U17 F e M: due terzi posti ai tornei di Scarperia e Rubiera

Week end di tornei quello appena trascorso dalle nostre compagini U17 Femminile e Maschile, che in preparazione all’avvio ormai prossimo dei campionati di categoria, hanno partecipato rispettivamente ai tornei di Scarperia e Rubiera.

Questi tornei -spiegano i tecnici Guiducci e Fiumicelli- non ci servono per ricercare vittorie, ma per tenere costantemente monitorato il lavoro che facciamo in palestra ed i risultati che ne derivano, e per calibrare il resto degli allenamenti in vista dell’inizio del campionato. Sono per altro anche l’occasione per dare spazio agli atleti più giovani e permettergli di fare quell’esperienza di gioco che ritornerà utile a tutta la squadra nelle partite del campionato stesso”.

In ogni caso entrambe le squadre hanno mostrato di avere i numeri ed il talento per affrontare da pari anche gli avversari più blasonati.

Le ragazze della coach Guiducci dopo aver vinto i primi due incontri, si sono dovute arrendere in semi finale all’Oriago, che presentava una compagine di categoria superiore (U19), e solo dopo una vera “battaglia”, con gli infortuni di Rondoni e Bertolani a complicare ulteriormente la situazione. A dimostrare che le nostre sono però ragazze toste e di carattere, arriva la finale per il terzo posto: cerotti, ghiaccio e fasciature e di nuovo in campo, lasciando alle spalle la precedente sconfitta, ed andando ad imporsi su Ferrara, prendendosi così un meritato podio.

I ragazzi invece azzerano prima Felino e poi costringono al silenzio il blasonato Cologne, per passare al girone finale che li ha visti opposti a Nonantola prima e a Rubiera poi. Quella con Nonantola è una sfida ormai classica, dove i nostri ragazzi “da corsa” danno del filo da torcere alla corazzata modenese, come sempre guidata da un Nico Kasa difficile da contenere. E mentre questo scaglia palloni nella nostra porta come se avesse il martello di Thor, le nostre ali Massaro e Ferrari costantemente imbeccate dai terzini Fontana e Aldini danno del filo da torcere alla loro difesa sei -zero. A rispondere agli affondi di Kasa e Monzani poi, un acuto del nostro capitano (non sempre preciso sotto porta) che scaglia uno scudo di Capitan America da 16 metri e gela difesa e portiere. Siamo sull’8-8, ma da lì la potenza fisica dei modenesi si fa preponderante e  un Prandi in ottima forma non basta a tenere a galla il risultato.

Storia diversa l’incontro per il II – III posto con Rubiera: i nostri hanno ampiamente dimostrato di poter giocare ad armi pari, andando anche in vantaggio per due volte, in una partita dove i cugini rubieresi la spuntano alla fine solo per due disattenzioni difensive di Casalgrande che in quel momento aveva in campo diversi giocatori con meno esperienza .

Ed ora, tutti in attesa dell’inizio del campionato.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *