Casalgrande Padana: a Brixen una trasferta insidiosa

Trasferta insidiosa per Casalgrande Padana quella del 12 ottobre sul campo del Brixen .

Team ceramico ancora inchiodato ad un solo punto in classifica grazie al pareggio in casa del Cassano Magnago, e la delusione per la sconfitta tra le mura domestiche contro un’ottimo Ali Mestrino.

Brixen è una squadra ostica che annovera giocatrici importanti come Pruenster e Babbo, ma soprattutto è un team coriaceo in difesa e rapidissimo sul contropiede. A parte il portiere Manzini, tutte le giocatrici saranno a disposizione di mister Corradini che sulla partita afferma:” Sarà una gara impegnativa, dove non ci dobbiamo permettere di andare a corrente alternata.  Babbo e Pruenster possono fare la differenza in ogni momento e sarà importante avere pazienza da una lato e tanta grinta dall’altro, perchè le altoatesine non mollano mai. Abbiamo lavorato bene durante la settimana e credo ci siano i presupposti per approcciare positivamente la gara, tutto starà nell’affrontarla con tanta determinazione, senza titubanze e senza passi indietro”.

Fischio d’inizio alle 16.30 e diretta streaming su PallamanoTV.

A2 Maschile: Modula spreca troppo. Spartans 2 Agosto passa al Keope.

La terza di campionato, e prima in casa di Modula Casalgrande finisce 20-30 in favore dei bolognesi dello Spartans 2 Agosto. Modula gioca di fatto solo il primo tempo dell’incontro, andandolo a chiudere in vantaggio di 3 reti, 16-13, poi al rientro svanisce, come una bolla di sapone, e sul parquet del palaKeope gioca solo la squadra ospite.

Gara tosta fin dall’inizio, ma che rimane in equilibrio con i bolognesi che piazzano il break già intorno all’ottavo minuto, ma che non riescono a scappare. All’ 11esimo episodio chiave della gara: Lamberti reagisce ad una provocazione del solito Zoboli (provocazione incredibilmente non vista dal vicinissimo arbitro) e rimedia una sospensione per due minuti. Il protrarsi dell’alterco porta poi la coppia arbitrale a sanzionare Lamberti con altri due minuti di sospensione, e subito dopo con l’espulsione. Modula quindi in inferiorità numerica per quattro minuti e consapevole di aver perso, nemmeno a metà del primo tempo, uno dei suoi più importanti terminali offensivi. Eppure reagisce: Enrico Giubbini si fa carico della fase d’attacco e Aldini della fase difensiva, Modula ricuce il break, mette la testa avanti, il 2 Agosto sbanda, e la prima frazione si chiude sul 16-13.

Mentre tutto il pubblico si aspetta un secondo tempo con il medesimo trend, la squadra che rientra in campo non è la stessa Modula vista fino a poco prima. Banali errori al passaggio che si trasformano in occasioni di contropiede per i bolognesi, poca precisione nel giro palla, poca pazienza in fase di attacco e una enormità di errori in fase di conclusione, senza contare i tre rigori sbagliati, trasformano il PalaKeope in una Waterloo, tanto che in tutto il secondo tempo Modula arriverà a sole 4 reti realizzate, contro le 17 degli avversari.

Simpatico siparietto a metà secondo tempo quando il duo arbitrale ha interrotto il gioco dopo aver “scoperto” l’utilizzo non regolare, da parte della panchina del 2 Agosto, di sistemi audio di comunicazione per mantenere il collegamento con l’allenatore Melis che si trovava  in tribuna, dovendo scontare quattro giornate di squalifica, costringendo quest’ultimo ad uscire in fretta dal palazzetto per evitare eventuali complicazioni disciplinari.

A parte questo raro esempio di “lealtà sportiva”,  resta comunque il black out dei ragazzi di mister Scorziello e l’occasione, davvero gettata alle ortiche, di prendere in casa i primi due punti della stagione, contro un avversario che certo non ha brillato ma almeno ha giocato per 60 minuti.

 

Casalgrande Padana e Modula: inizio complicato

Si chiude con due sconfitte la giornata di avvio dei campionati di A1 femminile e A2 maschile delle squadre casalgrandesi.

Casalgrande Padana si arrende a Pallamano Oderzo per 23-30, mentre Modula, al debutto in trasferta contro l’Azeta Parma, si arrende per 32-16.

Casalgrande Padana: è Oderzo a fare la gara sin dai primi minuti e a rimanere in controllo sempre, dimostrandosi squadra matura e non più Duran-dipendente, con ottime situazioni di giro palla e davvero pochi errori in difesa. Più complicata la gara delle padrone di casa: un pò contratte nei primi minuti, alzano i ritmi gara rifacendosi sotto alle opitergine intorno al 20esimo, dopo l’ingresso di Tanic e Canessa. Il trend non cambia nella seconda frazione dove tre errori al passaggio diventano preda dei contropiedi delle venete, che scavano un solco anche più ampio rispetto all reali situazioni di gioco, nelle quali comunque il team ceramico non ha sfigurato. 7 le reti per Furlanetto e 4 quelle di Simona Artoni, e si rivede finalmente una aggressiva Marianna Orlandi; buone prove delle giovanissime Lusetti e Lamberti, mentre Bulache, nel secondo tempo, sfodera 4 ottimi interventi a guardia della porta casalgrandese.

Mattia Lamberti

Modula: la matricola Modula non riesce ad affacciarsi in modo vero alla gara in casa della corazzata Azeta Parma, se non nei primi dieci minuti, quando tengono costretti i ragazzi di Galluccio al pareggio sul 3-3. Time out Parma poi, e, al rientro, la gara è solo dei ducali. A giustificare il divario di risultato c’è sicuramente il fatto che la maggior parte dei ragazzi di Modula si affacciano per la prima volta ad un campionato nazionale, che  nel roster vi sono numerosi nuovi innesti e che Parma, dal canto suo, è squadra costruita con l’obiettivo finale della promozione in A1, già di poco sfiorata nella passata stagione. In termini meramente tecnici, test ben più attendibile sarà quello della prossima giornata, tra le mura del PalaKeope contro gli Spartans della Pallamano 2 Agosto Bologna, protagonista già di avvincenti sfide con i biancorossi casalgrandesi  due stagioni fa, a contendersi il primato della serie B.

Per Casalgrande Padana e Modula arriva quindi una intensa settimana di lavoro in palestra, per preparare al meglio possibile il tentativo di immediato riscatto.

Trofeo Certech “Memorial Camponesco”: Ali Mestrino sugli scudi

08 settembre 2019: Il tradizionale trofeo Certech Ente Fiera “Memorial Camponesco” viene vinto da Ali Mestrino.

Le venete, opposte alle padrone di casa di Casalgrande Padana ed alle lombarde del Cassano Magnago, si aggiudicano la kermesse precampionato grazie ad una migliore differenza reti proprio sulla compagine reggiana.

Torneo assolutamente equilibrato, con gare vinte di misura e pareggio finale tra le neo promosse di Mestrino e Casalgrande Padana, 25 a 25, che lascia già denotare come il campionato che sta per iniziare sarà avvincente e mai scontato.

Per le ragazze di mister Corradini tanti minuti di gioco per tutte, a definire gli ultimi assetti da gara, con Gaia Lusetti tra le più giovani a mostrare già un’ottima forma, e Belèn Canessa, nuovo arrivo in casa reggiana, a dare vivacità in attacco e solidità in difesa.

Premiazione finale alla presenza del sindaco Daviddi e dell’assessore alle politiche giovanili Laura Farina, che, unitamente ai familiari del compianto Roberto Camponesco, si sono complimentati con le atlete per le avvincenti gare e l’ottimo stato di forma mostrato.

Stagione quindi ufficialmente iniziata al palaKeope, anche quest’anno sotto l’occhio benevolo di Robby Camponesco che, da lassù, continua a guardare i ragazzi e le ragazze dello Spallanzani dare battaglia a livello nazionale, in un movimento che, anche grazie alla sua dedizione, è diventato l’importante e rispettata realtà che è oggi.

Casalgrande Padana: Memorial “Camponesco” l’8 settembre al PalaKeope

Come ormai tradizione, il primo appuntamento in casa e pre campionato di Casalgrande Padana, sarà in occasione del memorial “Camponesco”, trofeo Certech Ente Fiera, che si svolgerà domenica 8 settembre tra le 14.00 e le 19.00 tra le mura del palaKeope.

Si rinnova ancora una volta la realizzazione di questo torneo, in occasione delle Fiere di Settembre di Casalgrande, e soprattutto occasione, per tutti quelli vicini al movimento pallamanistico casalgrandese, di ricordare lo storico dirigente Roberto Camponesco, scomparso qualche anno fa, e che tanto ha dato alla società biancorossa lasciando in tutti un indelebile ed affettuoso ricordo.

Il torneo, realizzato grazie alla collaborazione (anche questa ormai storica) con Certech s.p.a., sarà un triangolare cui parteciperanno, oltre alle padrone di casa, anche le lombarde del Cassano Magnago e le venete di Ali Mestrino, neo promosse in serie A1.

Inizio gare alle 14.00 con l’incontro tra Cassano e Casalgrande,poi alle 16.00 tra Mestrino e Cassano, per chiudere la giornata sportiva alle 18.00 con il match tra Casalgrande Padana e Ali Mestrino. Alle 19.30 previste le premiazioni, con la partecipazione dei familiari del compianto Camponesco ed alla presenza del neo sindaco di Casalgrande Giuseppe Daviddi.

Ultimi test match per il team ceramico, in vista dell’inizio del campionato di A1, che vedrà nella prima giornata, Casalgrande Padana opposta, in casa, al temibile Oderzo, e quindi primo reale banco di prova e rifinitura per le ragazze di mister Corradini che avrà già a disposizione in campo anche l’ultimo acquisto, Belèn Canessa.

Casalgrande Padana in pressing sul mercato: ingaggiata Belèn Canessa Perez

Due settimane al fischio di inizio del campionato di A1 femminile e Casalgrande Padana si rinforza ancora. In arrivo questa volta è il capitano della nazionale cilena, Belèn Canessa Perez. La ventinovenne, sudamericana con passaporto italiano , sarà a disposizione di mister Corradini da martedi 3 settembre, dopo le visite medico sportive. Espertissima ala sinistra, Canessa è comunque una atleta versatile con spiccate doti difensive e di contropiedista. La sua non è la prima esperienza in Italia, paese dove è stata naturalizzata nel 2014 giocando per HF Teramo insieme alla sorella Daniela e a un mostro sacro come Palarie.

“Sono contenta dell’opportunità che mi ha dato un club prestigioso come Casalgrande –dice Canessa-. Ho visto le partite di preparazione che hanno giocato le mie future compagne e mi piace molto il modo in cui gioca la squadra. Spero di contribuire nel gioco collettivo e non vedo l’ora di arrivare ed allenarmi con loro” .

Canessa è una atleta con un curriculum notevole –spiega il dg Aldini– :  ha partecipato a due mondiali, svariate volte ai giochi panamericani, diverse volte campione nazionale con il proprio club di Santiago del Cile, ed anche nella sua esperienza italiana ha superato le 80 reti a stagione. Ha una grande esperienza e disponibilità e sarà senz’altro di aiuto nella crescita delle giocatrici più giovani. “

Canessa è anche salita alla ribalta dei media sportivi sudamericani avendo da poco ricevuto la proposta di matrimonio dal suo fidanzato, il karateka cileno Germàn Charpentier, che, durante la manifestazione dei giochi panamericani a Lima (Perù), si è presentato con un enorme cartellone con cui le chiedeva di sposarlo.

Casalgrande Padana: prima uscita stagionale al Memorial Tacca di Cassano Magnago

Iniziata ufficialmente con la partecipazione al 22° Memorial “Tacca” di Cassano Magnago, la stagione agonistica 2019/2020 di Casalgrande Padana. Insieme alle reggiane , il torneo ha visto la partecipazione delle padrone di casa del Cassano, di Ariosto Ferrara, di Roth Weis Thun e dello ZRK Zalek. Primo posto alle slovene dello Zalek, secondo alle elvetiche del Thun tra le cui fila milita l’azzurra Laura Rotondo, terzo posto alle padrone di casa amaranto e quarto per le ragazze di mister Corradini, mentre è rimasta al palo Ariosto Ferrara, ancora priva di Landri, in questi giorni impegnata con la nazionale di beach handball.

Tre gare nella sola giornata di sabato 24, per 180 minuti totali di gioco sono state sicuramente un test parecchio impegnativo per il team ceramico che ancora è in fase di preparazione atletica, ma ha dato buone risposte rispetto alle fasi di gioco che mister Corradini stava cercando. ” Non siamo venuti qui per fare risultato, ma per fare amalgama, fare gruppo, iniziare ad oliare i meccanismi di gioco –dice il coach- .  Questo torneo forse,più che alle ragazze, è servito a me per rendermi meglio conto delle attitudini delle varie atlete. Abbiamo ancora 20 giorni di lavoro davanti, ma da quanto visto ritengo ci siano tutti i presupposti per fare una buona stagione” .

Tanto filo da torcere in gara 1 alle elvetiche di Rotondo, Kaeslin &C, che si impongono per 28/21 sulle casalgrandesi che  cedono solo nei 7 minuti finali, dopo una gara giocata quasi sempre punto a punto, in cui figurano ottimamente sia Simona Artoni che la giovane Chiara Rondoni. Poi la vittoria 24/19 su Ferrara in una gara già dal sapore di derby di campionato, condotta nel primo tempo dalle estensi. Nella seconda frazione, perentorio il rientro di Casalgrande Padana grazie alle terribili percussioni di Tanic , capace di imprimere una velocità impressionante al gioco delle reggiane, a favorire le incursioni di Furlanetto e gli ottimi movimenti di Alessia Artoni e Francesca Franco, che in versione pivot sa ancora bene dire la sua. Diversi poi gli interventi salvifici in porta della neo arrivata Bulache e della veterana Manzini.

Luci spente invece nella gara contro le padrone di casa: con due match nelle gambe e Tanic a riposo precauzionale, le reggiane subiscono il ritmo delle cassanesi che si impongono 30/23, gara in cui si evidenzia comunque la buona prova tra i pali di Melissa Lamberti. Senza storia poi la gara di domenica 25 contro lo ZRK Zalek: slovene troppo forti e con un divario fisico impressionante rispetto alle biancorosse.

E ora di nuovo in palestra per proseguire la preparazione, in attesa di un altro torneo precampionato ormai classico: il Trofeo Certech Ente Fiera “Memorial Camponesco”, questa volta tra le mura amiche del PalaKeope.

Casalgrande Padana completa il roster: in arrivo il portiere Andrada Bulache

A 45 giorni dall’inizio del campionato, Casalgrande Padana chiude il mercato e completa il roster per la prossima stagione con l’ingaggio di Andrada Bulache.

Diciannovenne, di origine rumena ma con cittadinanza sportiva italiana, Bulache è cresciuta pallamanisticamente al Flavioni Civitavecchia, guidata dall’esperienza di un tecnico di qualità come Patrizio Pacifico. Nell’ultima stagione, nonostante la giovane età, è stata il primo portiere del Flavioni, occasione che le ha permesso di incamerare importanti esperienze di gioco e di ben figurare in numerose gare, tanto che, a mercato aperto, diversi sono stati i club interessati al suo ingaggio. “Alla fine l’abbiamo spuntata noi –dice il dg Aldini-, dopo mesi in cui abbiamo davvero faticato a trovare l’atleta giusta per difendere la nostra porta. Siamo abituati a lavorare con i giovani e cerchiamo di coltivare e far crescere il loro talento grazie al nostro staff tecnico, in cui quest’anno abbiamo inserito anche Stefan Gherman come preparatore dei portieri, e così sarà anche per Andrada. Avere molte coetanee in squadra poi, la aiuterà ad inserirsi al più presto nel gruppo. Voglio poi ringraziare Eleonora Gorla e Patrizio Pacifico (presidente ed allenatore del Flavioni, ndr): l’ottimo rapporto tra le due società e la loro disponibilità al dialogo ci ha permesso di concludere in modo positivo questa operazione di mercato”.

Sulla stessa lunghezza d’onda anche Eleonora Gorla che dice:” Siamo contenti per Andrada che andrà a fare esperienza in una società che lavora bene da anni e punta tanto sui giovani. Non nego che per noi la sua assenza  sarà un problema da affrontare, ma auguriamo a lei e a Casalgrande Padana tante soddisfazioni.”

Bulache sarà a disposizione di mister Corradini dal prossimo 12 agosto.

Valigie “azzurre” di nuovo pronte a Casalgrande: Aldini in partenza con la nazionale U19

Non è passato un mese dallo European Open U17 di Goteborg che per Enrico Aldini, capitano della U17 casalgrandese vice campione d’Italia, arriva una seconda chiamata dallo staff tecnico della nazionale, questa volta U19.

Gli azzurrini, agli ordini del direttore tecnico Trillini coadiuvato dai coach Beppe Tedesco e Jurgen Prantner, partiranno alla volta di Font Romeu, sui Pirenei francesi, per un training camp dal 25 al 31 Luglio, da svolgere insieme alla nazionale pari categoria francese. I transalpini sono in fase di preparazione per il mondiale U19 di Agosto e verranno aiutati dalla nazionale italiana che fornirà la possibilità di incontri ed allenamenti di interesse, trattandosi, quella azzurra, di una squadra di ottimo livello e già qualificata per gli europei U20 e U18 della prossima estate.

Tra i 18 convocati anche Enrico Aldini, aggregato al gruppo pivot insieme a Oliver Martini e Giampaolo Sciorsci.

E’ un’estate impegnativa sicuramente, ma sono molto contento della fiducia che mi è stata accordata e di questa convocazione. Sono praticamente tutti più grandi ed esperti di me, e molti dei miei compagni giocano da tempo in squadre senior –dice Aldini. La Francia poi, dovendo preparare un mondiale, sarà a ranghi completi o quasi.  Io mi metterò a disposizione del gruppo e dei coach, come sempre, e ancora una volta andrò per imparare qualcosa e fare tesoro di questa esperienza”.

 

Nuovo innesto nello staff tecnico Pallamano Spallanzani : arriva Stefan Gherman

Non si ferma l’estate di lavoro in casa Pallamano Spallanzani, alle prese con la pianificazione della stagione 2019/2020.

In vista infatti dei nuovi impegni sia a livello femminile (con la consolidata presenza di Casalgrande Padana nella massima serie) che maschile (con il ritorno in serie A2 di una squadra casalgrandese, a targa del colosso industriale  Modula), la società ha deciso di dare ulteriore compattezza all’ottimo gruppo di tecnici già presente, raggiungendo un accordo con Stefan Gherman, che si occuperà in maniera stabile della preparazione dei portieri .

Un incontro casuale –dice Gherman– con questa dirigenza, che però è sfociato presto in sintonia. Mi volevano addirittura convincere a riprendere a giocare, e sono stato quasi tentato all’idea. Ma credo fondamentalmente di poter essere più utile trasmettendo la mia esperienza ed il mio metodo di lavoro a portieri più giovani, aiutandoli a crescere tecnicamente, in un progetto, come quello di Casalgrande, davvero interessante”. 

40 anni, rumeno (soprannominato goliardicamente “Il Vampiro” perchè originario della Transilvania), il portierone Gherman vanta una esperienza di tutto rispetto, avendo militato per anni in squadre di A1 e A2 maschile, come Casalgrande, Rubiera, Carpi, Nonantola e Parma.

In difficoltà nel reperire un nuovo portiere per Casalgrande Padana e nella necessità di poter mettere anche i portieri di Modula nelle migliori condizioni per affrontare il campionato, abbiamo pensato di investire in formazione – fanno sapere dalla dirigenza-, cercando un ottimo preparatore che possa seguire tutti gli atleti ed atlete del ruolo durante lo svolgimento della stagione, permettendo loro di consolidare quanto già nelle proprie corde e, per i più giovani, di crescere ancora a livello tecnico. Stefan è uno abituato a lavorare duro ed ha una notevole esperienza, quindi è assolutamente la persona giusta”.

 

Handball Team