Archivi tag: casalgrande padana

A2 femminile, la Casalgrande Padana non sfigura affatto nell’amichevole di lusso sul campo dell’Ariosto Ferrara. Corradini: “Nonostante la sconfitta abbiamo fornito una prova complessivamente di spessore, specie considerando che di fronte c’era un’avversaria di massima serie. Spicca in particolare la nostra vivacità per quanto riguarda l’efficacia offensiva: resta invece qualcosa da aggiustare in difesa, perchè 43 gol subìti sono davvero troppi. Da evidenziare anche un nuovo esordio in Prima squadra: è quello di Asia Trevisani, centrale classe 2004”. Giovedì sera, le biancorosse saranno a Castelnovo Sotto per un ulteriore test

Amichevole di lusso per la Casalgrande Padana di A2: ieri pomeriggio le nostre beniamine sono scese in campo al Pala Boschetto di Ferrara, per affrontare la locale formazione di A1 targata Ariosto. Padrone di casa vittoriose con il punteggio di 43-38: nonostante la differenza di categoria a sfavore, le biancorosse hanno comunque sviluppato una prova nel complesso vivace e incoraggiante. A confermare questa impressione è direttamente Matteo Corradini: “Buone indicazioni, specie considerando che abbiamo affrontato un organico di massima serie – sottolinea il trainer della Padana – Tra l’altro, l’Ariosto si è presentato quasi al completo. Nelle file di casa mancava soltanto il portiere Anja Rossignoli, impegnata con la Nazionale: per il resto Ferrara ha schierato tutte le proprie giocatrici, compresa la grande ex di turno Maja Tanic”.


Corradini entra quindi nel merito del tipo di gara che la Casalgrande Padana ha saputo disputare: “A livello globale le indicazioni sono sempre confortanti – rimarca l’allenatore – Il lavoro che ho impostato con la preparatrice atletica Ilenia Furlanetto sta andando nella giusta direzione, e il test di ieri ne rappresenta una ulteriore conferma. Tuttavia, come al solito non manca qualche distinguo: nella fattispecie potevamo avere una incisività decisamente maggiore in chiave difensiva, e si tratta di un aspetto su cui nei prossimi giorni dovremo senz’altro riflettere e lavorare. Quarantatre gol subìti sono davvero troppi, indipendentemente dalle potenzialità delle avversarie. D’altro canto, ieri le nostre ragazze si sono davvero distinte per quanto riguarda la costruzione e l’efficacia del gioco di attacco – sottolinea il tecnico casalgrandese – Abbiamo manifestato una costante e frizzante vivacità in zona gol, dimostrando di avere fin da adesso una spiccata personalità di squadra. Nessun problema dal punto di vista dell’infermeria – aggiunge il timoniere della Padana – A Ferrara eravamo al completo, e nelle nostre file c’è da registrare un ulteriore esordio in Prima squadra: si tratta di Asia Trevisani, centrale classe 2004 direttamente in arrivo dalle giovanili. Inoltre, ieri abbiamo schierato anche un’altra 2004: si tratta della pivot Giulia Mattioli, che aveva esordito nei ranghi dell’A2 in occasione dell’amichevole settembrina con la Tushe Prato”.


E sempre a proposito di amichevoli, la Casalgrande Padana tornerà in campo giovedì sera 8 ottobre: “Dalle ore 19.30 saremo di scena al Puntosport Spaggiari di Castelnovo Sotto – annuncia Matteo Corradini – Disputeremo ovviamente l’amichevole di ritorno contro il Marconi Jumpers, squadra che affronteremo pure nella prossima serie A2. Nella settimana successiva ci sarà poi un test al Pala Keope, di nuovo contro l’Ariosto Ferrara di A1″.


YOUTH LEAGUE. Intanto, la Federazione ha reso noti i gironi della Youth League, competizione riservata alla categoria Under 20 femminile. La Casalgrande Padana disputerà il gruppo C insieme a Conversano, Chiaravalle, Petrarca Arezzo e Pontinia. Il programma della fase iniziale prevede due concentramenti: il primo dal 4 al 6 gennaio, il secondo dal 1° al 3 aprile 2021. Al termine, le due squadre meglio piazzate del raggruppamento avranno accesso al Main Round: la terza e la quarta accederanno invece al Qualification Round. In entrambi i casi si potrà accedere alle finali, previste dal 10 al 13 giugno. 


Nelle foto, dall’alto verso il basso della pagina:

  • Foto di gruppo per la Casalgrande Padana 2020/2021
  • Il tecnico biancorosso Matteo Corradini
  • A destra, la centrale casalgrandese Giulia Dallari in azione
  • L’ala biancorossa Nicole Giombetti in fase realizzativa.

Please follow and like us:

A2 femminile, Elisa Manzini sta per piazzare la parata più bella: quella del terzo figlio. “Tornerò a frequentare il parquet del Pala Keope solo nel 2021. Non so ancora se potrò disputare qualche partita: all’inizio l’obiettivo sarà soltanto quello di rimettermi in forma dopo il cesareo, poi si vedrà”. Sulle prospettive della Casalgrande Padana: “Un girone così impegnativo non mi dispiace affatto. Inoltre, sono davvero ottimista sulle mie colleghe di ruolo Melissa Lamberti e Valentina Bonacini”

Lei fa parte a pieno titolo dell’organico di A2 femminile, ma per il momento… non si vede: stiamo parlando di Elisa Manzini, portiere classe ’84 nonchè colonna della Casalgrande Padana. I motivi della sua assenza dal parquet sono presto detti, e sono anche decisamente lieti: l’esperta guardiana biancorossa è infatti in attesa del suo terzo figlio. “La nascita è prevista per i primi di dicembre – spiega la diretta interessata – Sta per arrivare un maschietto, che raggiungerà i suoi fratelli Anna di 7 anni e Alessandro di quasi 5″.


Il prossimo arrivo del nuovo nato crea grande entusiasmo, anche in tutto l’ambiente della Pallamano Spallanzani. A proposito della pallamano: quali sono le tue intenzioni in merito alla stagione agonistica 2020/21? Potrai disputare qualche partita prima della conclusione dell’annata?

“Come è ovvio che sia, non se ne parlerà prima del 2021: da gennaio in avanti la mia intenzione di base sarà soltanto quella di rimettermi in forma, compatibilmente con i numerosi impegni legati alla famiglia. Inoltre a dicembre avrò un parto cesareo, che ha tempi di recupero più lunghi rispetto alla modalità tradizionale: quindi, adesso non posso sbilanciarmi più di tanto nel fare previsioni in merito a un mio ritorno in campo. Di certo, in un primo momento tornerò a frequentare il parquet del Pala Keope nelle vesti di ospite: poi, vedremo come evolverà la situazione di giorno in giorno e di settimana in settimana”.


Intanto, la Casalgrande Padana è stata inserita nel girone A: secondo moltissimi addetti ai lavori, sarà il raggruppamento più difficile della nuova serie A2. Sei contenta di questa collocazione, o avresti preferito un tabellone sulla carta meno impegnativo?

“Il girone A è sicuramente il più competitivo, ma devo dire che non mi dispiace affatto. Innanzitutto, si tratta di un insieme di avversarie che ci darà un’ulteriore dose di motivazioni: inoltre i confronti con così tante realtà ben attrezzate ci forniranno delle preziose occasioni di miglioramento, soprattutto per le tante giovani che abbiamo in squadra. Iniziare il campionato così avanti non aiuta: la prima giornata si giocherà il 7 novembre, dunque decisamente più tardi rispetto alle consuetudini. Ad ogni modo, credo pure che questo cambiamento di data non intralcerà più di tanto i nostri piani: del resto, noi donne abbiamo da sempre un forte spirito di adattamento”.


Da più parti, la Casalgrande Padana viene inserita tra le principali favorite in ottica promozione: osservando la struttura del girone, quali saranno le maggiori rivali biancorosse nella strada verso l’A1?

“La palla è rotonda: frase già sentita, ma che in questo caso descrive al meglio l’imminente stagione agonistica. Leonessa Brescia e Venplast Dossobuono sono senz’altro nomi altisonanti: entrambe godono di ottima reputazione, non solo per il blasone ma anche e soprattutto per le notevoli qualità tecnico-agonistiche dei rispettivi organici. In più, occhio alle due tenaci rappresentanti sassaresi: vincere in Sardegna non è mai semplice, e dunque si tratta di realtà che potranno creare parecchi grattacapi a tutte le altre formazioni”.


Nel lotto delle future avversarie figura poi il Marconi Jumpers Castelnovo Sotto: sabato scorso la Casalgrande Padana ha prevalso proprio contro le biancorosse della Bassa, nell’amichevole disputata al Pala Keope…

“Un derby è sempre un derby, indipendentemente dal valore delle singole giocatrici: di conseguenza, il duello con il Marconi Jumpers rientra senza dubbio tra le maggiori difficoltà che la Casalgrande Padana dovrà affrontare.
Ad ogni modo, sono convinta che ciascuna delle 8 squadre in lizza possa coltivare ragionevoli sogni di gloria: quindi, guai a sottovalutare le lombarde Cassano Magnago e Ferrarin Milano. All’interno di questo contesto, il nostro organico potrà senza dubbio recitare un ruolo di primo piano: d’altro canto prevedo parecchie partite punto a punto, e dunque bisogna soltanto lavorare a testa bassa evitando costantemente ogni possibile supponenza”.


Il reparto portieri della Prima squadra casalgrandese comprende anche Melissa Lamberti (classe 2002) e Valentina Bonacini (2003): che impressioni hai sulle tue giovani colleghe?

“Due pallamaniste di sicuro talento, che peraltro hanno ampi margini di crescita personale: in tutta sincerità, io sono davvero ottimista in merito a entrambe. Se sapranno ascoltare con umiltà e attenzione le indicazioni dell’allenatore Matteo Corradini e delle ragazze più esperte, penso proprio che Melissa e Valentina potranno dare un visibile contributo alla squadra in termini di carattere e rendimento. Un consiglio che posso dare deriva dalla mia esperienza personale, perchè pur avendo 36 anni non ho ancora smesso di imparare: credo dunque che tutte e due debbano essere sempre pronte ad apprendere e se necessario a effettuare cambiamenti, perchè nella pallamano non si finisce mai di crescere”. 

Nelle foto, dall’alto verso il basso della pagina:

  • Elisa Manzini in piena azione
  • Un’altra immagine del portiere biancorosso Elisa Manzini
  • Melissa Lamberti in azione
  • Valentina Bonacini.
Please follow and like us:

La Casalgrande Padana Under 15 maschile centra un lusinghiero 3° posto al Torneo di Campogalliano

Podio di spessore e sicuramente di buon auspicio per gli Under 15 biancorossi: ieri i ragazzi targati Casalgrande Padana hanno centrato un lusinghiero terzo posto al Torneo di Campogalliano, organizzato dalla Pallamano Carpi. L’unica sconfitta rimediata dai nostri beniamini è arrivata nel confronto di esordio, disputata proprio contro Carpi: a seguire i ragazzi allenati da Ilenia Furlanetto hanno riportato un convincente successo su Imola, bissato con la successiva affermazione nel duello con Parma. Per la cronaca, il torneo si è svolto all’interno del Centro sportivo “Lauro Bolelli:” le gare si sono articolate sulla disputa di due tempi, da 20 minuti ciascuno. Il tabellone delle squadre Under 15 partecipanti comprendeva anche Marconi Jumpers Castelnovo Sotto, Palazzolo e Mordano.

Nella foto a inizio pagina: gli Under 15 della Casalgrande Padana che hanno partecipato al Torneo di Campogalliano, con l’allenatrice Ilenia Furlanetto.

Please follow and like us:

A2 femminile, la Casalgrande Padana coglie una nuova affermazione al Pala Keope: le biancorosse si impongono anche nel derby amichevole con il Marconi Jumpers. Corradini: “Qualche difficoltà in più rispetto al test con Prato, ma era previsto. Ora bisogna esprimersi ancora più di squadra, abbandonando qualche giocata individuale troppo inconcludente: nel complesso abbiamo comunque fornito un’altra buona prova, sia in difesa sia in attacco. Da segnalare l’esordio in Prima squadra di Asia Mangone”

Nuova vittoria in amichevole per la Casalgrande Padana: ieri pomeriggio, al Pala Keope, le nostre beniamine hanno prevalso nel derby contro il Marconi Jumpers Castelnovo Sotto. Per quanto non fosse una gara ufficiale, si è comunque trattato della prima sfida ufficiale di questa stagione tra le due contendenti reggiane: entrambe le squadre disputeranno il girone A della serie A2 di pallamano, e dunque si tratta di un confronto che avrà modo di ripetersi anche nei prossimi mesi.


“Ieri la vittoria è arrivata con il punteggio di 38-23 – spiega Matteo Corradini, tecnico della Padana – Confrontando la nostra prova con quella di sabato scorso, stavolta abbiamo incontrato qualche difficoltà in più: tuttavia, si tratta di un aspetto che avevamo ampiamente messo in preventivo. Castelnovo Sotto è infatti avversaria con potenzialità maggiori rispetto a quelle della Tushe Prato: il Marconi Jumpers ha senza dubbio i mezzi che servono per costruire un cammino di campionato tutt’altro che trascurabile, e credo proprio che la formazione della Bassa possa puntare a collocarsi stabilmente nella parte sinistra della classifica. Per quanto riguarda nel dettaglio l’andamento della sfida, le dimensioni del punteggio finale non dicono tutta la verità su ciò che si è visto in campo – rimarca Corradini – La nostra superiorità è stata meno netta di quanto le cifre possano dare a intendere: le nostre ragazze sono comunque state capaci di fornire una prova di buon livello, con numerosi spunti di apprezzabile spessore sia in attacco sia in fase difensiva. A questo punto, dovremmo perfezionarci evitando certe leziosità: alcune volte tendiamo infatti a mettere da parte il gioco di squadra, pensando invece a sviluppare degli spunti individuali che però si rivelano spesso troppo elaborati e inconcludenti. Quando riusciremo a limare questo difetto, compieremo un ulteriore passo avanti di grande importanza e significato”.


La Casalgrande Padana si è presentata al completo, e l’infermeria continua a essere sgombra: “Inoltre ho applicato un’ampia rotazione, come sempre in amichevole – sottolinea l’allenatore – A livello di singole giocatrici, credo che la prova del giovane portiere Valentina Bonacini vada evidenziata con una particolare nota di merito. Spicca inoltre il buon esordio in Prima squadra di Asia Mangone, proveniente dalla nostra Under 17: lei è un’ala polivalente, perchè sa esprimersi con efficacia pure nel ruolo di terzino”.
Come più volte annunciato nei giorni scorsi, il campionato di A2 prenderà il via soltanto sabato 7 novembre: di conseguenza, c’è tempo e spazio per organizzare delle ulteriori partite-test. “A metà ottobre, in una data ancora da stabilire, affronteremo la formazione di A2 dell’Ariosto Ferrara – annuncia il trainer casalgrandese – Inoltre, sempre a ottobre, è prevista un’amichevole di ritorno a Castelnovo Sotto”.


E a proposito di Castelnovo Sotto, il tecnico del Marconi Jumpers non manca di  elogiare la Padana: “L’amichevole di ieri ha pienamente confermato le mie impressioni – afferma Gianluca Poli – Casalgrande dispone di tutti i mezzi che servono per navigare in modo costante nei piani alti della graduatoria: la formazione di Corradini è a pieno titolo tra le maggiori favorite in ottica promozione, e abbiamo già iniziato ad accorgercene pure in questo test. Del resto, solo per citare qualche nome, giocatrici come Ilenia Furlanetto e Francesca Franco sono due autentici lussi per l’A2. Al di là del risultato, ritengo che la nostra prova sia comunque stata soddisfacente – prosegue Poli – Peraltro, non va dimenticato che per noi si trattava pur sempre della prima uscita stagionale. Anche noi eravamo al completo: durante il primo tempo la gara ho schierato un possibile sette titolare, e la gara ha seguito binari di sostanziale equilibrio. Nella metà iniziale dell’incontro mi sono orientato su una difesa 5-1, schema a cui il nostro gruppo è ben poco abituato: nonostante ciò, i riscontri sono stati ugualmente apprezzabili e incoraggianti. A seguire ho applicato vaste sperimentazioni, schierando molte ragazze fuori ruolo: in questo modo il divario a favore della Casalgrande Padana è man mano cresciuto, ma le mosse attuate nella ripresa mi hanno permesso di capire ulteriormente le reali caratteristiche di ciascuna delle nostre giocatrici”.


L’amichevole di ieri si è giocata a porte chiuse, ma il Pala Keope sta per riaprire le porte al pubblico. Dalle ore 16 di oggi, domenica 27 settembre, si disputerà la sfida di A2 maschile tra la Modula e il Verdeazzurro Sassari: potranno entrare al palazzetto tutti coloro che sono in possesso dell’apposita “Keope Pass Card”. 

Nelle foto, dall’alto verso il basso della pagina:

  • La Casalgrande Padana 2020/2021
  • L’allenatore Matteo Corradini
  • Il portiere biancorosso Valentina Bonacini
  • Al centro, la pivot casalgrandese Francesca Franco in azione.
Please follow and like us:

A2 femminile, Casalgrande Padana verso la seconda amichevole stagionale: sabato al Keope il derby con il Marconi Jumpers. Ilenia Furlanetto: “I margini di crescita restano molti, ma le sensazioni dopo il test contro Prato sono senza dubbio incoraggianti. Inoltre la forma fisica della squadra è complessivamente buona, e abbiamo il rilevante vantaggio di poter lavorare al completo. La data di inizio del campionato non condizionerà in negativo i nostri piani, tutt’altro”

La Casalgrande Padana è al lavoro da ormai tre settimane: le ragazze allenate da Matteo Corradini hanno iniziato la preparazione a fine agosto, e sabato scorso si sono largamente imposte nella prima amichevole stagionale. Anche se la nuova serie A2 femminile di pallamano inizierà più tardi del previsto, le biancorosse stanno continuando gli allenamenti con consistente slancio: sia dal punto di vista motivazionale, sia per quanto riguarda le energie riposte sul parquet. A fare il punto della situazione è Ilenia Furlanetto, che quest’anno riveste un duplice e rilevante ruolo: oltre a essere tra le giocatrici più esperte e rappresentative della formazione ceramica, lei si occupa anche in prima persona della preparazione atletica della squadra.


“Il percorso precampionato che stiamo svolgendo può considerarsi a metà strada – spiega Ilenia – Ci siamo messe all’opera molto presto, perchè in un primo momento sembrava che la stagione ufficiale iniziasse intorno al 15 ottobre: invece, proprio in questi giorni la Federazione ha fissato il turno inaugurale per sabato 7 novembre. Ad ogni modo, credo proprio che questa variazione non comporterà conseguenze negative per noi: al contrario, il fatto di avere 3 settimane in più ci permetterà di ultimare il lavoro in maniera ancora migliore. Questo ulteriore tempo a disposizione sarà prezioso per affinare e aumentare la nostra brillantezza, sotto ogni profilo: a tale scopo, prevedo che inseriremo nel programma qualche altra amichevole”.


Intanto, come si presenta la condizione fisica globale della squadra? Tutto procede sempre per il meglio, o è sopraggiunto qualche inghippo?

“Lo stato di forma si presenta complessivamente buono e incoraggiante. Per giunta, l’infermeria continua a essere del tutto vuota: di conseguenza possiamo lavorare con l’intero organico, e in questa fase si tratta di un vantaggio non certo indifferente”.


Parliamo del test di sabato scorso: al Pala Keope avete superato le pari categoria della Tushe Prato, riportando l’eloquente punteggio di 45-23. Quali sono le impressioni che ne hai ricavato?

“L’amichevole è stata molto utile per verificare la nostra reale condizione, ma anche per capire quali sono gli aspetti su cui concentrarsi per costruire nuovi e costanti miglioramenti. Al di là dell’entità numerica che caratterizza il risultato, le sensazioni generali sono senza dubbio positive: anche se per noi si trattava del primo duello dopo mesi senza partite, abbiamo trovato parecchie volte la via del gol e tutte le ragazze hanno potuto esprimersi. Al tempo stesso i margini di crescita restano tanti, sia sotto l’aspetto fisico sia per quel che concerne la tattica: ad ogni modo, stiamo parlando di problematiche e imperfezioni ampiamente risolvibili nei 45 giorni che ci separano da qui all’inizio del campionato”.


Come è noto, la Casalgrande Padana disputerà il girone A di serie A2: lo stesso vale pure per il Marconi Jumpers Castelnovo Sotto, che affronterete sabato prossimo 26 settembre sempre al Keope. Anche le biancorosse della Bassa sono circondate da grande ottimismo: la compagine allenata da Gianluca Poli sarà davvero tra le concorrenti della Padana nell’alta classifica?

“Ogni avversaria va guardata con il massimo rispetto: quanto al resto, adesso è ancora presto per la formulazione di pronostici attendibili. Di certo posso solo dire che sarà un banco di prova significativo e non banale, contro una formazione che ha i numeri per rivelarsi frizzante e grintosa durante l’intera stagione. Comunque sia, adesso le caratteristiche delle nostre rivali hanno un’importanza relativa: per perseguire gli elevati obiettivi che ci prefiggiamo, abbiamo ben chiara la necessità di concentrarci solo su noi stesse e non sulle altre realtà”.


L’amichevole tra Casalgrande Padana e Marconi Jumpers Castelnovo Sotto avrà inizio alle ore 15: ricordiamo che l’incontro si disputerà ancora a porte chiuse, perchè le tessere che permettono l’accesso al Pala Keope saranno valide da domenica 27. Tra l’altro, le Keope Pass Card sono andate interamente esaurite già nella giornata di ieri: uno speciale ringraziamento va quindi al pubblico della Pallamano Spallanzani Casalgrande, per il notevole seguito e la grande attenzione che ci è stata riservata anche questa volta.

Nelle foto, dall’alto verso il basso della pagina:

  • Ilenia Furlanetto in piena azione
  • Un’altra immagine di Ilenia Furlanetto, terzino e preparatrice atletica della Casalgrande Padana
  • La pivot biancorossa Georgette Kere
  • La centrale casalgrandese Gaia Lusetti.
Please follow and like us:

Da domenica prossima 27 settembre, il palazzetto di Casalgrande riapre le porte al pubblico: 200 i posti disponibili per ogni partita. Si potrà accedere soltanto con la nuova Keope Pass Card, tessera nominativa e gratuita: prenotazioni già aperte

A partire da domenica 27 settembre, il Pala Keope riapre finalmente le porte al pubblico per tornei, amichevoli e gare di campionato: gli accessi saranno però contingentati, nel rispetto delle vigenti normative tese a contrastare la pandemia da Covid-19.

Duecento i posti disponibili e nominativi per seguire le gare di Modula, Casalgrande Padana e delle formazioni giovanili: gli interessati sono quindi invitati a prenotare sùbito la propria Keope Pass Card, scrivendo all’indirizzo [email protected] . All’interno della e-mail bisognerà precisare quali squadre si intende seguire (A2 maschile, A2 femminile, giovanili oppure tutte): inoltre sarà necessario indicare nome, cognome e numero di telefono. La Keope Pass Card, assolutamente gratuita, potrà essere ritirata direttamente in segreteria al Pala Keope: i posti sono pochi, quindi conviene affrettarsi. Si tratta di una tessera nominativa e personale: di conseguenza non può essere ceduta a terzi, né scambiata. In tribuna sarà obbligatorio l’uso della mascherina, per tutta la durata della gara.

La validità delle tessere parte da domenica 27. Pertanto, l’amichevole di A2 femminile in programma sabato tra Casalgrande Padana e Marconi Jumpers Castelnovo Sotto sarà ancora a porte chiuse.


In più, ricordiamo che è ancora possibile sostenere le nostre squadre con un piccolo contributo: la maglia e la mascherina “griffate” Pallamano Spallanzani sono in vendita al costo complessivo di soli 10 euro. Vi aspettiamo!!!

Dall’alto verso il basso della pagina, le Keope Pass Card per seguire le partite di Modula Casalgrande (A2 maschile) e Casalgrande Padana (A2 femminile): i codici qr sono personali, per permettere un eventuale tracciamento sanitario.

Please follow and like us:

A2 femminile, agevole vittoria interna per la Casalgrande Padana nell’amichevole con la Tushe Prato. Corradini: “Test utile, contro un’avversaria comunque vivace. Tutte le nostre giocatrici sono scese in campo: c’è stato spazio anche per Giulia Mattioli, pivot proveniente dalle giovanili che ha debuttato in Prima squadra”. Sabato prossimo al Keope il duello con il Marconi Jumpers, mentre il campionato scatterà il 7 novembre

Amichevole vittoriosa per la Casalgrande Padana: ieri pomeriggio al Pala Keope le biancorosse hanno avuto la meglio sulle pari categoria della Tushe Prato, squadra diretta da Massimo Di Vita. Il confronto ha rappresentato il primo test di questa lunga fase precampionato: l’aggettivo “lunga” è proprio quello giusto, perchè la nuova serie A2 di pallamano femminile inizierà più tardi del previsto: inizialmente si parlava di metà ottobre, ma proprio in questi giorni la Federazione ha calendariato la prima giornata per sabato 7 novembre.


“Intanto, abbiamo superato le toscane con il punteggio di 45-23 –
spiega Matteo Corradini, trainer della Padana – Come è noto la Tushe disputerà il girone C, mentre la nostra collocazione è nel tabellone A: la gara si è articolata secondo la formulazione tradizionale, ossia due tempi da mezz’ora ciascuno. Sulla carta, Prato dispone di minori potenzialità rispetto alle nostre: per giunta loro non erano al completo, e hanno schierato un elevatissimo numero di giovani. Per contro, a noi mancava soltanto Nicole Giombetti: domani lei effettuerà la consueta visita medica per l’idoneità sportiva, e dunque sarà regolarmente schierabile a partire dall’amichevole di sabato prossimo. Ad ogni modo – prosegue Corradini – Prato ha comunque messo in campo una buona dose di vivacità e buona volontà: dunque, per noi il confronto ha rappresentato un’utile occasione di verifica del lavoro svolto fin qui. Ovviamente la strada da fare resta ancora parecchia: d’altro canto, i segnali emersi ieri ci autorizzano a proseguire il cammino con rinnovato slancio. Inoltre, nessun problema fisico: l’infermeria continua a essere sgombra”.


Tra le note maggiormente salienti di questa amichevole casalinga, figura anche il debutto in Prima squadra di una ragazza in arrivo dal Settore giovanile: “Ho applicato un’ampia rotazione, e tutte le giocatrici hanno avuto modo di scendere in campo – sottolinea il tecnico casalgrandese – C’è stato spazio anche per Giulia Mattioli, pivot classe 2004: lei sta lasciando intravedere prospettive molto incoraggianti, e quindi potrebbe benissimo guadagnare ulteriori occasioni all’interno dell’organico di A2. Come risulta facile immaginare, la presenza in campo di Giulia non deriva affatto dal caso: la valorizzazione dei talenti in arrivo dalle giovanili rientra a pieno titolo tra i nostri specifici obiettivi stagionali”.


Sabato prossimo, 26 settembre, la Casalgrande Padana affronterà una nuova amichevole sempre al Pala Keope: “Ospiteremo il Marconi Jumpers Castelnovo Sotto – ricorda Matteo Corradini – Sarà una sorta di “antipasto” della stagione ufficiale, perchè è un derby reggiano che si riproporrà anche nel girone A di campionato. Affrontando le biancorosse della Bassa, ci confronteremo con una squadra caratterizzata da un potenziale tecnico-agonistico più vicino al nostro: le castelnovesi possono contare su un gruppo consolidato già da qualche anno, un organico che poco più di un anno fa ha raggiunto lo storico traguardo dei play off per l’A1. Peraltro la formazione guidata da Gianluca Poli ha inserito alcune significative novità rispetto allo scorso anno, novità che promettono di recitare un ruolo certamente di primo piano. Di conseguenza, credo proprio che il duello con il Marconi Jumpers ci darà indicazioni veramente significative”.

Nelle foto, dall’alto verso il basso della pagina:

  • Al centro, la pivot biancorossa Francesca Franco in azione
  • Matteo Corradini, allenatore della Casalgrande Padana
  • La pivot casalgrandese Alessia Artoni
  • Laura Bertolani, terzino della Padana.
Please follow and like us:

A2 femminile, due amichevoli al Pala Keope per la Casalgrande Padana: sabato prossimo contro la Tushe Prato, e il 26 con il Marconi Jumpers. Simona Artoni: “Pur avendo ricevuto una buona offerta per cambiare casacca, ho scelto senza esitazioni di restare fedele alla maglia biancorossa”

Il percorso precampionato della Casalgrande Padana prosegue senza intoppi: come è noto le nostre beniamine stanno lavorando in vista della prossima A2 femminile di pallamano, che scatterà a metà ottobre. “Tutte le ragazze sono all’opera, e per il momento l’infermeria continua a non dare problemi – conferma il trainer biancorosso Matteo Corradini – Adesso abbiamo collocato in calendario anche due amichevoli al Pala Keope, per affinare ancora di più la preparazione e per analizzare ancora meglio le caratteristiche del nostro modo di esprimerci in campo. Il primo appuntamento è previsto per sabato prossimo 19 settembre: a partire dalle ore 16 affronteremo la Tushe Prato, che disputerà il girone C di A2. Sette giorni più tardi, ossia sabato 26, saremo invece di scena nel derby con il Marconi Jumpers Castelnovo Sotto che avrà inizio alle ore 15: la formazione della Bassa si cimenterà nel gruppo A proprio come noi, e dunque la sfida sarà una sorta di “antipasto” del prossimo campionato. Ovviamente, entrambi gli incontri si disputeranno a porte chiuse”.

Intanto, mentre si attende di conoscere il calendario degli impegni ufficiali, nell’ambiente della Padana proseguono le riflessioni e le valutazioni in merito alla struttura del gruppo A: un tabellone che vedrà le casalgrandesi confrontate con Cassano Magnago, Ferrarin Milano, Leonessa Brescia, Venplast Dossobuono, Lions Sassari, Sardegna Handball Sassari e appunto Marconi Jumpers. “Quando sono entrata nello straordinario universo della pallamano, Casalgrande era già in A1 – sottolinea l’ala Simona Artoni – Di conseguenza, dal mio punto di vista la seconda divisione rappresenta un’esperienza totalmente nuova: senza dubbio l’autoretrocessione è stata pesante da digerire per tutto il nostro ambiente, ma le ragioni che hanno portato la società ad assumere questa decisione sono del tutto comprensibili. Ad ogni modo, siamo già ampiamente proiettate sul futuro – rimarca Simona – La nostra concentrazione è rivolta fin da ora all’immediato ritorno in massima serie: siamo animate dalla ferma intenzione di riprenderci sùbito quel posto in A1 che sarebbe stato nostro di diritto”.


Anche se il girone non si presenta affatto semplice, la talentosa ala biancorossa è ben lungi dall’esserne spaventata: “Un lotto di avversarie così competitivo e agguerrito non può che farci bene, perchè aumenterà ulteriormente il nostro slancio motivazionale. In buona sostanza, ritengo che la complessità del raggruppamento potrà addirittura darci un aiuto in più nel cercare di concretizzare quel percorso di gloria che abbiamo in mente. Ovviamente, non sono certo qui a dire che il nostro compito si rivelerà così semplice e immediato – rimarca Simona Artoni – Le insidie saranno tante, a cominciare da quelle collocate… vicino casa: negli ultimi anni abbiamo sfidato spesso il Marconi Jumpers in amichevole, e peraltro ho affrontato molte ragazze castelnovesi nel contesto dei campionati giovanili. Di conseguenza, sono convinta che loro sapranno darci parecchio filo da torcere: inoltre, i derby sono per loro natura impronosticabili”.


La frizzante ala indica poi la strada da seguire per lasciare un segno chiaro ed efficace sul campionato: “Le potenzialità non ci mancano, e ora sta a noi il compito di farle valere trovando di nuovo un convincente amalgama in termini di gioco e atteggiamento. Inoltre, il nucleo fondante dell’organico verrà di volta in volta arricchito con innesti in arrivo dalle nostre giovanili: sono ragazze di promettente talento, che potranno aiutarci parecchio pure sotto l’aspetto numerico. Quanto a me, ho scelto senza esitazioni di rimanere fedele alla Casalgrande Padana pur avendo ricevuto una buona offerta per cambiare casacca: di conseguenza, sono pronta a fare la mia parte con la vivacità di sempre”. 

Nelle foto, dall’alto verso il basso della pagina:

  • L’ala biancorossa Simona Artoni in azione
  • Matteo Corradini, trainer della Padana
  • Un’altra immagine di Simona Artoni
  • Il portiere casalgrandese Melissa Lamberti in azione.
Please follow and like us:

Al via anche le giovanili della Pallamano Spallanzani, coordinate da Ilenia Furlanetto: l’elenco completo degli allenatori

Non solo serie A2 a Casalgrande: la Pallamano Spallanzani è da sempre attivissima anche in ambito giovanile, e il ricco palmarès conquistato dal nostro club ne rappresenta una tangibile testimonianza. I ricordi sono parecchi e davvero indimenticabili: basti pensare agli scudetti femminili vinti con l’Under 16 (2016) e con l’Under 18 (primavera 2017), così come il 2° posto a livello nazionale che gli Under 17 hanno ottenuto un anno fa. In più, la storia del Gs Spallanzani comprende tanti altri piazzamenti di rilievo in ambito nazionale: tutto questo senza dimenticare gli svariati titoli regionali conquistati nel corso degli anni.


Parlando invece delle tematiche relative all’attualità, le ragazze e i ragazzi dell’Under 17 hanno già iniziato ad allenarsi: gli altri organici cominceranno invece a giorni, in concomitanza con l’avvio dell’anno scolastico. Come sempre, tra gli obiettivi primari c’è senza dubbio quello di favorire il più possibile la crescita dei ragazzi: sia sul piano sportivo, sia dal punto di vista umano. Questi dunque gli allenatori delle giovanili biancorosse per l’annata 2020/2021:


Gruppo Scuole Elementari – Ilenia Furlanetto e Laura Bertolani.

Under 13 maschile e femminile – Ilenia Furlanetto e Marco Giubbini.

Under 15 maschile – Ilenia Furlanetto.

Under 15 femminile – Stefania Guiducci e Gaia Lusetti.

Under 17 maschile – Daniele Scorziello.

Under 17 femminile – Stefania Guiducci e Gaia Lusetti.

Under 19 maschile – Fabrizio Fiumicelli.

Under 20 femminile – Giorgia Di Fazzio.


Tutte queste formazioni recano sulle maglie il marchio della Ceramica Casalgrande Padana, che nei giorni scorsi ha rinnovato l’accordo di sponsorizzazione con il nostro club. Come anticipato durante l’estate, il Settore giovanile della Pallamano Spallanzani ha inoltre una nuova coordinatrice generale: si tratta di Ilenia Furlanetto. Prima di lei il ruolo era ricoperto da Fabrizio Fiumicelli, che quest’anno si occuperà di dirigere gli Under 19 e la Modula di serie A2 maschile.
A tutti il più cordiale augurio di buon lavoro!

Nelle foto, dall’alto verso il basso della pagina:

  • Ilenia Furlanetto, terzino della squadra di A2 e coordinatrice generale del Settore giovanile biancorosso
  • Daniele Scorziello
  • Stefania Guiducci
  • Giorgia Di Fazzio.
Please follow and like us:

A2 femminile, Giulia Dallari entusiasta del girone A: “E’ un raggruppamento che mi piace proprio, caratterizzato da una lista di avversarie davvero motivante”. La talentosa centrale è tornata alla Casalgrande Padana dopo un periodo di inattività: “Il richiamo della pallamano non si è mai affievolito, nemmeno dopo l’infortunio del 2018”

Adesso le ragazze della Casalgrande Padana hanno un rilevante argomento in più su cui riflettere: mentre gli allenamenti continuano senza intoppi, in casa biancorossa si cerca anche di soppesare le dinamiche e gli equilibri che potranno caratterizzare il girone di campionato. Come è noto, sabato scorso la Figh ha reso nota la griglia di partenza della prossima serie A2 femminile: le nostre beniamine hanno trovato posto nel gruppo A, un tabellone che comprende altre 7 formazioni. Nella fattispecie si tratta di Marconi Jumpers Castelnovo Sotto, Ferrarin Milano, Leonessa Brescia, Cassano Magnago, Venplast Dossobuono, Lions Sassari e Sardegna Handball Sassari.


“In tutta sincerità, questo raggruppamento mi piace proprio – esclama Giulia Dallari, centrale della Padana – Più nello specifico, credo fermamente che sia un girone molto motivante. Brescia e Dossobuono hanno calcato il palcoscenico dell’A1 nel recente passato, proprio come noi: di conseguenza, si tratta di squadre abituate a sostenere ritmi molto simili ai nostri. Tutto questo, beninteso, senza nulla togliere alle altre formazioni: le restanti squadre possono contare su organici vivaci e comunque ben attrezzati, che di certo non vorranno affatto recitare ruoli da comprimari. Peraltro, le due formazioni isolane possono contare su giocatrici che in passato hanno vestito la maglia azzurra. In buona sostanza – rimarca Giulia – questo girone A metterà a severa prova la concretezza delle nostre ambizioni: una lista di avversarie così agguerrite è davvero l’ideale per capire se potremo davvero raggiungere l’agognato ritorno in massima serie. A livello generale, non mi sbilancio nel fare troppi pronostici: prevedo infatti un campionato molto equilibrato, dove le sorprese potranno essere all’ordine del giorno ancora più del solito”.


Come è noto, Giulia Dallari è tornata a vestire la casacca biancorossa dopo un periodo di inattività: un graditissimo ritorno, che senza dubbio permette all’intero organico di guardare al futuro con una rinnovata dose di fiducia. “Due anni fa mi sono pesantemente infortunata al Pala Keope, durante il Memorial Roberto Camponesco – ricorda la diretta interessata – Nella fattispecie, un movimento improvviso durante un’azione di contropiede mi ha causato una lesione del legamento crociato anteriore e la rottura del menisco”.


A seguire, come si è svolta la fase di riabilitazione?

“Ho seguito il normale protocollo, della durata complessiva di 6 mesi: la prima fase postoperatoria è stata legata a un percorso fisioterapico, mentre nella seconda parte ho lavorato per riacquisire forza fisica”.

Dopo esserti ripresa, hai effettuato scelte che ti hanno portata lontana dal Pala Keope: ora, come è nata la tua volontà di tornare alla ribalta?

“Il richiamo della pallamano non si è mai affievolito, nemmeno durante la mia assenza dal parquet. Per certi versi ho preso una decisione “romantica”, dettata dalla volontà di tornare alle mie origini e soprattutto di rimettermi in gioco. In tutti questi mesi ho sempre badato a tenermi in forma, pur essendo distante dal 40X20: adesso posso quindi contare su una condizione fisica soddisfacente, che ovviamente da ora in avanti andrà affinata di pari passo con il resto dell’organico. Intanto ringrazio la società e le mie compagne di squadra: l’intero ambiente biancorosso ha contribuito a darmi la spinta necessaria per concretizzare la scelta che ho fatto”.


Hai lasciato la Casalgrande Padana in A1, e ora la ritrovi in A2: che effetto ti fa?

“La categoria non influisce affatto sul mio e nostro tasso di concentrazione: ci stiamo già gettando appieno in questa nuova sfida, guidate dall’esperto timone tecnico di Matteo Corradini. Per quel che mi riguarda personalmente, rientrare dopo un’assenza è sempre piuttosto complicato: d’altronde ho vestito la maglia biancorossa per ben 10 anni, e dunque credo proprio che non farò alcuna fatica nel riappropriarmi dei meccanismi di gioco che caratterizzano la squadra”. 

Nelle foto, dall’alto verso il basso della pagina:

  • La centrale casalgrandese Giulia Dallari in piena azione
  • Un’altra immagine di Giulia Dallari
  • L’ala biancorossa Marianna Orlandi
  • Francesca Franco, pivot della Casalgrande Padana
  • L’ala Simona Artoni.
Please follow and like us: