Settore Giovanile: L’U15F si prende un fantastico quinto posto alle finali nazionali

Si chiude il sipario sull’ultimo evento giovanile della stagione: il festival della pallamano di Misano Adriatico. Tra le 72 squadre  partecipanti, anche l’U15 femminile a targa Casalgrande Padana, guidata dal super bomber Ilenia Furlanetto, che parte nel girone eliminatorio con Tushe Prato e la testa di serie Cassano Magnago. Passaggio obbligato agli ottavi dopo aver mantenuto il secondo posto nel girone, che vengono passati in modo convincente contro Nuoro, poi, l’eliminazione sul quarto di finale per mano di Mezzocorona, che vincerà poi, il giorno successivo, il titolo nazionale contro PDO Salerno.

La finale per il quinto posto vede poi le casalgrandesi opposte di nuovo a Prato, in una gara nella quale le reggiane si impongono di nuovo per 26-18 in un match che le toscane non riescono mai a mettere in discussione.

“Sono molto contenta della prova delle mie ragazze- dice coach Furlanetto- perchè siamo arrivate quinte in un campionato nazionale rimediando di fatto una sola sconfitta, proprio contro quel Mezzocorona che ha dimostrato di essere davvero la squadra migliore, tanto da guadagnarsi il titolo. Una esperienza importante per le ragazze, che spero abbia loro insegnato tanto, dove hanno dimostrato di saper essere un gruppo unito e che mi fa sperare molto bene per il futuro”.

Finali Nazionali U17 maschile: Spallanzani Casalgrande è vice campione d’Italia

Cassano Magnago, Pala Tacca, 15 Giugno ore 17.30: va in scena la finale scudetto U17 maschile, tra i padroni di casa del Cassano e lo Spallanzani Casalgrande, a marchio Casalgrande Padana.

Palazzetto gremito dai tifosi di casa e da tanti che da Casalgrande sono arrivati a sostenere i propri ragazzi perchè, se sulla carta  tutto dice Cassano Magnago, sognare comunque non costa niente e Casalgrande è la squadra dei miracoli.

Un roster eterogeneo per età ed esperienza dei ragazzi, amalgamato mese dopo mese dal coach Giorgia Di Fazzio, allenatrice donna su cui, in un mondo al maschile, la dirigenza della società ha puntato forte, sapendo trattarsi della persona giusta. Dopo aver centrato l’obiettivo stagionale della qualificazione alle finali nazionali, grazie al primo posto assoluto in regione, il percorso degli U17 casalgrandesi passa attraverso il girone eliminatorio con Cingoli ed Halikada, dove si aggiudicano la testa della poule e l’accesso diretto ai quarti di finale. Eliminato nel quarto con una prova concreta Pallamano Malo, il team ceramico affronta in semifinale Pallamano Pressano, che vanta ben tre azzurri in squadra e su cui si impone ai rigori dopo una gara tiratissima e per certi versi rocambolesca e che fa scendere lacrime di gioia e liberatorie ai giocatori , al duo di allenatori Di Fazzio /Fiumicelli ed al pubblico:  il miracolo della finale scudetto è servito. Casalgrande lascia dietro Pressano e Merano e stacca il biglietto della lotteria che può portarla sul tetto d’Italia.

Non sarà così: il verdetto finale dirà Cassano Magnago, che si impone sul team reggiano per 27/21, in una gara sempre condotta bene, con Casalgrande a rincorrere, ma in cui questi ragazzi hanno dimostrato a tutti di meritare largamente di essere lì e di come non ci fosse nulla di casuale in quella finale: quelle che si sono affrontate sono le migliori squadre giovanili d’Italia e, se Cassano ha palesato la sua superiorità, Casalgrande ha dato prova della crescita esponenziale dei suoi ragazzi e del loro carattere indomito, gente che non si inchina davanti a nessuno che non lo meriti veramente.

Così Giorgia Di Fazzio: “ Ieri abbiamo perso, ma abbiamo tenuto testa ad una squadra ad oggi superiore a noi, senza tirarci indietro, senza paura e con onore. Ci sono vittorie da cui non si impara nulla, e sconfitte che sono mattoni per future e più grandi vittorie, sportive e personali. Voglio ringraziare davvero tutti: da Fabrizio Fiumicelli che più di ogni altro conosce questi ragazzi e che mi ha aiutato sia in palestra durante la preparazione che in panchina durante queste gare, ad ogni genitore e collaboratore . Ma soprattutto ringrazio questo gruppo pazzesco di ragazzi che non si arrendono mai, questa squadra che ha voglia di crescere e fame di risultati. Questi miei ragazzi che sono riusciti a stupirmi, ad emozionarmi, a farmi sfiorare a distanza di tre anni un nuovo scudetto giovanile, dopo una sola stagione di lavoro insieme. Il futuro, può riservarci solo altre soddisfazioni.”

 

Settore Giovanile: U17 femminile è settima alle finali nazionali 2019

Settimo posto per le ragazze U17 a targa Casalgrande Padana guidate da coach Stefania Guiducci. Una fase nazionale in chiaroscuro, ma che fa molto ben sperare per il futuro “in rosa” di questa società.

Molte infatti le ragazze 2004 nel roster a disposizione, che nonostante l’età più giovane, hanno saputo ben figurare e contribuire al percorso della fase regolare fino a portare il team ceramico al quarto di finale.

Un quarto svanito di un soffio, con la sconfitta per una sola rete ad opera della PDO Salerno, ex campione d’Italia e poi arrivata comunque al terzo posto assoluto anche in questa manifestazione. Nulla da rimproverare a capitan Lusetti e compagne, che hanno lottato in quel quarto di finale con il coltello tra i denti fino all’ultimo secondo, non riuscendo per un soffio nell’aggancio finale, trovandosi anche in inferiorità numerica, pur avendo la palla in fase di attacco per cercare il pareggio ed arrivare ai rigori.

Comunque soddisfatta della nostra prestazione – dice coach Guiducci– Abbiamo lavorato parecchio per raggiungere le finali nazionali, e , se da un lato ho avuto conferme dalle ragazze più grandi come Lusetti, Rondoni, Lamberti, Bertolani e Lassouli, dall’altro sono rimasta piacevolmente stupita dalle più piccole del gruppo, che non si sono fatte  intimorire troppo dalla kermesse ed hanno giocato sempre a viso aperto, dimostrando di avere carattere da vendere .” 

Finisce così quindi la stagione sportiva di questo ottimo gruppo, che già da fine estate si rimetterà in cammino per raggiungere nuovi obiettivi.

Casalgrande Padana: Matteo Corradini sarà il nuovo allenatore

Sarà Matteo Corradini il nuovo allenatore per la stagione 2019/2020 del team ceramico Casalgrande Padana di A1 femminile.

Classe ’79 cresciuto pallamanisticamente a Casalgrande, Corradini vanta una notevole esperienza da giocatore, dove ha militato, tra Casalgrande appunto e Rubiera, in tutte le categorie, dalla serie B alla A2 e A1, fino anche all’Elite.

Corradini da giocatore di Nuova Era Casalgrande

Da qualche anno ha intrapreso la carriera come allenatore, occupandosi in via prevalente dei settori giovanili e juniores fino ad oggi, quando la chiamata del team ceramico l’ha convinto al salto di qualità.

Per me è come un ritorno alle origini, anche se in verità non mi sono mai allontanato dalla realtà di Casalgrande –dice Corradini– . Da giocatore ho sempre amato le sfide, e ne sono attirato ancora di più oggi come allenatore. Il progetto di far crescere questo gruppo di ragazze giovani e di casa con l’aiuto di alcune veterane di qualità e che in tanti ci invidiano, mi ha convinto a rispondere positivamente all’interessamento dei dirigenti casalgrandesi. Pur non avendole mai allenate, conosco da anni queste ragazze, sono consapevole delle loro potenzialità e, insieme, faremo il possibile per tenere alto il nome di questa società e dare soddisfazione al nostro pubblico e a chi ci sostiene” .

La dirigenza dà quindi il benvenuto al nuovo tecnico e gli augura un buon lavoro in vista dei prossimi impegni, il primo dei quali è sicuramente portare a definizione il roster che affronterà la prossima stagione.

 

 

 

 

Settore Giovanile: Ottimo quinto posto al torneo delle Aree di Misano Adriatico

Ben sette le atlete casalgrandesi convocate nella rappresentativa dell’Area 4 Emilia Romagna, che hanno ottenuto un buonissimo quinto posto nell’appena concluso Torneo delle Aree di Misano Adriatico.  Sabrina Cappellini, Giulia Mattioli, Asia Trevisani, Asia Mangone, Nicole Di Puorto, Licia Nasi e Rebecca Ansaloni, tutte giocatrici delle giovanili del GSD Pallamano Spallanzani, hanno rappresentato e difeso i colori dell’Emilia Romagna, contro le rappresentative delle altre regioni.

Sotto la guida tecnica di mister Yassine Lassouli ( volto noto della pallamano casalgrandese) e Katia Soglietti, veterana invece di Ariosto Ferrara, le emiliane hanno dato battaglia fino alla conquista di un ottimo quinto posto, in una kermesse creata anche per tenere “sotto osservazione” i talenti italiani a livello giovanile da parte dei tecnici federali.

Orgogliosi ancora una volta delle nostre ragazze che, anche in numero significativo, sono state convocate ed hanno fatto del loro meglio per dimostrare la bontà del lavoro svolto sui settori giovanili in Emilia Romagna.

Casalgrande Padana: Lassouli lascia la guida tecnica

Dopo 4 intense stagioni e tante soddisfazioni, si dividono le strade del team Casalgrande Padana e del suo tecnico Yassine Lassouli.

Un allenatore che ha iniziato giovanissimo (23 anni) a sedere sulla panchina di una squadra di A1 , e che grazie alla sua caparbietà ed alla voglia di emergere ha guidato la squadra agli ottimi risultati delle ultime due stagioni –fanno sapere dalla dirigenza– . Poi però i cicli si chiudono, sono necessarie motivazioni nuove sia per i team che per i tecnici stessi, e da qui la decisione, comunque condivisa con lo stesso allenatore, di dividere le nostre strade.  Lassouli è un tecnico dalla grandi motivazioni, che ama le sfide e capace di  notevole impegno e voglia di crescere. A lui, cresciuto  a Casalgrande  come giocatore prima e come allenatore poi, oltre al doveroso ringraziamento per il lavoro sin qui svolto, un grande in bocca al lupo per il futuro”.

 

Casalgrande Padana: con 202 reti Ilenia Furlanetto è la miglior marcatrice del campionato

202. Tante sono le reti all’attivo del capitano di Casalgrande Padana, Ilenia Furlanetto, messe a segno nell’appena conclusa stagione 2018/2019, che la consacrano miglior marcatrice del campionato.

Una stagione che vedeva, a dicembre 2018, Casalgrande Padana al nono posto in classifica, e che la compagine reggiana ha rimesso in piedi fino a sfiorare la possibilità di una storica finale scudetto, e chiudere infine con un buon quarto posto, alle spalle di Salerno, Oderzo e Brixen, che invece la classifica l’hanno guidata dalla prima all’ultima giornata. Trascinatrice di questa scalata, sicuramente capitan Furlanetto, che in stagione è stata premiata anche come miglior giocatrice italiana del campionato. L’ottimo stato di forma e la continuità della bomber reggiana, è stato sicuramente favorito anche dall’importante apporto di tutta la squadra, dalle veterane Fanton, Franco e Iacovello, come dalle millennials Simona ed Alessia Artoni, Kere, Orlandi , Montermini, e dalle u17 Bertolani , Lusetti, Lamberti e Rondoni, più volte chiamate in causa a dare il loro apporto .

Una stagione conclusa in modo assolutamente onorevole quindi, ha poi avuto, come epilogo, che Casalgrande Padana Ceramiche sarà, anche per la prossima stagione, il main sponsor della pallamano “in gonnella” casalgrandese, per il 26esimo anno consecutivo. Un binomio vincente, fatto di passione per questo sport, impegno e serietà da ambo le parti e che tiene alto, in tutta l’Italia, il nome della città di Casalgrande.

Casalgrande Padana: nonostante la vittoria sfuma la finale scudetto

Casalgrande Padana batte 22-21 Venplast Dossobuono. Fanno la propria parte le casalgrandesi, in un play off sin qui giocato alla grande, in un Pala Keope gremito di pubblico, segno di quanto questa città voglia bene alla pallamano e  quanto ha significato questa realtà negli ultimi trent’anni. Poi tutti in attesa del risultato tra Oderzo e Brixen che, in caso di vittoria delle altotesine, avrebbe lasciata aperta la porta ad un possibile sorpasso all’ultima giornata da parte delle reggiane e la possibilità di andarsi a giocare una storica finale scudetto.

Non esce però il jackpot: Oderzo non sbaglia la gara e si impone sul Brixen, qualificandosi matematicamente come seconda finalista e spegnendo così il sogno delle ragazze di mister Lassouli.

 

La gara con Dossobuono viene ampiamente dominata da Casalgrande Padana fino alla metà del secondo tempo, trascinata da una implacabile Furlanetto (13 reti) e da una Fanton in grande spolvero che, al di là delle sei reti segnate, mostra una classe ed una varietà di giocate che è ben difficile vedere diversamente in questo campionato. Poi Dossobuono, spalle al muro, aumenta il ritmo, cerca di soffocare il gioco delle reggiane con una difesa più attenta e profonda e, complici anche i molti errori al tiro delle padrone di casa, si rifà sotto fino al -1, senza riuscire però nell’aggancio finale. Per la cronaca da segnalare anche l’espulsione di Martina Iacovello a due minuti dal termine per un fallo commesso fuori dalla propria area, nell’intento di intercettare un pallone destinato a creare un pericoloso contropiede avversario.

Se da una parte sfuma il sogno di una finale scudetto, resta in piedi però quello di un più che ottimo ed onorevole terzo posto, da contendersi, all’ultima giornata, in trasferta, proprio contro Brixen. Gara che avrà da regalare emozioni: se la statistica ad oggi dice Brixen, è pur vero che proprio contro Babbo&C. , nella prima di ritorno, è iniziata la vera risalita di Casalgrande Padana, che venne sì sconfitta di misura, dimostrando però di essere in piena crescita e di avere la possibilità di scompaginare, come poi è stato, quelli che apparivano i già stabiliti equilibri del campionato.

“Siamo orgogliosi di questo gruppo – dice il presidente Soncini– Queste ragazze hanno fatto un vero e proprio miracolo, non solo rimettendo in piedi una stagione che fino a Dicembre ci aveva visto in difficoltà, ma anche dando prova di carattere e di una  voglia di vincere che ci ha portato ad accarezzare un sogno importante. Tutto questo è stato possibile sì grazie alle veterane della squadra, ma anche alle diverse millennials più volte schierate in campo in campionato, a fare anche loro la loro parte.”

Stagione in chiusura quindi , ma ancora con la speranza del miglior piazzamento possibile e poi, testa alla programmazione della prossima stagione.

 

Casalgrande Padana al rush finale. Tutto è ancora possibile

Primo Maggio all’insegna della pallamano giocata per le ragazze di Casalgrande Padana, che impegnate ancora nel play off scudetto, affronteranno al Pala Keope (h. 18.30) la Venplast Dossobuono.

Se Jomi Salerno è la sicura prima finalista dello scudetto 2018/2019, la sfida per il secondo posto e per la seconda finalista è ancora del tutto aperta, e di questa sfida fanno ancora parte a pieno titolo le ragazze di mister Lassouli.

Archiviata la sconfitta rimediata a Salerno la vigilia di Pasqua, le casalgrandesi ospitano in questo turno le veronesi della Venplast, che arriveranno a dare battaglia nonostante, insieme ad Ariosto Ferrara, si trovino di fatto fuori dai giochi per la finale.

Serve una vittoria – spiega il d.g. Aldini-  senza se e senza ma, per rimanere ancora agganciati al sogno di ottenere un possibile secondo posto ed una davvero storica finale scudetto. Abbiamo davanti ancora Brixen e Oderzo e sappiamo che sarebbe necessario si incastrassero in modo giusto anche alcuni risultati da altri campi, ma le nostre ragazze dovranno fare la loro parte, con la convinzione che le ha contraddistinte in tutto il girone di ritorno e che le ha portate nella parte alta della classifica, ed anche il nostro pubblico potrebbe giocare un ruolo chiave in questo incontro.”

Diretta streaming della gara dalle 18.20 su PallamanoTV .

 

Agaptour: Ri- eccoci quA2

“Voglio ringraziare questo gruppo di ragazzi – dice mister Scorziello– che ha fatto una stagione perfetta . Nessuna sconfitta fino a qui, solo due pareggi, nessun passo indietro. Ogni partita giocata da parte di tutti con in testa questo obiettivo, riportare il nome del GSD Pallamano Spallanzani  Casalgrande nelle massime serie nazionali maschili, dopo la rinuncia al campionato di A1 quattro anni fa. Avevamo progettato di riuscirci in tre anni: lo abbiamo sfiorato nella prima stagione, e abbiamo centrato l’obiettivo nella seconda. Sono davvero orgoglioso di loro.”

E’ festa al Pala Keope di Casalgrande dopo l’incontro con Pallamano Savena che, vinto 30-24, fornisce la matematica promozione alla serie A2.  Starting seven con Ricciardo in porta, capitan Giubbini, Mattia Lamberti, Pranzo, Scalabrini , Toro e Lenzotti, con Aldini al cambio attacco/difesa con Pranzo. Savena vuol rovinare la festa ai padroni di casa e gioca bene, sviluppando un buon gioco soprattutto a destra, dove Toro e Giubbini non sempre riescono ad arginare le incursioni del terzino e dell’ala bolognesi, che vanno a chiudere il primo tempo in vantaggio per 14-15.

Nell’intervallo mister Scorziello sistema la difesa spostando Aldini a sinistra e le incursioni felsinee di fatto si abbassano del 70 per cento. Inizia la rincorsa: Ricciardo sbarra più volte la porta e strappa applausi al pubblico, poi Giubbini e Lamberti iniziano lo show riforniti da Pranzo; Toro , Scalabrini  e Pertoldi si fanno sempre trovare pronti. E si fanno trovare pronti anche Prodi e Galopin quando chiamati in causa, e Lenzotti che riceve pochi palloni in attacco, ma difende alla grande. Seconda frazione perfetta, bottino pieno e promozione.

Abbiamo un sacco di ragazzi talentuosi nelle nostre squadre juniores – dice Fiumicelli, responsabile del settore giovanile– e dopo la chiusura della squadra senior maschile, alla lunga i nostri ragazzi sarebbero stati costretti ad andare verso altri club. Nasce così questo progetto: crearsi talenti in casa e giocatori in grado di continuare a praticare questo sport tenendo alto il nome di Casalgrande e perpetuando una tradizione forte nella nostra città, fornendo uno sbocco naturale per i nostri atleti anche nel settore maschile. La società ci ha sostenuto, ha creduto nel nostro progetto e non posso che essere contento dei risultati, anche alla luce del fatto che già oggi molti dei nostri U17 sono stati utilizzati in questo gruppo, qualcuno a tempo pieno qualcuno più sporadicamente, ma immagino che questo trend continuerà anche nella prossima stagione.”

Dalla dirigenza della società fanno sapere che sono già in corso le attività progettuali e programmatiche per definire la prossima stagione. Stay Tuned

Handball Team