio 2021: la sfida interna contro il Bologna United slitta invece dal 28 novembre al 16 gennaio. Un’ulteriore variazione è poi quella che riguarda il duello del 5 dicembre, sul campo del Parma: in questo caso, il confronto con i ducali avrà luogo il prossimo 23 gennaio. La ripartenza del girone B è quindi fissata per sabato 12 dicembre, quando la Modula sarà ospite del Follonica: il programma agonistico del 2020 si chiuderà quindi con la gara interna contro Nuoro, ultimo impegno prima della pausa per le Festività natalizie.
Riepilogando, il nuovo calendario biancorosso si presenta quindi così.

12a giornata – sabato 12 dicembre: Starfish Follonica-Modula Casalgrande.

13a giornata – sabato 19 dicembre: Modula Casalgrande-Nuoro.

Recupero 9a giornata – sabato 9 gennaio: Fiorentina-Modula Casalgrande.

Recupero 10a giornata – sabato 16 gennaio: Modula Casalgrande-Bologna United.

Recupero 11a giornata – sabato 23 gennaio: Parma-Modula Casalgrande.

14a giornata (prima di ritorno) – sabato 30 gennaio: Modula Casalgrande-Carpi.

A seguire, l’agenda proseguirà come previsto. In buona sostanza, la serie A2 si fermerà per le prossime 3 settimane: uno scenario non del tutto dissimile a quello che il tecnico casalgrandese Fabrizio Fiumicelli aveva prospettato pochi giorni fa.

Questa intanto la classifica del girone B, dopo le gare dell’8° turno giocate sabato scorso: Vikings Rubiera 14 punti; Tavarnelle e Lions Teramo* 13; Camerano* 11; Carpi** 10; Starfish Follonica** 9; Modula Casalgrande* e Chiaravalle* 6; Verdeazzurro Sassari*, Nuoro*, Parma* e Fiorentina** 4; Bologna United e Ambra Poggio a Caiano* 0. Ogni asterisco corrisponde a una partita in meno.


A2 FEMMINILE. Per quel che riguarda la Casalgrande Padana, le nostre beniamine avrebbero dovuto debuttare sabato 12 dicembre: nell’occasione il programma prevedeva il duello del Pala Keope contro il Ferrarin Milano, valido per la quarta giornata. A seguire sabato 19 era calendariato il derby reggiano, che però slitterà al nuovo anno: la seconda serie femminile avrà infatti inizio il 9 gennaio 2021, per tutti i gironi. Si comincerà regolarmente dalla prima giornata: di conseguenza la formazione allenata da Matteo Corradini esordirà sul campo del Marconi Jumpers Castelnovo Sotto, dando vita a un confronto molto atteso fin da ora. Questa la nuova tabella di marcia biancorossa:

1a giornata (andata 9 gennaio – ritorno 6 marzo): Marconi Jumpers Castelnovo Sotto-Casalgrande Padana.

 2a giornata (a 16 gennaio – r 13 marzo): riposo.

3a giornata (a 23 gennaio – r 27 marzo): Lions Sassari-Casalgrande Padana. 

4a giornata (a 30 gennaio – r 10 aprile): Casalgrande Padana-Ferrarin Milano. 

5a giornata (a 6 febbraio – r 24 aprile): Casalgrande Padana-Brescia. 

6a giornata (a 20 febbraio – r 8 maggio): Venplast Dossobuono-Casalgrande Padana. 

7a giornata (a 27 febbraio – r 15 maggio): Casalgrande Padana-Cassano Magnago.

Confermato il regolamento: al termine le prime due classificate accederanno alla finale a 8, che metterà in palio la Coppa Italia di categoria e soprattutto le due promozioni in A1. In questo caso, l’appuntamento si disputerà tra il 29 maggio e il 2 Giugno 2021. 


HANDBALLTIME. Segnaliamo intanto un intervento di Alberto Aldini sul sito handballtime.it: le dichiarazioni del direttore generale biancorosso sono disponibili cliccando al seguente link https://www.handballtime.it/la-determinazione-di-aldini-il-casalgrande-non-vuole-fermarsi-avanti-con-il-nuovo-protocollo-anche-in-a2/ .

Nelle foto, dall’alto verso il basso della pagina:

  • Nicole Giombetti, ala della Casalgrande Padana, in fase realizzativa
  • Luigi Prandi, portiere della Modula Casalgrande
  • Da sinistra i terzini Emanuele Seghizzi e Marco Giubbini (Modula)
  • Ilenia Furlanetto, terzino e capitana della Casalgrande Padana.

A2 maschile, settimana priva di impegni agonistici: la Modula Casalgrande fa il punto della situazione. Marco Giubbini: “A Rubiera abbiamo fornito una prova di spicco sul piano caratteriale, e se fossimo stati al completo i Vikings avrebbero avuto molte più difficoltà contro di noi. D’altro canto, in fase difensiva c’è stato un passo indietro rispetto al successo con Tavarnelle: si tratta di un problema su cui siamo ampiamente al lavoro”. Sabato 14, l’agenda prevede il duello interno con il Chiaravalle: “Siamo sempre motivatissimi. In questi giorni dovremmo recuperare gli assenti: si tratterà di un grande aiuto nell’affrontare una sfida insidiosa, ma comunque alla nostra portata”

La Modula Casalgrande sta vivendo una settimana priva di impegni agonistici: sabato prossimo il girone B di serie A2 osserverà infatti una pausa. Si tratta di uno stop ampiamente programmato, fin dall’estate: se non subentreranno ulteriori variazioni legate al nuovo Dpcm o comunque ai contagi Covid, il campionato tornerà sabato 14 novembre con le gare valevoli per l’ottavo turno. Intanto, dopo la sconfitta di sabato scorso, i nostri beniamini stanno impiegando queste giornate per riordinare le idee e fare il punto della situazione: come è noto, i pallamanisti biancorossi provengono dalla larga sconfitta nel derby sul campo dei Vikings Rubiera. 

“Si tratta comunque di una battuta d’arresto che avevamo in buona parte previsto – commenta Marco Giubbini, terzino della Modula – Intendiamoci: durante i 60 minuti non ci siamo mai risparmiati in quanto a impegno, nemmeno quando il risultato era ormai irrimediabilmente compromesso a favore di Rubiera. Peraltro, il carattere che abbiamo messo in campo è stato elogiato anche dal nostro allenatore Fabrizio Fiumicelli. Tuttavia avevamo di fronte una vera e propria fuoriserie del gruppo B, che ha prospettive di rendimento ben differenti rispetto a quelle che caratterizzano noi: di conseguenza si tratta di una battuta d’arresto che ovviamente dispiace, ma al tempo stesso è anche un ko che non ci causa affatto scossoni o rivoluzioni. Il morale della squadra resta carico e motivato, e tutti noi siamo animati dalla piena consapevolezza di essere ancora sulla strada giusta”.

I Vikings si sono imposti con un margine consistente, prevalendo per 32-20: era proprio impossibile cercare di chiudere almeno con un divario più limitato?

“Di certo avremmo potuto fare qualcosa di meglio, inutile negarlo. Innanzitutto ci siamo presentati con una serie di assenze pesanti, che a Rubiera hanno complicato in misura notevole i nostri piani: oltre a Eugenio Oliva indisponibile per motivi personali, abbiamo dovuto fare a meno degli infortunati Mattia Lamberti, Riccardo Prodi e Mathieu Galopin. Con i “ma” e con i “se” si va certamente poco lontano: tuttavia, se avessimo potuto contare su tutti i nostri effettivi, sono convinto che saremmo riusciti a mettere Rubiera in maggiore difficoltà. Parlando invece nel dettaglio di ciò che si è visto in campo, ritengo che in chiave difensiva si sia fatto un passo indietro rispetto alla precedente prova con Tavarnelle. La cerniera nel difendere la nostra porta si era rivelata un ingrediente basilare nel successo con i toscani: invece nel derby abbiamo lasciato troppi varchi agli avversari, ed è un problema su cui stiamo riflettendo e lavorando a fondo”.


Stando all’attuale programma, sabato 14 novembre si giocherà al Pala Keope contro il Chiaravalle: i marchigiani hanno conquistato 6 punti in 7 gare proprio come la Modula, e dunque sarà un autentico scontro diretto per gli equilibri del centroclassifica. Che tipo di partita prevedi?

“Come è ovvio che sia, abbiamo già iniziato a parlarne diffusamente all’interno della squadra: per noi, il duello con Chiaravalle rappresenta infatti uno tra gli appuntamenti più cruciali della stagione agonistica. La gara non fornirà alcun tipo di sentenza definitiva, ed è un aspetto che va sottolineato: d’altro canto ospiteremo un’avversaria che si presenta senza dubbio alla nostra portata, e dunque i 2 punti in palio hanno un’importanza di primo piano nel cammino che intendiamo compiere verso la permanenza nella categoria. In questi giorni, è previsto il progressivo rientro di tutti gli assenti: il fatto di presentarci al completo sarà di certo un buon aiuto nell’affrontare le tante insidie che la sfida ha comunque in serbo. Tutto ciò, beninteso, sperando di poter regolarmente scendere in campo senza variazioni dovute alla ben nota situazione generale”.


Nonostante la sconfitta, sabato scorso tu hai comunque ben figurato realizzando 6 reti: al Pala Bursi sei stato il miglior realizzatore della Modula, insieme a Emanuele Seghizzi. A livello personale, quali sono le tue impressioni sul percorso che hai svolto in questo primo scorcio della stagione?

“Al momento, ho buoni motivi per ritenermi soddisfatto: sono in forma e sto lavorando con efficacia, all’interno di un organico giovane e volenteroso diretto da un allenatore di cospicua esperienza come Fiumicelli. Ora ciascuno di noi ha il compito di ottenere ulteriori miglioramenti pure a livello individuale, per arrivare quanto prima a quella salvezza che continua a rappresentare il nostro traguardo primario”.

Classifica del campionato di serie A2 (girone B) dopo i primi 7 turni: Lions Teramo 13 punti; Vikings Rubiera 12; Tavarnelle 11; Camerano* e Starfish Follonica* 9; Carpi** 8; Modula Casalgrande e Chiaravalle 6; Verdeazzurro Sassari*, Fiorentina** e Parma* 4; Nuoro* 2; Bologna United e Ambra Poggio a Caiano* 0. Ogni asterisco indica una partita in meno.

Nelle foto, alcune immagini del derby di sabato scorso. Dall’alto verso il basso:

  • Da sinistra, il pivot Alessandro Lenzotti e il terzino Marco Giubbini
  • Da sinistra, il terzino Emanuele Seghizzi e il pari ruolo Marco Giubbini
  • Sempre da sinistra, il terzino Younes Id-Ammou e il pivot Andrea Strozzi
  • Il pivot casalgrandese Enrico Aldini mentre contrasta Davide Bartoli
  • Alberto Barbieri, pivot della Modula Casalgrande.

(fotoservizio tratto dalla pagina Facebook della Pallamano Rubiera).

Giovanili, Casalgrande Padana di scena a Rubiera nel prestigioso Memorial “Nello Corradini”. Durante lo scorso fine settimana, sono scese in campo le Under 15: domenica prossima toccherà invece all’organico Under 13 maschile, in lizza con ben due squadre

Lo Spallanzani Casalgrande sta partecipando all’undicesimo Memorial “Nello Corradini”, prestigiosa competizione giovanile organizzata dalla Pallamano Secchia Rubiera: le prime gare si sono svolte nello scorso fine settimana, e domenica prossima il ricco programma giungerà alla propria conclusione.


Per quanto riguarda nel dettaglio il cammino delle formazioni biancorosse, domenica 4 ottobre alla Palestra Mari è scesa in campo la nostra Under 15 femminile: la Casalgrande Padana ha disputato un girone unico davvero impegnativo, che ha rappresentato un banco di prova decisamente severo ma comunque molto utile. La formazione allenata da Stefania Guiducci e Gaia Lusetti ha dovuto pagare dazio nei duelli contro Romagna, Bolzano e Camerano: in compenso le nostre beniamine sono anche riuscite a riportare una significativa vittoria, 2-12 contro le marchigiane del Chiaravalle. Per la cronaca, le gare si sono disputate su un tempo unico della durata di 25 minuti.


Ora, i riflettori sono puntati su ciò che succederà domenica 11. In questo caso a essere protagonista sarà la Casalgrande Padana Under 13 maschile: per l’occasione, l’organico guidato da Ilenia Furlanetto e Marco Giubbini si sdoppierà in due squadre. La Padana B sarà di scena nel gruppo A insieme a Bolzano, Franciacorta e ai padroni di casa targati Rubiera: la Padana A disputerà invece il raggruppamento B con Marconi Jumpers Castelnovo Sotto, Chiaravalle e Nonantola.

Questa la scansione oraria delle partite. Ore 9: Rubiera-Casalgrande Padana B. Ore 9.45: Casalgrande Padana A-Marconi Jumpers. Ore 12.45: Casalgrande Padana A-Chiaravalle. Ore 13.30: Casalgrande Padana B-Franciacorta. Ore 15.45: Casalgrande Padana A-Nonantola. Ore 16.30: Bolzano-Casalgrande Padana B. Le seconde classificate duelleranno poi dalle 18 per il terzo posto, mentre le vincenti dei due gironi si affronteranno dalle ore 18,45 per la conquista del titolo. Tutte le partite della categoria Under 13 verranno disputate su un tempo unico da 20 minuti.

Nelle foto, dall’alto verso il basso della pagina:

  • Stefania Guiducci, allenatrice della Casalgrande Padana Under 15 femminile
  • Ilenia Furlanetto, allenatrice dell’Under 13 maschile e coordinatrice del settore giovanile biancorosso.

Al via anche le giovanili della Pallamano Spallanzani, coordinate da Ilenia Furlanetto: l’elenco completo degli allenatori

Non solo serie A2 a Casalgrande: la Pallamano Spallanzani è da sempre attivissima anche in ambito giovanile, e il ricco palmarès conquistato dal nostro club ne rappresenta una tangibile testimonianza. I ricordi sono parecchi e davvero indimenticabili: basti pensare agli scudetti femminili vinti con l’Under 16 (2016) e con l’Under 18 (primavera 2017), così come il 2° posto a livello nazionale che gli Under 17 hanno ottenuto un anno fa. In più, la storia del Gs Spallanzani comprende tanti altri piazzamenti di rilievo in ambito nazionale: tutto questo senza dimenticare gli svariati titoli regionali conquistati nel corso degli anni.


Parlando invece delle tematiche relative all’attualità, le ragazze e i ragazzi dell’Under 17 hanno già iniziato ad allenarsi: gli altri organici cominceranno invece a giorni, in concomitanza con l’avvio dell’anno scolastico. Come sempre, tra gli obiettivi primari c’è senza dubbio quello di favorire il più possibile la crescita dei ragazzi: sia sul piano sportivo, sia dal punto di vista umano. Questi dunque gli allenatori delle giovanili biancorosse per l’annata 2020/2021:


Gruppo Scuole Elementari – Ilenia Furlanetto e Laura Bertolani.

Under 13 maschile e femminile – Ilenia Furlanetto e Marco Giubbini.

Under 15 maschile – Ilenia Furlanetto.

Under 15 femminile – Stefania Guiducci e Gaia Lusetti.

Under 17 maschile – Daniele Scorziello.

Under 17 femminile – Stefania Guiducci e Gaia Lusetti.

Under 19 maschile – Fabrizio Fiumicelli.

Under 20 femminile – Giorgia Di Fazzio.


Tutte queste formazioni recano sulle maglie il marchio della Ceramica Casalgrande Padana, che nei giorni scorsi ha rinnovato l’accordo di sponsorizzazione con il nostro club. Come anticipato durante l’estate, il Settore giovanile della Pallamano Spallanzani ha inoltre una nuova coordinatrice generale: si tratta di Ilenia Furlanetto. Prima di lei il ruolo era ricoperto da Fabrizio Fiumicelli, che quest’anno si occuperà di dirigere gli Under 19 e la Modula di serie A2 maschile.
A tutti il più cordiale augurio di buon lavoro!

Nelle foto, dall’alto verso il basso della pagina:

  • Ilenia Furlanetto, terzino della squadra di A2 e coordinatrice generale del Settore giovanile biancorosso
  • Daniele Scorziello
  • Stefania Guiducci
  • Giorgia Di Fazzio.

A2 maschile, domani al Pala Keope l’amichevole tra Modula e Romagna. Marco Giubbini: “Un test di assoluto rilievo, per affinare ancora di più il cammino precampionato. Siamo una squadra che sa reggere bene le fatiche, e la brillantezza sul piano fisico è una dote che bisognerà costantemente far valere: al tempo stesso, ora dobbiamo migliorare soprattutto in chiave difensiva”

Domani sera, giovedì 10 settembre, la Modula Casalgrande affronterà una tappa di consistente importanza nel cammino di preparazione precampionato: per l’esattezza, i biancorossi saranno di scena nell’amichevole casalinga contro il Romagna. Il confronto si disputerà al Pala Keope, ovviamente a porte chiuse nel rispetto delle normative vigenti: sarà una sfida tra due formazioni di pari categoria, che si apprestano ad affrontare due differenti tabelloni. Come è noto, i nostri beniamini sono inseriti nel girone B insieme a squadre emiliane, toscane e marchigiane: i romagnoli disputeranno invece il raggruppamento A, insieme a svariate realtà di Lombardia e Triveneto.


“Salvo sorprese dell’ultima ora, noi dovremmo presentarci al completo – spiega Marco Giubbini, terzino della Modula – Il duello con il Romagna è proprio il banco di prova che serve: un test contro un’avversaria di primo piano, grazie al quale riusciremo a inquadrare ancora meglio i pregi e i difetti che caratterizzano il nostro gioco. Per quel che ci riguarda, il lavoro continua a procedere con un apprezzabile tasso di efficienza: l’infermeria non dà problemi, e la squadra inizia già ad assimilare efficacemente le indicazioni dell’allenatore. Peraltro, nei giorni scorsi abbiamo disputato un’amichevole in famiglia che ci ha dato segnali ulteriormente incoraggianti: in poche parole, sembrano davvero esserci tutte le caratteristiche necessarie per iniziare bene l’imminente traiettoria agonistica”. 


Durante la scorsa annata, la Modula era guidata da Daniele Scorziello: ora, invece, in cabina di regia siede Fabrizio Fiumicelli. Quali sono le maggiori differenze che riguardano il modo di lavorare dei due allenatori?
“Fiumicelli è il nuovo allenatore, ma non è affatto nuovo per il nostro ambiente: lo scorso anno lui ci ha seguiti nelle vesti di preparatore atletico, e ciò gli permette di analizzare chiaramente fin da adesso quelle che sono le potenzialità della squadra. Almeno per ora, non parlerei di differenze: del resto, il nostro attuale trainer si sta muovendo in sostanziale continuità con il percorso che stavamo svolgendo fino alla brusca sospensione sopraggiunta a marzo. Tuttavia, adesso i ritmi sono più alti rispetto ai tradizionali standard che seguivamo a settembre: un aspetto che non è affatto casuale. Dopo uno stop agonistico così lungo, serve ritrovare smalto riguadagnando in fretta il terreno perduto: di conseguenza questi allenamenti a intensità elevata ci saranno molto utili, per giungere al via del campionato con il necessario slancio sotto l’aspetto fisico”.


A tuo parere, qual è il principale pregio che contraddistingue questa Modula Casalgrande? E viceversa, dove sta il difetto su cui dovreste intervenire con maggiore rapidità?
“Ci presentiamo con un gruppo simile a quello dello scorso anno, e dunque siamo un organico consolidato: poi la nostra età media è piuttosto bassa, e ciò ci porta ad avere una quantità di energie che dovremo costantemente far valere. Al contrario, osservando quanto è avvenuto nel 2019/20, penso che ora il primo miglioramento da fare riguardi la fase difensiva: la cerniera costruita intorno alla nostra porta può e deve acquisire maggiore precisione”. 


Capitolo obiettivi: si punta soltanto a una semplice salvezza, o ci sono speranze di raggiungere obiettivi ancora più consistenti?

“La permanenza nella categoria costituisce la meta primaria, inutile negarlo. Il girone che affronteremo presenta parecchie incognite, dovute anche a questi mesi di stop: un’assenza di partite così prolungata potrebbe davvero rovesciare i pronostici della vigilia, dando luogo a una lunga serie di risultati inattesi. Senza dubbio, disponiamo dei mezzi che servono per mantenere ben saldo il nostro posto in A2: peraltro, il finale in crescendo che abbiamo concretizzato la scorsa stagione è un ulteriore buon motivo per essere ottimisti in chiave salvezza. Al tempo stesso, non siamo certo preclusi a traguardi superiori: quando avremo maturato la certezza di restare in seconda serie, vedremo se ci sarà tempo e spazio per provare ad attestarci stabilmente nella parte sinistra della classifica. Intanto, pensiamo alla prima di campionato: sabato 19 saremo a Carpi, in un derby che si preannuncia tutt’altro che agevole”.

In ambito personale, da cosa deriva la tua scelta di dare nuovamente man forte alla Modula?
“Fisicamente sto bene, e Casalgrande rappresenta l’ambiente ideale per fare pallamano: dunque, ho l’entusiasmo necessario per provare a fornire un mio fattivo contributo alle sorti della squadra. Inoltre, la società ha deciso di puntare con fermezza anche sulla formazione maschile: si tratta certamente di una buona ragione in più per impegnarsi a fondo ogni giorno”.

Nelle foto, dall’alto verso il basso della pagina:

  • Il terzino biancorosso Marco Giubbini in azione
  • Un’altra immagine di Marco Giubbini
  • Mattia Lamberti, terzino della Modula, in fase realizzativa
  • Il pivot casalgrandese Eugenio Oliva.