B maschile, la Modula non incanta ma centra ugualmente l’ottavo successo di fila

QBM VALSAMOGGIA – MODULA CASALGRANDE 28 – 34

QBM VALSAMOGGIA: Bejenaru, Cevenini 1, Selmani (P), Fuligni, Ghedini, Dattilo 3, Dragotta, Caminotto, Mariani 1, Fabro 2, Zaccherini (P), Panetti 5, Cavallaro 3, Contini 7, Rimondi 6, Ceriale. All. Chiara Girardi.

MODULA CASALGRANDE: Cocchi (P), Ferrari 8, Sigona 3, Lamberti 4, Lenzotti 4, Caprili (P), Seghizzi 4, Ricciardo (P), Ruozzi 3, Vignali, Strozzi 5, Bondavalli, Tosi 1, Ravaglia 2. All. Matteo Corradini.

ARBITRI: Soria e Paone.

NOTE: primo tempo 14-15. Rigori: Qbm Valsamoggia 2 su 7, Modula Casalgrande 1 su 2. Esclusioni per due minuti: Qbm Valsamoggia 0, Modula Casalgrande 4.

Andrea Strozzi, pivot della Modula Casalgrande

Ottavo successo consecutivo per la Modula Casalgrande: questa volta i biancorossi sono andati a segno al pala Peppino Impastato di Bazzano, prevalendo sulla Qbm Valsamoggia. Con il successo ottenuto sul parquet bolognese, la compagine allenata da Matteo Corradini ha riaffermato e rafforzato la propria permanenza in zona playoff: il traguardo degli spareggi promozione non è ancora centrato matematicamente, ma la certezza della qualificazione appare sempre più alle porte.

L’ala casalgrandese Gabriele Ferrari

Sabato 22 aprile si è giocato per il 23° capitolo della serie B regionale di pallamano maschile, quartultimo turno della stagione regolare: i casalgrandesi hanno fornito una prova meno brillante rispetto alle 7 sfide precedenti, faticando più del dovuto contro una formazione collocata in fondo alla classifica. I felsinei hanno messo in campo una fortissima dose di buona volontà, proprio come ci si attendeva: Valsamoggia è andata alla convinta ricerca dell’impresa, e almeno fino all’intervallo sembrava addirittura che i padroni di casa potessero piazzare la sorpresa cogliendo un successo memorabile. A seguire, nella ripresa gli ospiti hanno saputo trovare le strategie necessarie per evitare quello che sarebbe stato un clamoroso scivolone: ad ogni modo Valsamoggia non ha affatto mollato la presa così facilmente, tant’è vero che la Modula è riuscita a prendere il largo in maniera definitiva soltanto negli ultimi 10 minuti.

Mattia Lamberti, terzino e capitano della Modula Casalgrande

Andando con ordine, il 1° tempo si è articolato su binari di sostanziale e inaspettato equilibrio: situazione in perfetta parità sia al 10′ (5-5) sia al 20′ (10-10). Nelle fasi che hanno preceduto l’intervallo i casalgrandesi si sono poi resi autori di un lieve allungo, che ha permesso alla Modula di chiudere la mezz’ora iniziale con un flebile vantaggio (14-15). Durante la ripresa, inizialmente l’equivalenza di valori non si spezza: al 40′ le due contendenti stazionavano sul 20-20, risultato che 6 minuti dopo si è tramutato in un 22-22. Da lì in avanti la formazione biancorossa ha iniziato a esprimersi su livelli più consoni agli standard che la contraddistinguono, e ciò ha permesso a Lamberti e soci di costruire quei guizzi che servivano per assumere le redini dell’incontro in modo definitivo. Al 50′ Casalgrande guidava così sul 23-27, un margine favorevole che si è man mano dilatato fino al 28-34 finale. La Modula ha quindi potuto festeggiare un blitz che prolunga ulteriormente la ricca striscia vincente biancorossa: d’altronde, grandi applausi anche per il gioco e la combattività che i padroni di casa hanno saputo esprimere.

Alessio Tosi, promettente prospetto in forza alla Modula

A livello di prove individuali, nei ranghi ospiti è da segnalare la brillante prova dell’ala Gabriele Ferrari: ottimo anche il portiere Mattia Cocchi, decisivo in varie occasioni. Tra i felsinei si segnalano in particolare le 7 reti del terzino Loris Contini, senza dimenticare i 5 gol di Emanuele Panetti che peraltro guida la squadra insieme a Chiara Girardi.

Il tecnico biancorosso Matteo Corradini

“Una prova di livello inferiore al nostro solito, inutile stare qui a negare l’evidenza – evidenzia Matteo Corradini, trainer della Modula Casalgrande – Tuttavia, questa trasferta opaca non deve nemmeno suscitare inutili allarmismi. Innanzitutto siamo immersi in un campionato che richiede una quantità davvero consistente di spinta energetica, sia fisica sia mentale: di conseguenza, qualche flessione sul piano del rendimento diventa quasi inevitabile. Inoltre a Bazzano ci siamo presentati con un organico ridotto e decisamente rimaneggiato, addirittura più del previsto: peraltro durante la ripresa abbiamo dovuto fare a meno anche di Andrea Strozzi, bloccato da una distorsione al ginocchio che andrà valutata nei prossimi giorni. Tutti questi aspetti rappresentano precisi dati di fatto, che vanno tenuti ben presenti nel commentare la nostra partita: d’altro canto, non sono certo qui a voler accampare chissà quali scusanti. Potevamo e dovevamo comunque fare meglio, conquistando ben prima la certezza della vittoria: Valsamoggia è rimasta in partita almeno fino al 50′, e dunque la partita nel suo complesso ha preso una piega che proprio non ci aspettavamo”.

Il terzino casalgrandese Emanuele Seghizzi

Ora la Modula è attesa da un’ulteriore confronto fuori casa: sabato prossimo 29 aprile i biancorossi saranno di scena al pala Alighieri di Nonantola, per affrontare i padroni di casa targati Rapid. Fischio d’inizio alle ore 18,30. “Contro Valsamoggia teniamoci buono il risultato, una vittoria che riveste un valore di pregevole importanza nell’ambito della classifica – rimarca Corradini – Per quanto riguarda il duello contro i modenesi, sfida complessa ma comunque alla nostra portata. Ritengo che il nostro primo obiettivo stia nel recuperare l’atteggiamento propositivo e combattivo di cui siamo capaci: del resto è una dote che abbiamo fatto emergere chiaramente in svariate occasioni, soprattutto da metà febbraio in avanti. Purtroppo a Nonantola non potremo contare sull’acciaccato Kristian Toro, che ne avrà per una ventina di giorni: in compenso ci saranno i sicuri ritorni di Marco Giubbini ed Hendrick Tronconi, assenti a Bazzano causa motivi personali. In merito invece alla classifica, per ora le mie considerazioni non cambiano: nei piani alti permane un certo affollamento, e dunque l’unica strada per acquisire la certezza dei playoff sta nel vincere tutti e tre i confronti che mancano da qui al termine della stagione regolare. Peraltro dopo Nonantola affronteremo Carpine e Romagna, due realtà che navigano fin dall’inizio nella parte sinistra della graduatoria. Di conseguenza, nulla può dirsi scontato”.

Gianluca Ravaglia, centrale della Modula Casalgrande

LA SITUAZIONE IN SERIE B MASCHILE. Gli altri risultati del 23° turno sono Romagna-Ferrara United 48-15, Rapid Nonantola-Estense Ferrara 29-32, Marconi Jumpers Castelnovo Sotto-Felino 29-21, Faenza-Sportinsieme Castellarano 27-23 e Tecnocem San Lazzaro di Savena-Secchia Rubiera 25-33 e Carpi-Carpine 23-22.

Classifica: Secchia Rubiera 38 punti; Marconi Jumpers Castelnovo Sotto 35; Modula Casalgrande 33; Carpi 32; Faenza 31; Carpine e Tecnocem San Lazzaro di Savena 30; Romagna 28; Estense Ferrara 19; Rapid Nonantola 14; Felino 8; Sportinsieme Castellarano 6; Qbm Valsamoggia e Ferrara United 5.

Al termine della stagione regolare, le prime 4 accederanno ai playoff per la promozione nella nuova serie A Bronze.

Nell’immagine in alto Mattia Cocchi, portiere della Modula Casalgrande. Le foto presenti in questa pagina sono state realizzate da Monica Mandrioli.

Please follow and like us:
fb-share-icon